Principali opere di Juan Ramón Jiménez

Citazione di Juan Ramón Jiménez.

Citazione di Juan Ramón Jiménez.

Quando un utente di Internet cerca "opere principali Juan Ramón Jiménez", i risultati indicano i suoi tre titoli più noti. Vale a dire, La solitudine sonora (1911) Platero e io (1914) y Diario di un poeta appena sposato (1916). In essi è possibile individuare i tratti più noti del suo stile: soggettività, perfezionismo, contemplazione, ricerca dell'eternità e “la bellezza della bruttezza”.

Tuttavia, all'interno di qualsiasi rivista letteraria potrebbe essere molto prevenuto limitarsi solo alle pubblicazioni citate. Dopo tutto, questi sono i testi di un vincitore del Premio Nobel per la letteratura. Cosa c'è di più, in ciascuna delle sue fasi creative —Sensibile (1889-1915), intellettuale (1916-1936) e vero (1937-1958) - pubblicò diversi scritti importanti ai suoi tempi.

La vita di Juan Ramón Jiménez

Nascita e studi

Era nato a Moguer, in Spagna, il 23 dicembre 1881. I suoi genitori, Víctor Jiménez e Purificación Mantecón López-Parejo, erano impegnati nel commercio del vino. Il piccolo Juan Ramón ha frequentato la scuola elementare presso il Colegio de Primera y Segunda Enseñanza de San José. Successivamente, è andato all'Istituto “La Rábida” (Huelva) e ha studiato al liceo presso l'Accademia San Luis Gonzaga a Puerto de Santa María.

Inizialmente, Jiménez credeva che la sua vocazione fosse la pittura; Con questo in mente, si trasferì a Siviglia nel 1896. Tuttavia, in breve tempo completò i suoi primi scritti in prosa e in versi e in seguito divenne un collaboratore di vari giornali e riviste andalusi. In parallelo, ha iniziato - per imposizione dei genitori - la carriera di avvocato presso l'Università di Siviglia (Lo lasciò nel 1899).

depressione

Nel 1900 si trasferisce a Madrid, dove pubblica Ninfee y Anime di viola, i suoi primi due libri. Quello stesso anno cadde in una profonda depressione dopo la morte del padre e la conseguente perdita di tutti i beni familiari in una controversia con il Banco de Bilbao.

Di conseguenza, Jiménez è stato ricoverato in un ospedale psichiatrico a Bordeaux e successivamente al Sanatorio del Rosario nella capitale spagnola. Infatti, la depressione era una condizione frequente per tutta la vita del poeta. Soprattutto dopo lo scoppio della guerra civile con il successivo consolidamento della dittatura franchista e la morte di un nipote in quel conflitto bellicoso.

Il rubacuori

Prima di diventare un vero Casanova, lo scrittore andaluso era molto innamorato di Blanca Hernández Pinzón, indicata nei suoi versi come la "sposa bianca". In seguito, "non discriminava" l'origine, l'occupazione o lo stato civile per le sue relazioni amorose. Ne aveva di tutti i tipi: donne sposate, single, straniere e persino - secondo José A. Exposito, il suo editore - anche con le suore.

Tappe letterarie di Juan Ramón Jiménez

Fase sensibile (1898-1915)

Le esperienze di Donjuán de Jiménez sono state importanti per i testi che le riflettono, specialmente in Libri d'amore (1911-12), strutturato in 104 poesie. Questa fase è stata la più prolifica dello scrittore Huesca. In esso riflette la corrente modernista e il simbolismo letterario di quel tempo insieme all'evidente influenza di Gustavo Adolfo Bécquer.

inoltre, alla fine di questa fase l'influenza simbolista francese incarnata da intellettuali come Charles Baudelaire o Paul Verlaine, tra gli altri. Di conseguenza, nelle sue opere c'è molta rilevanza del paesaggio e delle risorse idealizzate, dove la malinconia è un sentimento costante.

La solitudine sonora (1911)

Questa è una delle raccolte di poesie meno studiate di Jiménez, ma non per questo meno rilevante. Poiché le forme presenti nel brano, così come il suo contenuto, riaffermano il distacco del poeta dal “patrimonio” modernista. Quest'opera rappresenta quindi l'inizio di un rinnovamento poetico molto audace per il suo tempo.

Frammento:

“L'oro della sera sta diventando rosa;

le verdure sono ferme e l'azzurro è freddo;

e nell'illusione del sole, una farfalla vola

elegiaco, indolente, trasparente "...

