Teresa Vecchia. Entrevista cù l'autore di A zitella chì vulia sapè tuttu

Avemu parlatu cù u scrittore è cumunicatore Teresa Viejo nantu à u so ultimu travagliu.

Fotografia: Teresa Viejo. Per cortesia di Ingenuità di cumunicazione.

A Teresa Vecchia Hè ben cunnisciuta per a so carriera prufessiunale cum'è ghjurnalistu, ma hè ancu scrittore prufessiunale. Aduprà u so tempu trà radiu, televisione, a relazione cù i so lettori è più attelli è discorsi. Inoltre, hè un Ambasciatore di Goodwill per unicef è a Fundazione per i Vittimi di u Trafficu. Hà scrittu saggi è rumanzi cù tituli cum'è Mentre piove o U ricordu di l'acqua, frà altri, è avà prisentatu A zitella chì vulia sapè tuttu. In questu intervista Ci parla di ella è di altri temi. Ti ringraziu assai per a vostra attenzione è u tempu.

Teresa Viejo - Intervista

  • NOTIZIE DI LITERATURA: U vostru ultimu rumanzu hè intitulatu A zitella chì vulia sapè tuttu. Chì ci dici à propositu è ​​da induve hè nata l'idea?

TERESA VECCHIA : A zitella chì vulia sapè tuttu ùn hè micca un rumanzu, ma un travagliu di non-fiction attornu à a curiosità, una furtezza in a so ricerca mi sò spicializata in l'ultimi anni, pigliandu dinò in carica publicità i so benefici è prumove u so usu in cunferenze è furmazione. Stu libru face parte di un prucessu chì mi dà una grande gioia, l'ultimu principiatu a mo tesi di dutturatu per sustene stu studiu. 

  • AL: Pudete turnà à quellu primu libru chì avete lettu? È a prima storia chì avete scrittu?

TV: Pensu chì saria una copia di a saga di I cinque, di Enid Blyton. Mi ricordu ancu in particulare Pollyanna, di Eleanor H. Porter, perchè a so filusufìa felice malgradu e difficultà chì u caratteru hà avutu, m'hà marcatu assai. In seguitu, cù u tempu, aghju detectatu in questu i sementi di a psiculugia pusitiva chì avà praticà. intornu à quellu tempu Aghju cuminciatu à scrive storie di misteru, chì ùn pareva assai abituale per una zitella di dodici anni, tredeci, ma, cum'è Juan Rulfo hà dettu, "semu sempre scrivite u libru chì vulemu leghje". 

  • AL: Un capimachja? Pudete sceglie più di una è trà tutte l'epiche. 

TV: Petru Paramo, di J. Rulfo hè u libru chì aghju sempre rilettu. L'autore mi pare un esse straordinariu in a so cumplessità. Amu Garcia Marquez, Ernesto Sabato è Elena Garro; I romanzi di u boom m'hà aiutatu à cresce cum'è lettore. i puesii di Petru Salinas mi accumpagnanu sempre; cuntimpuraniu per ellu, ancu s'ellu era in un sessu diversu, era Daphne du maurier, chì e trame mi seducenu da u principiu, un bon esempiu chì pudete esse populari è scrive assai bè. è vi cunsigliu Olga Tokarczuk per qualcosa simili, un vincitore di u Premiu Nobel chì i so libri captivanu immediatamente. Edgar Allan Poe trà i classici è Joyce Carol Oates, cuntimpuraniu. 

  • AL: Chì caratteru in un libru ti averia piaciutu di cunnosce è di creà? 

TV : Più chè un caratteru, mi avissi vulutu visitate qualsiasi di i paràmetri di i rumanzi di Daphne du Maurier: A casa di Rebecca, Jamaica Inn, a splutazioni induve vive a cugina Rachel...

  • AL: Qualcosa abitudine o abitudine particulare quandu si tratta di scrive o di leghje? 

TV: Wow, tanti! Ogni rumanzu hà a so gamma di aromi, cusì Aghju da scrive cù candele profumate o rinfrescante d'aria intornu à mè. in u mo uffiziu Creu l'atmosfera di i mo caratteri cù vechji ritratti: tessili è vestiti ch'elli anu da aduprà, e case duv'ellu si metterà a trama, i mobili è l'ogetti persunali di ognuna d'elli, i paisaghji di i lochi... s'è qualchì azzione si faci in una cità, in un locu veru. , Aghju bisognu di truvà a mappa chì Spiega ciò chì era à u mumentu chì a storia si sviluppa. I ritratti di i so edifici, e riforme chì sò state fatte dopu, etc. 

