Frasi famose di Emilia Pardo Bazán

Un paio di giorni fa si è celebrato l'anniversario della nascita di una delle nostre più importanti scrittrici: Emilia Pardo Bazán. Nato a La Coruña, nell'anno 1851, apparteneva a una famiglia aristocratica. Era una donna di enorme prestigio per il suo tempo. Compì numerosi viaggi e incontrò grandi autori come Victor Hugo o Zola.

Si è separata dal marito e ha avviato una storia d'amore con Benito Pérez Galdós. Diresse la sezione di letteratura dell'Ateneo e nel 1916 fu nominata professore all'Università di Madrid. Morì nel 1921, sempre a Madrid.

Apparteneva al realismo

sviluppo Realismo È stato il trionfo del romanzo, un genere che ha permesso di ritrarre la realtà in modo affidabile. I romanzieri più rappresentativi di questo periodo furono Galdós, Juan Valera, Leopoldo Alas "Clarín" ed Emilia Pardo Bazán. Quest'ultimo apparteneva specificamente al Naturalismo, una derivazione del Realismo apparso in Spagna intorno al 1880 con la pubblicazione di "I diseredati" de Galdos.

Emilia Pardo Bazán è stata il principale difensore in Spagna del Naturalismo. Nel caso di questo autore, questo movimento è inquadrato nel cattolicesimo. Quindi, il determinismo naturalistico di Zola è solo apparente ed è subordinato alla capacità dell'uomo di vincerlo attraverso la fede, che lo eleva al di sopra di tutte le altre creature. Tra i suoi romanzi spiccano soprattutto "I pazos de Ulloa" (1886) y "Madre natura" (1887), entrambi sviluppati negli ambienti rurali della Galizia che compongono mondi chiusi dominati dalle passioni.

Citazioni famose

E ora festeggeremo la nascita di questo autore che ci ha lasciato tante buone frasi per la storia. Alcuni di loro sono i seguenti:

  • "Ho altrettanto importante tra tutti il ​​concetto che il romanzo non sia più un'opera di mero intrattenimento, un modo per ingannare piacevolmente qualche ora, che equivale a uno studio sociale, psicologico, storico, ma in definitiva studio".
  • «La sfortuna dell'uomo moderno è essere egoista e sensibile; abbastanza egoista da cedere alle sue passioni, abbastanza sensibile da soffrire mentre assisteva al caos che avevano provocato sul destino di qualcun altro. Essendo interno e accuratamente nascosto, la lotta di Felipe non fu meno violenta, né il suo disagio fu minore. A dire il vero, quello stato così speciale non può essere chiamato lotta: c'è una lotta stessa, quando la volontà oscilla tra due soluzioni ».
  • “Non scegliamo i nostri sentimenti, vengono da noi, crescono come l'erba che nessuno pianta e che inonda la terra. E i sentimenti a volte si abbandonano a infantilismi senza valore apparente, anzi estremamente eloquenti, rivelatori di verità psicologiche, come certi sintomi lievi denunciano malattie mortali ».
  • «Un prete può fare tutte le cose cattive del mondo. Se avessimo il privilegio di non peccare, stavamo bene; eravamo stati salvati proprio nel momento dell'ordinazione, il che non era un affare debole. In effetti, l'ordinazione ci impone doveri più ristretti che ad altri cristiani, ed è doppiamente difficile per uno di noi essere buono. E per essere così nel modo in cui richiederebbe il cammino di perfezione che dobbiamo intraprendere quando ci ordiniamo sacerdoti, è necessario, a parte i nostri sforzi, che la grazia di Dio ci aiuti. Non c'è nulla.
  • "La dittatura è come un'aria e non diventa mai un'opera".
  • "Il giorno" alcuni signori "dissero ad Amparo che era carina, la ragazza errante si rese conto del suo sesso: fino ad allora era stato un ragazzo in gonnella. E nessuno la considerava diversamente: se qualche furfante per strada le ricordava che faceva parte della metà più bella del genere umano, lo faceva per metà con le guance, e rifiutava a manciate, se non con calci e morsi, il barbaro complimento. Tutte cose che non gli hanno tolto il sonno o l'appetito.
  • "È assurdo che un popolo riponga le proprie speranze di redenzione e fortuna su forme di governo che non conosce".
  • "L'educazione delle donne non può essere chiamata tale educazione, ma formazione, poiché finalmente si propone obbedienza, passività e sottomissione".
  • "L'educazione fisica fa aumentare la statura e il vigore delle donne e arricchisce il loro sangue".
  • "Per bocca di solito moriamo come semplici pesci, e non è la morte di un uomo ben informato, ma di un animale bruto, freddo e goffo."

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.