"I pazos de Ulloa" di Emilia Pardo Bazán

Ieri vi abbiamo ricordato questo meraviglioso scrittore, Emilia Pardo Bazán. Ti abbiamo portato un po 'della sua vita e del suo lavoro, entrambi brevemente riassunti, e ti abbiamo lasciato dieci delle sue frasi più famose. Oggi vogliamo analizzare, anche in modo breve e divertente, uno dei suoi romanzi più famosi: "I pazos de Ulloa".

Se vuoi sapere di cosa tratta questo libro e leggerne un breve estratto, prendi un caffè o un tè e goditi questo articolo con noi.

"I pazos de Ulloa" (1886)

Questo libro scritto nel 1886 descrive la storia di Don Pedro Moscaso, Marchese di Ulloa, che vive isolato nell'ambiente brutalizzato del suo pazos, il dominio dei suoi stessi servi. Con Sabel, figlia del suo servo Primitivo, il marchese ha un discendente bastardo, che chiamano Perucho. Quando Julián, il nuovo cappellano, arriva al pazo, insiste sul marchese per trovare una moglie adatta, così sposa sua cugina Nucha, il che non gli impedirà di soccombere all'amore illecito del suo servo.

In questo frammento che mettiamo di seguito, possiamo vedere l'interesse per il sordido, tipico del Naturalismo (derivazione del Realismo) dell'epoca:

«Le pupille del pesce angelo erano scintillanti; le sue guance si infiammarono e dilatò il suo classico nasino con l'innocente lussuria di Bacco da bambino. L'abate, ammiccando maliziosamente con l'occhio sinistro, gli versò un altro bicchiere, che prese con due mani e bevve senza perdere una goccia; subito scoppiò a ridere; e, prima di finire il rotolo della sua risata bacchica, lasciò cadere la testa, molto scolorita, sul petto del marchese.

-Lo vedi? gridò Julian angosciato. È troppo piccolo per bere così e si ammalerà. Queste cose non sono per le creature.

-Bah! Primitivo è intervenuto. Pensi che il rapace non possa con quello che ha dentro? Con quello e con lo stesso! E se non vedrai.

[...]

-Come va? Gli chiese Primitivo. Hai voglia di un altro penny da tostare?

Perucho si voltò verso la bottiglia e poi, come istintivamente, scosse la testa di no, scuotendo la spessa pelle di pecora dai riccioli. Non era un uomo primitivo da arrendersi così facilmente: seppellì la mano nella tasca dei pantaloni e tirò fuori una moneta di rame.

"Da quella parte ..." borbottò l'abate.

"Non fare il barbaro, Primitivo," mormorò il marchese tra il piacevole e il grave.

- Da Dio e dalla Vergine! Implorò Julian. Uccideranno quella creatura! Uomo, non insistere per far ubriacare il bambino: è un peccato, un peccato grande come tutti gli altri. Non puoi assistere a certe cose!

Il Primitivo, anche lui in piedi, ma senza lasciare Perucho, guardava freddamente e sornione il cappellano, con lo sdegno dei tenaci per i quali si esaltano per un momento. E mettendo la moneta di rame nella mano del bambino e tra le sue labbra la bottiglia di vino scoperta e ancora versata, la piegò, la tenne così finché tutto il liquore non passò nello stomaco di Perucho. Tolta la bottiglia, gli occhi del bambino chiusi, le braccia allentate e non più scolorite, ma con il pallore della morte sul viso, sarebbe caduto sul tavolo se il Primitivo non lo avesse sostenuto ».


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.