I libri di JJ Benítez

JJ Benitez

JJ Benitez

JJ Benítez è uno dei giornalisti e scrittori spagnoli più famosi e tradotti di tutti i tempi. Sebbene sia diventato noto in quasi tutto il pianeta da una saga speciale, Cavallo di Troia, ha anche sviluppato una carriera giornalistica di successo. Ne è prova il riconoscimento alla sua lunga carriera con il Navarra Journalists Award 2021.

Inoltre, Benítez ha dedicato la maggior parte della sua vita a risolvere i misteri (principalmente legato all'ufologia). Alla fine degli anni '70, infatti, decise di abbandonare il giornalismo professionale a discapito della sua passione per gli UFO. Ad oggi, lo scrittore navarrese ha venduto più di 15 milioni di copie tra saggi, romanzi di narrativa, testi di ricerca e poesia.

La saga Cavallo di Troia

Questa serie rappresenta un viaggio nel tempo il cui obiettivo è conoscere "la vera vita" dell'uomo più conosciuto nella storia dell'umanità: Gesù di Nazareth. Con un argomento del genere, la polemica era più che garantita. Di conseguenza, Benítez ha vinto un buon numero di critiche, soprattutto all'interno della Chiesa cattolica e delle voci cristiane più conservatrici.

Tuttavia, è innegabile che Cavallo di Troia È apprezzato come un classico della letteratura in Spagna. Certamente, dalla pubblicazione del primo volume nel 1984, la sua trama è diventata presente nell'immaginario collettivo spagnolo. Attualmente, questa saga ha legioni di seguaci in tutto il mondo; Ne sono prova i numerosi gruppi e forum sui social network.

Gerusalemme (1984)

Inizia il viaggio nel passato; il lettore è portato al 30 dC, in particolare tra il 30 marzo e il 9 aprile. Gli eventi sono narrati in undici capitoli, uno al giorno. Il libro solleva più di cento domande e riflessioni (alcune delle quali alquanto spinose) sul personaggio il cui sacrificio ha dato origine al cristianesimo.

Gli altri libri della serie Cavallo di Troia

  • Masada (1986)
  • Saidan (1987)
  • Nazareth (1989)
  • taglio cesareo (1996)
  • Hermon (1999)
  • Nahum (2005)
  • Jordán (2006)
  • Canna (2011).

Io, Jules Verne (1988)

Per quanto riguarda le sue influenze letterarie, l'autore Pamplona ha più volte dichiarato la sua ammirazione per il lavoro di Jules Verne. Benítez, inoltre, fece un'analisi dettagliata dello scrittore e drammaturgo francese, che gli valse all'epoca la qualifica di "visionario".

Nelle parole di Benítez, Io, Jules Verne è un libro che mira a mostrare il "volto nascosto" di un uomo considerato da molti "Un profeta della scienza". Si tratta, senza dubbio, di un testo davvero unico rispetto a qualsiasi altro incentrato sulla vita, l'ispirazione e l'opera dell'autore francese.

I miei UFO preferiti (2001)

Il secondo volume della collezione Quaderni quasi segreti, eÈ un testo indispensabile per gli ufologi, secondo gli specialisti in questa particolare area di ricerca. Il suo contenuto impressionante -sembra scritto per un pubblico giovane- copre più di tre decenni di ricerca svolta da Benítez.

Il libro offre invece al lettore più di 450 immagini, di cui 110 corrispondono a disegni dell'autore. Inoltre vengono mostrate illustrazioni inedite (come un dipinto di alcuni astronauti di 29.000 anni fa, ad esempio). allo stesso modo, Benítez accusa la NASA di essere un'istituzione bugiarda e pone interessanti enigmi; uno di questi è "perché non sei tornato sulla luna?"

La catastrofe gialla (2020)

La catastrofe gialla è la pubblicazione più recente di Benítez, che lo ha preparato a bordo di una nave da crociera quando è scoppiata la pandemia di Covid-19 in Europa. A proposito del libro, l'autore ha osservato: “è un interessante ritratto psicologico della gente, alcune persone di certe nazionalità credono di essere superiori agli altri, ti guardano con vero disprezzo, ma avevano paura come noi "...

Inoltre, la parola "giallo" nel titolo si riferisce all'origine (molto probabilmente secondo l'OMS) virus cinese che ha cambiato radicalmente il concetto di "normalità" nel XNUMX° secolo. Pertanto, questo libro è una grande riflessione su come la paura della morte non discrimini lo status sociale o il luogo di origine.