Platero e io (1914)

È considerato dagli accademici come uno dei più importanti testi lirici in spagnolo di tutti i tempi. Allo stesso modo, per Jiménez significava un brano di transizione dal modernismo letterario a una forma espressiva carica di nobili sentimenti e densità descrittiva. Quindi, Argentiere Sembra una favola per bambini, ma di certo non lo è (afferma lo stesso autore).

D'altra parte, nonostante i continui riferimenti alla nativa Andalusia e alcune coincidenze personali, né è un racconto autobiografico. In effetti, Jiménez ha creato una poesia in prosa davvero sublime, privo di un ordine cronologico. Ma il tempo sembra scorrere eternamente avanti, dove l'inizio e la fine sono rappresentati dalle stagioni.

Frammento:

“Platero è piccolo, peloso, morbido; così morbido fuori che si direbbe che è di cotone, che non ha ossa. Solo gli specchi a getto dei suoi occhi sono duri come due coleotteri di vetro nero ”(…)“ È tenero e coccoloso proprio come un ragazzo, come una ragazza…, ma asciutto e forte dentro come una pietra ”.

Altre opere dalla fase sensibile di Jiménez

  • Rimas (1902).
  • Arie tristi (1902).
  • Giardini lontani (1904).
  • malinconia (1912).
  • labirinto (1913).

Fase intellettuale (1916-1936)

In questo periodo - battezzato così da lui stesso - il poeta andaluso fu profondamente segnato da diversi eventi epocali. La prima, la sua prima spedizione in America e l'approccio alla poesia anglosassone di autori come Blake, Yeats, E. Dickinson e Shelley, tra gli altri.

Il secondo evento è stato il suo matrimonio con Zenobia Camprubí, sua fedele compagna fino ai suoi ultimi anni. Infine, il mare divenne una motivazione cruciale, perché per Jiménez l'oceano significava vita, intimità, solitudine, felicità e tempo presente perpetuo.

Diario di un poeta appena sposato (1917)

Come suggerisce il nome, In questo lavoro, Jiménez ha espresso l'impatto prodotto dal suo matrimonio recentemente consumato con Camprubí. Allo stesso modo, la modernità di New York ha trasformato la sua concezione del mondo e ha portato alla nascita di una lirica priva di aggettivi ornamentali. Dove l'uso di sostantivi nudi è inteso a evocare immagini elementari.

Inoltre, Juan Ramón Jiménez ha preso le distanze dalle forme poetiche tradizionali a discapito di un sorprendente e innovativo mix di sottogeneri (da qui il suo significato). Una tale combinazione simboleggiava il caotico trambusto incessante di una metropoli piena di contrasti. Nello specifico, in questo lavoro le forme liriche menzionate di seguito coincidono:

  • Poesie in prosa
  • Versetti
  • Micro storie
  • Assiomi
  • Gregueries
  • Scritture extrapoetiche

Altre opere della fase intellettuale di Juan Ramón Jiménez

  • Estate (1916).
  • Sonetti spirituali (1917).
  • Eternità (1918).
  • Pietra e cielo (1919).
  • bellezza (1923).
  • Canzone (1935).

Il vero palcoscenico (1937 - 1958)

È iniziato con l'esilio di Jiménez con sua moglie nel continente americano a causa della guerra civile spagnola. Perciò, un cambiamento di energia nei testi divenne palpabile, un poeta molto colpito e rattristato dagli eventi nel suo paese. Di conseguenza, le sue creazioni sono diventate più mistiche, riflessive e spirituali.

A peggiorare le cose, sua moglie morì nel 1956 dopo una lunga battaglia contro il cancro.. Per questo motivo, la sua depressione era tale che non andò nemmeno a ricevere il Premio Nobel per la letteratura ottenuto pochi giorni prima di essere vedovo. Quell'introspezione e quella desolazione accompagnarono il poeta fino al giorno della sua morte, avvenuta il 29 maggio 1958.

Titoli del vero palcoscenico di Jiménez

  • Voci dalla mia canzone (1945).
  • Stazione totale (1946).
  • Coral Gables Romances (1948).
  • Sfondo animale (1949).
  • Una collina meridiana (1950).

leggenda (1978 - post mortem)

Questo libro merita una menzione speciale perché è la revisione completa effettuata dallo stesso Juan Ramón Jiménez della sua opera (1896 - 1956). È stato pubblicato da Antonio Sánchez Romeralo e successivamente ha ricevuto un'edizione corretta nel 2006 da María Estela Arretche.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.