Il destino degli eroi

Il destino degli eroi

Il destino degli eroi

Chufo Llórens (1931-) si è guadagnato il suo posto come uno dei rappresentanti più importanti del romanzo storico spagnolo per suo merito. Non sorprende che i suoi libri siano stati elogiati per l'accuratezza delle loro impostazioni e dei dati forniti. Il destino degli eroi (2020), non fa eccezione; ancora una volta lo scrittore catalano ha mostrato la realizzazione di una magistrale documentazione.

È un'epica saga familiare che si svolge tra l'atmosfera bohémien parigina e il tradizionalismo madrileno dei primi decenni di Novecento. Quello fu un periodo segnato da due conflitti armati: la Grande Guerra in Europa e la Guerra del Rif tra spagnoli e marocchini. Oltre a ciò, nel testo convergono trame di suspense, azione, amore, gelosia e prevaricazione.

Analisi e sintesi di Il destino degli eroi

Alcuni degli eventi trattati nel romanzo

  • La grande guerra
  • La guerra del Rif tra Spagna e Marocco
  • L'arrivo delle prime ferrovie in Spagna
  • I primi telefoni apparvero in territorio iberico.
  • L'invenzione del sottomarino.

Personaggi

I protagonisti sono José Cervera, aristocratico di Madrid e Lucie Lacroze, figlia di una domestica francese. In un primo momento, José si innamora di Nachita, una singolare figlia di un indiano che si trovava di passaggio nella capitale spagnola. Da parte sua, Lucie affascina Gerhard, un giovane pittore tedesco che aspira a diventare un insegnante.

Tuttavia, i pregiudizi della società e certe particolari vicissitudini complicano ingresso la sopravvivenza di entrambe le passioni. Più tardi, l'incontro tra José e Lucie si conclude con un'unione sentimentale. Quindi, la storia si concentra sul percorso dei tre figli della coppia: Félix Pablo e Nicolás.

Luoghi e momento storico

Il romanzo inizia nel 1894, un tempo in cui lo splendore e il culto della borghesia spagnola contrastavano con la povertà e la durezza delle classi più disagiate. Questa disuguaglianza era il germe di alcune violente liti sociali e cospirazioni anarchiche.

Successivamente, la vita quotidiana dei membri della storia cambia drasticamente a causa della prima guerra mondiale e della guerra del Rif. Mentre la trama si svolge, molti dei personaggi passano attraverso i siti abbronzatura diversi come il deserto del Sahara, Melilla, Lisbona, Parigi e Caracas. Il racconto culmina a metà degli anni '1920.

Stile ed elementi della narrativa storica in Il destino degli eroi

Le diverse location accentuano i colpi di scena e i cambi di ritmo. Inoltre, la maggior parte di I portali di critica letteraria indicano che il fondamento documentario di questo libro è degno di studio. Partendo da queste solide basi, Llórens ha filato una finzione capace di combinare magistralmente segmenti romantici con passaggi pieni di avventura, trambusto e incertezza.

Inoltre, i dettagliati dipinti dei costumisti sono perfettamente integrati da dialoghi credibili, con parole tipiche dell'epoca. Così, più che un romanzo di finzione, il libro sembra una cronaca raccontata da un testimone oculare. In questo modo, lo scrittore catalano riesce a tenere i lettori all'erta durante le oltre 850 pagine che la narrazione copre.

Recensioni

Sui siti editoriali e sui siti dedicati alla letteratura, Il destino degli eroi ha un punteggio medio di 8/10. Su Amazon, il punteggio massimo di 5 stelle è stato assegnato dal 60% degli utenti di Internet; solo il 7% ha dato meno di 3 stelle. Inoltre, i seguaci di Chufo Llórens indicano questo titolo come la sua opera più completa fino ad oggi.

Chi l'Autore

Chufo Llórens è nato a Barcellona nel 1931. Prima di dedicarsi alla scrittura, ha studiato Giurisprudenza, anche se la maggior parte della sua carriera professionale è stata dedicata alla promozione e alla produzione di spettacoli. Dopo il ritiro, nel 1986 ha lanciato Alla vigilia non succede niente, la sua prima letteraria, Da allora si è specializzato nel genere di romanzo storico.

Nel 2008, Llórens ha pubblicato ti darò la terra, un libro a cui ha dedicato quasi cinque anni di lavoro tra ricerca e scrittura. Quel titolo divenne un punto di svolta nella sua carriera letteraria grazie al suo 150.000 copie vvenduto durante il primo anno di rilascio. L'elenco delle sue opere è completato dai libri riportati di seguito:

  • L'altra lebbra (1993)
  • Catalina, la fuggitiva di San Benedetto (2001)
  • La saga dei dannati (2003)
  • Mare di fuoco (2011)
  • La legge del giusto (2015)
  • Il destino degli eroi (2020).

Ambito del suo lavoro

Ad oggi, I libri di Chufo Llórens superano il milione di copie vendute, tradotto in più di una dozzina di lingue. Tali lingue includono: tedesco, ceco, danese, finlandese, italiano, olandese, norvegese, polacco, portoghese, rumeno, serbo e svedese. Per questo motivo la sua fama letteraria ha trasceso i confini della Spagna; è riconosciuto in tutta Europa.

Caratteristiche dei romanzi storici di Chufo Llórens

Motivazioni, influenze e scenari

In un'intervista Il Paese (2008) Llórens ha affermato che il boom del genere “è nato perché il mercato lo ha richiesto. Domanda e offerta è il grande regolatore di ciò che interessa e non interessa, in questo momento il desiderio di conoscere le cose del passato affascina i lettori e per me il romanzo storico è una via per traguardi più ambiziosi come biografie o altri argomenti di libri" .

Allo stesso modo, l'autore catalano ha indicato Alejandro Núñez Alonso come uno degli scrittori più influenti nella sua operao. La maggior parte delle sue opere sono ambientate nella città di Barcellona, ​​​​ma la trama generalmente non è limitata a una singola città. In effetti, molte delle storie di Llórens toccano diverse parti d'Europa e, infine, enclavi in ​​altri continenti.

La guerra come asse trasversale

I violenti sconvolgimenti sociali e i conflitti bellici sono due temi frequenti nei romanzi di Chufo Llórens. In questo ambiente conflittuale si sviluppano caratteri estremamente profondi, autentici, umani, spinti dalle proprie ambizioni e lotte interne. Certo - non potrebbe essere diversamente in un libro dello scrittore barcellonese - tutto ben documentato e accuratamente descritto.

Le stagioni

Il medioevo a Barcellona era una costante fonte di ispirazione per Llórens nelle sue prime pubblicazioni. Tale è il caso di Catalina, la fuggitiva di San Benedetto, L'altra lebbra y La saga dei dannati. Poi in La legge del giusto y Il destino degli eroi L'autore catalano si è soffermato su eventi nevralgici - anche a Barcellona - rispettivamente della fine del XIX e dell'inizio del XX secolo.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.