Il libro del buon amore

Comune di Hita

Comune di Hita

Il libro del buon amore (1330 e 1343) è una miscellanea di Juan Ruiz, arciprete di Hita nel XIV secolo. Questo lavoro - noto anche come Libro dell'arciprete o Libro di canzoni— È considerato un classico della letteratura spagnola medievale. La sua composizione è ampia, con più di 1.700 strofe in cui è narrata l'autobiografia immaginaria dell'autore.

Ci sono tre manoscritti del libro —S, G e T—, che sono incompiuti. Di queste la "S" o "Salamanca" è la più completa, mentre le altre contengono solo frammenti dell'opera. Allo stesso modo, la sua creazione presenta due date: 1330 e 1343; Questa dualità è dovuta ai documenti originali trovati. La versione "S" (1343) è una revisione del "G", a cui sono state aggiunte nuove composizioni.

analisi Il libro del buon amore

Prefazione al lavoro

Questa sezione del testo è stata scritta in prosa, a differenza del resto dell'opera. Qui, l'autore ha dichiarato le intenzioni del libro e la sua possibile interpretazione. Ha anche affermato che è stato preparato dal carcere. Su questo molti analisti ritengono che si trattasse di un'allegoria, poiché non parla di una vera prigione, ma si riferisce piuttosto alla vita terrena.

Don Amor contro Arcipreste

L'autore inizia il testo lamentandosi con don Amor, accusandolo in prima istanza di essere colpevole di peccati capitali. Cosa c'è di più, Ha affermato che l'amore è distruttivo, poiché fa impazzire gli uomini, quindi ha raccomandato di allontanarsi dal suo dominio. Per spiegare il suo punto di vista, l'Arciprete ha utilizzato diverse storie, tra le quali ha narrato "L'asino e il cavallo", come esempio di orgoglio per gli esseri umani.

D'altro canto, Don Amor ha risposto dandogli alcuni insegnamenti. Per questo usava Ovidio e il adattamento del lavoro dal medioevo: Ars Amandi. Nella sua risposta, descrisse come dovrebbe essere la donna fisicamente perfetta e le virtù che deve avere sia di giorno che di notte. Oltre a ciò, lo persuase a cercare un "sensale di incontri" - uno specialista nella preparazione di pozioni d'amore - per consigliarlo.

Il corteggiamento di Don Melón con Doña Endrina

È la storia centrale del libro. In esso, Ruiz ha adattato la commedia medievale alla sua opera: Panfilo (XII secolo). La narrazione è in prima persona e ha come protagonisti i suddetti personaggi: Don Melón e Doña Endrina. Nella trama, l'uomo ha cercato un vecchio consigliere —Trotaconventos— per conquistare la signora in questione.

È importante notare che, anche se l'amore carnale gioca un ruolo cruciale, in diverse occasioni si allude a quanto sia importante essere vicini all'amore di Dio.

Trotaconventos entrò in azione, cercò Dona Endrina e la convinse a incontrare Don Melon nella sua vecchia casa. Una volta che si sono incontrati, si presume - per mancanza di pagine manoscritte - che avessero rapporti intimi.

È stato così —A costo di inganni e trappole— finalmente il matrimonio fu concordato Tra entrambi. La strategia del consulente era semplice, ma efficace: l'unico modo per cancellare l'onore della donna era attraverso il matrimonio.

Avventure nella Sierra de Segovia

Questa è un'altra delle storie eccezionali dell'Arciprete. Qui racconta il suo passaggio attraverso la Sierra de Segovia, dove incontrò diversi piccoli cittadini. La prima fu "La chata", una donna volgare senza vergogna. Apertamente chiedeva regali in cambio di favori di natura sessuale. Abilmente, l'uomo è riuscito a fuggire da questa e da altre giovani donne di Somosierra.

Sulla via della fuga, trovò un'altra montagna ai piedi della montagna. Questa donna era più "barbarica" ​​delle altre. L'Arciprete ha chiesto asiloe, in cambio, gli ha chiesto una sorta di pagamento — Sessuale o materiale. Questa volta, l'uomo, imbarazzato dall'imponente femmina, cedette e sono d'accordo la petizione.