Biografia di JJ Benítez

Il 7 settembre 1946 nasce a Pamplona, ​​in Spagna, Juan José Benítez. Fin dall'adolescenza ha lavorato nei mestieri legati alla pittura e alla ceramica. Come lui stesso ha detto, è sempre stato un ragazzo molto curioso e interessato a scoprire cosa succedeva intorno a lui. Non in vano, Decide di studiare Scienze dell'Informazione all'Università di Navarra (si laurea nel 1965).

In ogni caso, l'intellettuale spagnolo non ha mai negato alcuna questione, per quanto controversa fosse considerata dall'opinione pubblica. Benítez non si è nemmeno preoccupato molto delle voci che mettono in dubbio la sua presunta mancanza di rigore scientifico e lo accusano di essere eccessivamente speculativo. In ogni caso, milioni di lettori in tutto il mondo conoscono già i suoi metodi di ricerca.

I tempi del giornalista

Dopo essersi laureato all'Università di Navarra, Benítez ha iniziato a lavorare nel 1966 per il giornale La verità, a Murcia. Poi è andata a buon fine The Herald da Aragona e La Gazzetta del Nord di Bilbao. Nei suddetti media ha servito come inviato speciale in vari luoghi d'Europa e ha viaggiato in tutto il mondo.

Durante gli anni '1970, il giornalista navarrese ha concentrato il suo lavoro giornalistico verso l'ufologia (Attualmente è considerata un'autorità mondiale in materia). Parallelamente, ha completato le indagini sulla Sindone di Torino e raccolto documenti dall'Aeronautica Militare spagnola su possibili avvistamenti UFO.

Lo scrittore

Nel 1979 Benítez abbandona definitivamente il giornalismo formale per dedicarsi interamente alle indagini di suo interesse personale. Trattandosi di processi di intenzione informativa, l'intellettuale di Pamplona iniziò a pubblicare le conclusioni delle sue inchieste. Così, Non è esagerato dire che la ricerca lo ha reso uno scrittore prolifico, con più di 60 libri pubblicati fino ad oggi.

Benítez ha affermato più volte che per scrivere è necessario saper raccontare una storia. A questo punto, è evidente che ha imparato a trasmettere la sua passione per gli eventi paranormali o difficile da capire. Nasce così la sua prima pubblicazione: UFO: SOS all'umanità (1975), seguito da libri con buoni numeri di vendita come il saggio Gli astronauti di Yahweh (1980) y I visitatori (1982).

Caratteristiche dei libri di JJ Benítez

In JJ Benítez, i compiti di ricercatore e scrittore sono combinati in uno. Questa combinazione ha portato a un'opera che comprende poesie, saggi, filosofia e romanzi novel. Ma non si tratta solo di versatilità, ma di volume descrittivo, profondità analitica e manipolazione stilistica secondo le esigenze del genere letterario affrontato.

Quindi, lo scrittore spagnolo sembra essere in grado di coprire tutto, poiché al suo attivo ha un romanzo poliziesco e un documentario, Esisteva un'altra umanità (1977). Ulteriore, ha una serie televisiva, Pianeta incantato, strutturato in tredici puntate trasmesse tra il 2003 e il 2004. In altre parole, Benítez non ha limiti quando si tratta di raccontare storie ed esprimere preoccupazioni.

Elenco dei romanzi di JJ Benítez

  • La ribellione di Lucifero (1985)
  • Il Papa Rosso (La gloria dell'ulivo) (1992)
  • Il giorno del fulmine (2013)
  • La Grande Catastrofe Gialla (2020).

Critica

Visto il tipo di lavoro investigativo svolto da JJ Benítez, è probabilmente inevitabile che non ci sia spazio per critiche e polemiche dopo quasi mezzo secolo di carriera. Tra le accuse più importanti c'è quella di la preferenza dell'autore per anteporre la propria intuizione al rigore scientifico, che riconosce come inevitabile.

In questo senso, l'autore navarrese ha affermato che dà valore alle emozioni e agli istinti come parte umana fondamentale. È stato anche accusato di plagio Libro di Urantia. In realtà, l'atto d'accusa non aveva alcuna base giuridica, quindi Benítez ha presentato una domanda riconvenzionale (che ha vinto). Si precisa che il testo in questione è di pubblico dominio dal 1983.

JJ Benítez oggi

Juan José Benítez ha chiarito in diverse recenti interviste che continua a ricercare e scrivere progetti di natura molto diversa. Tanto che in un programma televisivo di i sette (2020) ha dichiarato: "Ho 140 progetti, so che non li realizzerò". Una cosa è certa, continuerà a postare quando gli pare, dal momento che una delle sue frasi più iconiche è:

"Io non scrivo per compiacere nessuno."


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.