Emilia Pardo Bazán: libri eccezionali e la sua vita

Madre Natura, libro di Emilia Pardo Bazán.

Libri di Emilia Pardo Bazán: Madre Natura

"Emilia Pardo Bazán Libros" è stata una delle ricerche più frequenti sul web negli ultimi mesi. I motivi sono tanti, ma tra tutti spicca il tesoro che rappresenta l'opera letteraria di questo autore. Bazán era una giornalista, scrittrice, femminista, traduttrice ed editrice spagnola. Per tutta la vita ha difeso i diritti delle donne e ha assicurato che avessero un ruolo rispettato nella società.

L'autore faceva parte della nobiltà e la Royal Galician Academy. Il titolo di contessa di Pardo Bazán le fu conferito dal re Alfonso XIII nel giugno 1908. Bazán produsse romanzi e saggi, libri di viaggio e opere teatrali. Spiccano anche le famose frasi dell'autore, orientata alla difesa delle donne e ricca di un ammirevole spessore filosofico e poetico.

Famiglia e infanzia

Pardo nasce a La Coruña, una città della Galizia, il 16 settembre 1851. È cresciuto in una famiglia aristocratica. Suo padre era José María Pardo Bazán y Mosquera, che aveva il titolo di primo conte di Pardo Bazán e sua madre si chiamava Amalia María de la Rúa Figueroa y Somoza.

Suo padre era un uomo con idee femministe e si assicurava che Emilia avesse un'istruzione di qualità. Nella sua infanzia leggeva i libri che aveva suo padre, i suoi preferiti erano romanzi e testi di storia. Ha studiato in una scuola protetta dalla Casa Reale e da adolescente con le governanti.

Educazione

La scrittrice era una delle poche donne del suo tempo che si rifiutava di imparare i lavori domestici e la musica.. Ha studiato inglese, francese e tedesco, suo padre e i suoi amici intellettuali l'hanno educata in scienze e filosofia perché gli studi universitari erano vietati alle donne.

Ama la vita

Nel 1868 sposò uno studente di giurisprudenza di 19 anni di nome José Quiroga y Pérez Deza. Un anno dopo il matrimonio decisero di trasferirsi a Madrid insieme al padre di Emilia, che avrebbe esercitato la sua carica di deputato alle Cortes. Nel 1871 andarono con la coppia Pardo-Rúa in Italia e in Francia.

Inizio della sua carriera letteraria

Nel diario L'imparziale ha pubblicato i suoi scritti sul viaggio che aveva fatto con i suoi genitori e il marito. All'interno di queste cronache l'autore ha cercato di mostrare come il viaggio fosse un mezzo eccellente per promuovere l'istruzione di una persona. Consigliava di visitare posti nuovi almeno una volta all'anno.

Nel 1876 pubblicò il suo primo saggio dal titolo Studio critico delle opere di padre Feijoo per cui ha ottenuto riconoscimenti e ammirazione. In quell'anno nacque suo figlio Jaime e produsse una raccolta di poesie che fu curata da Francisco Giner de los Ríos e intitolata con lo stesso nome del suo piccolo.

Citazione di Emila Pardo Bazán.

Citazione di Emila Pardo Bazán - Frasesgo.com.

Nel 1879 nacque sua figlia Blanca e pubblicò il suo primo romanzo Pascual López, autobiografia di uno studente di medicina. Questo è stato un lavoro di successo che è stato presentato al Rivista di Spagna. La storia si è svolta a Santiago de Compostela e il suo tema era romantico con un tono realistico.

Emilia ha pubblicato Una luna di miele in 1881, in questo lavoro ha fatto conoscere il suo interesse per il naturalismo. In quell'anno nacque sua figlia Carmen e iniziò a corrispondere con lo scrittore e politico Benito Pérez. Nel 1882 chiese istruzione per le donne spagnole in un seminario della Free Institution of Education.

Il naturalismo di Pardo

L'autore spagnolo pubblicato nel 1882 La domanda scottante, un libro considerato come un promotore del naturalismo nel suo paese. Era un lavoro controverso, bollato come ateo e pornografico perché riguardava la letteratura di Émile Zola. A causa di questa controversia, suo marito le ha chiesto di evitare di scrivere.

Pardo-Bazán ha continuato a produrre opere, tra cui  Il tribuno en 1883 y La giovane donna Nel 1885, in quest'ultimo, fu ispirata dai problemi coniugali e dalla successiva separazione con il marito José. Nel 1886 pubblicò I pazos de Ulloae nel 1887 l'autore pubblicò Madre natura e iniziò ad allontanarsi dal naturalismo.

Politica e femminismo

Il giornalismo politico e la sua lotta per difendere i diritti delle donne le hanno dato un maggiore riconoscimento. Ha tenuto conferenze in varie occasioni e molti uomini dell'epoca si sono sentiti minacciati dai suoi talenti. Nel 1890 pubblicò Donna spagnola e seppe della morte di suo padre. Questa perdita avvicinò Emilia al simbolismo e allo spiritualismo.

Con l'eredità del padre ha creato la rivista politica e sociale Nuovo teatro critico. Nel 1892 fu respinta quando cercava di far parte dell'Accademia reale spagnola e nel 1906 divenne la prima donna a dirigere il dipartimento di letteratura dell'istituto culturale Atenea de Madrid. Si dice che a un certo punto della sua vita l'autrice avesse idee razziste e antisemite.

Gli ultimi anni e la morte

Nel 1916 riuscì a tenere corsi di letteratura neo-latina, diventando la prima professoressa di quella cattedra all'Università Centrale di Madrid. Emilia muore il 12 maggio 1921 nella capitale spagnola. Il suo primo romanzo Hobby pericolosi e alcuni dei suoi libri di viaggio furono pubblicati postumi.

Immagine di Emilia Pardo Bazán.

Lo scrittore Emilia Pardo Bazán.

Emilia Pardo Bazán: libri in primo piano ed estratti

Ecco i frammenti di alcune delle opere dell'autore spagnolo:

Il rostro

"Poiché di solito non ci sono stagioni per i poveri, Amparo aveva lo stesso completo scozzese, ma molto deteriorato, e una sciarpa di lana pettinata rossa era l'unico indumento che indicava il passaggio dalla primavera all'inverno ...

“… Nonostante un abbigliamento così meschino, non so quale fiore dell'adolescenza stesse iniziando a mostrare nella sua persona; l'abbronzatura della sua pelle era più chiara e sottile, i suoi occhi neri brillavano ”.

La domanda scottante

“Come lo denuncia Zola, soffre dell'estetica naturalistica dei difetti che già conosciamo. Alcuni dei suoi principi sono di grandi risultati per l'arte; ma c'è nel naturalismo, considerato come un corpo di dottrina, una limitazione ...

“… Un carattere chiuso ed esclusivo che non so spiegare se non dicendo che assomiglia a stanze dal soffitto basso e piccolissime, in cui la respirazione è difficile. Per evitare di annegare bisogna aprire la finestra: far circolare l'aria e far entrare la luce del cielo ”.

Madre natura

“Sotto un albero la coppia si è rifugiata. Era il magnifico protettore del castagno, con una maestosa e vasta chioma, aperta con sfarzo quasi architettonico sull'ampia e ferma colonna del tronco, che sembrava lanciarsi con prepotenza verso le nuvole scatenate: un albero patriarcale, di quelli che vedono generazioni di cimici che riescono con sdegnosa indifferenza., afidi, formiche e larve, e danno loro una culla e una tomba nei seni della loro corteccia screpolata ”.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

bool (vero)