Concorso tra Don Carnal e Doña Cuaresma

Dopo alcuni canti alla Vergine — vista la vicinanza della Settimana Santa — viene presentato il racconto allegorico della battaglia tra Don Carnal e Dona Cuaresma. Qui, l'autore riflette il comune scontro tra desideri mondani e spiritualità. Il testo è narrato come una parodia e si ispira a canti medievali di gesta.

Don Carnal ha raccolto un forte e imbattibile Ejército. Tuttavia, il gusto del suo gruppo per il cibo e il vino fatto andato in cattive condizioni sul campo di battaglia. Ciò ha permesso al confronto di essere più equilibrato, e la signora quaresimale sfruttato al massimo il vantaggio e vittoria ottenuta. Una volta sconfitto, don Carnal fu fatto prigioniero e gli fu imposta una dura penitenza.

Ultime storie d'amore dell'Arciprete

L'Arciprete non si è riposato nella ricerca dell'amore, Ha provato e riprovato a realizzarlo in altre tante avventure. In tutti loro chiese di nuovo aiuto a Trotaconventos. Una delle raccomandazioni del vecchio sensale era di innamorarsi di una vedova, tuttavia, la donna onorata non era completamente convinta e l'uomo fallì. Successivamente, il protagonista ha provato con un proprietario, ma non ha avuto nemmeno successo.

Poi Trotaconvento gli suggerì di processare una suora di nome Garoza. L'Arciprete tentò di farla innamorare, ma la donna si aggrappò ai suoi voti divini e poco dopo morì. L'uomo continuò le sue avventure, e dopo tanto inciampare, riuscì ad avere una piccola relazione con una mora.

Poco dopo quel breve trionfo, il sensale morì. Quella perdita, ovviamente, colpì molto il protagonista. Dopo altri canti alla vergine e tratta a Dio, l'Arciprete terminò il libro dando ancora istruzioni come interpretarlo.

Circa l'autore: Juan Ruiz, arciprete di Hita

Juan Ruiz era un ecclesiastico e arciprete di Hita, un comune spagnolo nella provincia di Guadalajara. I dati sulla sua origine e vita sono scarsi, Il poco che si sa si deduce da quest'unica opera: Il libro del buon amore. Si presume che sia nato nel 1283 ad Alcalá de Henares e abbia studiato a Toledo, Hita - sua città natale - o in una zona vicina.

anche Si ipotizza che avesse un'importante conoscenza musicale, che si riflette nel suo preciso lessico sull'argomento. Alcuni suppongono - dal Manoscritto di Salamanca- che fu arrestato per ordine dell'arcivescovo Gil de Albornoz, sebbene molti critici differiscano da tale teoria. Secondo vari documenti si ipotizza che la sua morte sia stata registrata nell'anno 1351; da allora non servì più come arciprete di Hita.

Disputa sulla sua città natale

I medievalisti Confermati Emilio Sáez e José Trenchs al Congresso dell'anno 1972 che la città natale di Juan Ruiz era Alcalá la Real —Benzayde (1510c) -. Hanno anche affermato che ha trascorso circa 10 anni della sua infanzia in quel luogo. Tutte queste informazioni sono state raccolte dopo una lunga indagine da parte di specialisti; tuttavia, questo studio non ha potuto essere concluso a causa della morte inaspettata di entrambi.

D'altro canto, lo storico spagnolo Ramón Gonzálvez Ruiz ha espresso quanto segue in una sessione plenaria nel 2002: “Durante il suo libro Juan Ruiz ha seminato dati dalla sua biografia personale. Deve essere nato ad Alcalá, come suggerisce il famoso verso con cui Trotaconventos saluta la mora A nome dell'arciprete: «Fix, ti saluta molto uno che è di Alcalá» (stanza 1510a)”.

Ad oggi nessuna delle due teorie è stata confermata da una fonte chiara, ed entrambe le città sono ancora in lotta per il riconoscimento.. Tuttavia, la maggior parte è incline all'ipotesi di Gonzálvez Ruiz, poiché Alcalá de Henares (Madrid) è una regione vicino a Hita (Guadalajara).


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

bool (vero)