Il mito di Sisifo: Albert Camus

Il mito di Sisifo

Il mito di Sisifo

Il mito di Sisifo -o Il mito di Sisifo, dal titolo originale in francese, è un saggio filosofico scritto dal giornalista, romanziere e premio Nobel per la letteratura (1957) Albert Camus. L'opera fu pubblicata per la prima volta nell'ottobre 1942 dalla casa editrice Éditions Gallimard. Come All'estero y Peste, questo è uno dei grandi testi dello scrittore, discusso in innumerevoli occasioni.

così All'estero come Il mito di Sisifo Sono apparsi nella stessa data, rivelando al pubblico il talento letterario, la capacità di riflessione teorica e la sensibilità etica di Camus. L'autore scriveva opere teatrali, saggi, racconti e recensioni. Attraverso questi mezzi ha spesso esplorato la ricchezza e l'ambiguità della condizione umana.

Origine del mito di Sisifo

Il titolo del saggio di Camus trae origine – scusate la ridondanza – dal mito di Sisifo, un re greco noto per aver mentito, ingannato e manipolato il popolo del suo regno. Un giorno, ingannò Thanatos, la morte, e, quando finì negli inferi, ingannò il dio Ade facendogli rivivere e ripristinando la sua giovinezza e bellezza. Invecchiato, Sisifo morì di nuovo.

Tuttavia, non è stato Thanatos a cercarlo, ma Ermete, il dio della menzogna. L'essere divino approfittò dell'ammirazione del vecchio per proporre un accordo. Lo portò su una collina e glielo aveva promesso, se fosse in grado di spingere una pietra e Fai questo resterà ancora al vertice, lo renderebbe un olimpionico. L'uomo accettò. Di conseguenza, trascorse tutta l'eternità a spingere la roccia.

Sinossi di Il mito di Sisifo

Punizione divina o metafora della filosofia dell'assurdo?

Quest'opera di Albert Camus è divisa in quattro capitoli e un'appendice. In quanto idealista della filosofia dell'assurdo, Camus vede Sisifo come un combattente appassionato contro il silenzio irrazionale del mondo. COSÌ, Il testo solleva una premessa interessante: se la vita non ha senso, Perché non spenderlo facendo ciò che ami veramente? In questo modo l'assurdità di Camus non viene focalizzata in modo negativo.

Infatti, La sua filosofia pone le basi per utilizzare l'assurdo come rinforzo che difende valori come la libertà, solidarietà e sostegno tra i cittadini. In linea di principio, la struttura dell'opera è un po' caotica. Tuttavia, a poco a poco Camus espone i suoi principi, quindi mostra il mito di Sisifo e attraverso di esso compone le sue metafore.

Il confronto dell'uomo moderno con il re greco

Il mito di Sisifo descrive l'iconografia dell'eroe assurdo. Vale a dire: l'uomo che soccombe alle sue passioni e non si preoccupa del senso profondo dell'esistenza. Alla fine, questo non ha alcun significato apparente, quindi L'uomo non dovrebbe preoccuparsi di qualcosa che non esiste o che non influenzerà la sua vita quotidiana.

In questo senso, l'eroe dell'assurdo si impegna a non portare a termine nulla, proprio a causa della passione che prova nei confronti della vita e di tutto ciò che essa implica, comprese le esperienze negative. Se sembra paradossale è perché lo è. L'assurdità implicita Il mito di Sisifo mostra come sia padrone del suo destino, vivendo anche la punizione divina degli dei.

Un'analogia del suicidio

Lo dice un'interpretazione complementare a quella precedentemente proposta Il mito di Sisifo Riguarda il valore della vita e lo sforzo incessante e inutile dell'uomo. Di fronte ad un’esistenza così insignificante, dove l’unica cosa che ha valore è ciò che creiamo, l’autore si chiede: “Esiste un’alternativa al suicidio?”, menzionando anche che: “Esiste un solo problema filosofico veramente serio: il suicidio. .” .

A proposito dell'uomo assurdo

In generale, questo archetipo proposto da Camus, da lui chiamato “l’uomo assurdo”, esprime l'incongruenza dell'uomo che, anche senza comprendere il mondo, si confronta costantemente con questa incomprensione. Premesso ciò l'autore afferma: “Il ribelle non rinnega la storia che lo circonda e cerca di affermarsi in essa. Ma si trova davanti ad essa come l'artista davanti alla realtà, la rifiuta senza evitarla. Non lo rende assoluto nemmeno per un secondo.

Per spiegare il tuo concetto, Affronto lo sostieneAccettare l’assurdo è l’unica alternativa all’ingiustificabile atto di fede che le religioni richiedono e l'esistenzialismo stesso. Di per sé, la filosofia dell'autore non promuove il quietismo o la passività, al contrario. Secondo Camus, Sisifo sperimenta la libertà quando finisce di posizionare la roccia, quel breve periodo di tempo lo salva dal suo destino suicida.

Chi l'Autore

Albert Camus è nato il 7 novembre 1913 a Mondovì, l'attuale Dréan, nell'Algeria francese. L'autore iniziò e completò gli studi primari e superiori grazie ad una borsa di studio che ricevettero i figli delle vittime della guerra. Durante quel periodo, I suoi insegnanti furono i principali promotori della sua lettura della filosofia, in particolare di quella di Nietzsche.. Successivamente si laureò in Filosofia e Lettere.

La sua tesi di dottorato tratta del rapporto tra il pensiero greco classico e il cristianesimo sulla base degli scritti di Plotino e sant'Agostino. Camus ha iniziato a scrivere molto giovane. Dopo, ha lavorato come giornalista Repubblica di Algeri, dove pubblicò diversi articoli che analizzavano la situazione dei musulmani nella regione della Cabilia. L'autore ha sostenuto la giustizia sociale e le classi lavoratrici.

Altri libri di Albert Camus

Novelas

  • L'Étranger - Lo straniero (1942);
  • La Peste – La Peste (1947);
  • La chute - La caduta (1956);
  • La mort heureuse – La morte Felice (1971);
  • Le premier homme - Il primo uomo (1995).

Teatro

  • Caligola – Caligola (1944);
  • Le malentendu — L'equivoco (1944);
  • L'Impromptu des philosophes – L'improvvisato dei filosofi (1947);
  • L'état de siège - Lo stato d'assedio (1948);
  • Les justes - I giusti (1950).

Saggi e saggistica

  • Metafisica cristiana et Néoplatonisme - Metafisica cristiana e neoplatonismo (1935);
  • Révolte dans les Asturies - Ribellione nelle Asturie (1936);
  • L'envers et l'endroit: il rovescio e il diritto (1937);
  • Noces — Matrimoni (1938);
  • Les Quatre Commandements du giornalistie libre — I quattro comandamenti di un giornalista libero (1939);
  • Le mythe de Sisyphe — Il mito di Sisifo (1942);
  • Lettres à un ami allemand – Lettere ad un amico tedesco (1943-1944);
  • Né vittime, né bourreaux. Né vittime, né carnefici (1946);
  • Pourquoi l'Espagne? —Perché la Spagna? (1948);
  • Le témoin de la liberté – Il testimone della libertà (1948);
  • L'Hommerévolté - L'uomo ribelle (1951);
  • Il deserto vivente (1953);
  • Actuelles I, Cronache — Actuales I, Cronache (1944-1948);
  • Actuelles II, Cronache — Actuales II, Cronache (1948-1953);
  • Actuelles III, Chroniques algériennes — Actuales III, Cronache d'Algeria (1939-1958).

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.