Per esempiu, durante a scrittura di u mo secondu rumanzu, Chì u tempu ci trovi, aduttatu idiomi messicani per dà li à i parsunaghji è mi sò abituatu à l'alimentu messicanu, immersi in a so cultura. Di solitu dicu chì scrive un rumanzu hè un viaghju : drentu, in u tempu, à i nostri ricordi è à a memoria cullettiva. Un rigalu chì ognunu di noi duverebbe dassi, almenu una volta in a vita. 

  • AL: È u vostru locu è tempu preferitu per fà? 

TV: In u mo ufficiu, cù assai luci naturale, è preferimu scrive di ghjornu. Megliu a matina chè a tarda dopu meziornu. 

  • AL: Ci sò altri generi chì ti piacenu? 

TV: In generale, mi piace i telenovelas cù una bona carica di misteru, ma passa ancu per strisce. Per esempiu, in l'ultimi anni aghju lettu più non-fiction: neuroscienza, psiculugia, astrologia, dirigenza è crescita persunale ... è, trà e mo letture, i testi nantu à a spiritualità si intruducenu sempre. 

  • AL: Chì leghje avà? È scrivendu?

TV : Hè assai frequente chì aghju combinatu parechji libri à u stessu tempu ; in a mo valigia di vacanze aghju inclusu i rumanzi Hamnet, di Maggie O'Farrell, è U celu hè turchinu, a terra hè bianca, di Hiromi Kawakami (un libru diliziosu, per via), è i saggi pensa di novudi Adam Grant essendu relazionale, di Kenneth Gergen è u putere di gioia, di Frédérich Lenoir (i so riflessioni risonanu un pocu). È ghjustu oghje aghju ricevutu Blonde, di Carol Oates, ma per e so quasi 1.000 pagine aghju bisognu di tempu. 

In quantu à scrive, sò finisce una storia ch'e sò statu incaricatu per una compilazione. È un rumanzu mi gira in capu. 

  • AL: Cumu pensate chì sia a scena di publicazione è chì hà decisu di pruvà à publicà?

TV: In verità, ùn sò micca veramente ciò chì vi risponde perchè a scrittura è a publicazione per mè sò ligati. Aghju publicatu u mo primu libru in l'annu 2000 è era u risultatu di e conversazioni ch'e aghju avutu cù u mo editore; Aghju sempre mantenutu u cuntattu fluidu cù i mo editori, aghju valore u so travagliu è i so cuntributi, perchè u risultatu finali hè di solitu a summa di parechji punti di vista durante u prucessu di creazione. 

  • AL: U mumentu di crisa chì campemu hè difficiule per voi o puderete tene qualcosa di pusitivu per e storie future?

TV: Ogni era hà a so crisa, a so guerra è i so fantasmi, è l'omu deve amparà à gestisce. Hè impussibile di nigà a difficultà di u scenariu chì simu; ma quand'ellu si scrive nantu à l'altri ghjunti storichi vi aiuta à relativizà è ancu à capisce. Ùn possu micca imaginà u turmentu di i nostri missiavi chì cercanu di truvà una certa normalità durante a guerra civile, è a natura morta curriava : i zitelli andavanu à a scola, a ghjente surtia, andava in caffè, si innamurava è si maritava. Avà i ghjovani emigranu per ragioni ecunomiche è in u 1939 fughjenu per ragioni pulitiche. Certi fatti si avvicinanu periculosamente, cusì per capisce ciò chì avemu avutu, duvemu leghje a storia recente.  


U cuntenutu di l'articulu aderisce à i nostri principii di etica edituriale. Per signalà un errore cliccate quì.

Sianu the first to comment

Lasciate u vostru cummentariu

U vostru indirizzu email ùn esse publicatu.

*

*

  1. Responsabile di i dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopu di i dati: Cuntrolla SPAM, gestione di cumenti.
  3. Legitimazione: U vostru accunsentu
  4. Cumunicazione di i dati: I dati ùn seranu micca cumunicati à terzi, eccettu per obbligazione legale.
  5. Archiviazione di dati: Base di dati ospitata da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: In ogni mumentu pudete limità, recuperà è cancellà e vostre informazioni.