Citazioni famose di Gabriel Garcia Márquez in Cent'anni di solitudine

Gabriel Garcia Marquez.

Gabriel Garcia Marquez.

La ricerca sul web "frasi famose di Gabriel Garcia Márquez Cent'anni di solitudine" è comune. Ed è che questo lavoro ha dato il tono, e anche oggi, a più di 60 anni dalla sua pubblicazione, continua a parlarne. Gabriel García Márquez è senza dubbio uno dei rappresentanti più importanti del realismo magico e della letteratura latinoamericana in generale. Non a caso, "Gabo" è stato insignito del Premio Nobel per la letteratura nel 1982. Per questo motivo, questo articolo presenta una selezione con le migliori frasi di Cent'anni di solitudine (1967), il suo capolavoro.

Questo romanzo è considerato dagli studiosi come un testo di significato universale. È più, il quotidiano iberico Il Mondo incluso nella "lista dei 100 migliori romanzi in spagnolo del XX secolo". Da parte sua, il quotidiano francese Le Monde Lo cita tra i "100 migliori libri del XX secolo". Allo stesso modo, per il Norwegian Book Club è uno dei "100 migliori libri di tutti i tempi".

Chi l'Autore

Nascita, infanzia e formazione accademica

Gabriel José de la Concordia Garcia Márquez (6 marzo 1927-17 aprile 2014) è nato ad Aracataca, dipartimento di Magdalena, Colombia. Gabriel Eligio García erano i suoi genitori e Luisa Santiaga Marquez, sua madre. "Gabito" è stato lasciato alle cure dei nonni materni nella sua città natale. Ma nel 1936 suo nonno morì e sua nonna finì per essere cieca, perciò tornò dai suoi genitori a Sucre.

Ha frequentato i suoi primi anni di liceo presso la scuola gesuita San José (oggi Instituto San José). In quel periodo iniziò a pubblicare poesie sulla rivista collegiale gioventù. Successivamente, rHa ricevuto una borsa di studio del governo per studiare al Liceo Nacional de Zipaquirá, vicino a Bogotá. Lì ha conseguito la laurea e in seguito ha iniziato a studiare legge presso l'Università Nazionale della Colombia.

Influenze e primi lavori

In realtà, la scuola di legge non è stata una scelta professionale, ma piuttosto un tentativo di compiacere i tuoi genitori. Dal momento che il vero desiderio di García Márquez era diventare uno scrittore. Inoltre, durante quel periodo è stato marcatamente segnato da autori come Franz Kafka e Borges.

In questo modo, stava configurando uno stile che mescolasse le storie folli di sua nonna con caratteristiche di stile ispirate metamorfosi, per esempio. Nel settembre 1947 pubblica il suo primo racconto breve Lo spettatore. Nel frattempo, ha continuato la sua carriera legale fino al cosiddetto Bogotazo, avvenuto il 9 aprile 1948 dopo l'assassinio di Jorge Eliécer Gaitán.

La sua carriera giornalistica e il suo matrimonio

Dopo la chiusura a tempo indeterminato dell'Università Nazionale, Marquez è andato all'Università di Cartagena e ha trovato lavoro come giornalista in L'Universal. Nel 1950 lascia definitivamente la laurea in giurisprudenza per praticare giornalismo a Barranquilla. Nella capitale del dipartimento dell'Atlantico ha sposato Mercedes Barcha nel marzo 1958.

La coppia ha avuto due figli: Rodrigo (1959) e Gonzalo (1964). Nel 1961, Gabriel García Márquez si trasferì con la sua famiglia a New York, dove ha lavorato come corrispondente per Prensa Latina. Tuttavia, a causa della sua vicinanza e dei rapporti favorevoli nei confronti della figura di Fidel Castro, ha ricevuto forti critiche da parte dei dissidenti cubani.

Consacrazione letteraria

García Márquez e la sua famiglia sono emigrati a Città del Messico dopo aver ricevuto minacce dalla CIA. Nelle terre azteche stabilì la sua residenza e trascorse la maggior parte del resto della sua vita, nonostante avesse case a Bogotà, Cartagena de Indias e Parigi.

En la metropoli messicana pubblicò nel giugno 1967 la sua opera di consacrazione: Cent'anni di solitudine.

L'eredità di Cent'anni di solitudine

Questo Libro divenne un titolo famoso nel realismo magico latinoamericano grazie alla sua magistrale combinazione di elementi fattibili, passaggi fittizi ed eventi estrapolati dalla storia colombiana. Per questo motivo, la città di Macondo, inizialmente prospera, poi convulsa e infine sterminata, divenne famosa nel mondo.

In quello scenario, García Márquez ha esplorato argomenti come la solitudine, l'incesto, la fantasia, le guerre, il mercantilismo e la politica. Né mancano intrighi e storie d'amore tra i protagonisti di una storia che abbraccia sette generazioni descritte in un tempo ciclico. (Anche se, all'interno di un quadro storico identificabile).

Alcuni di più su Cent'anni di solitudine

  • Ha venduto mezzo milione di copie durante i suoi primi tre anni,
  • È stato tradotto in venticinque lingue.
  • È considerato il libro più venduto al mondo originariamente pubblicato in spagnolo.

Le migliori frasi di Cent'anni di solitudine

  • "Il mondo era così recente che molte cose mancavano di nome, e per menzionarle dovevi puntare il dito contro di loro."
  • "Non muori quando dovresti, ma quando puoi."
  • “L'essenziale è non perdere l'orientamento. Sempre attento alla bussola, ha continuato a guidare i suoi uomini verso il nord invisibile, fino a quando non sono riusciti a lasciare la regione incantata ”.
  • «Ha finito per perdere ogni contatto con la guerra. Quella che una volta era una vera attività, un'irresistibile passione della sua giovinezza, divenne per lui un riferimento remoto: un vuoto.
  • "Ha chiesto che città fosse, e gli hanno risposto con un nome che non aveva mai sentito, che non aveva alcun significato, ma che aveva una risonanza soprannaturale nel sogno: Macondo."
  • "La solitudine aveva selezionato i suoi ricordi e aveva bruciato i cumuli intorpiditi di immondizia nostalgica che la vita aveva accumulato nel suo cuore, e aveva purificato, ingrandito ed eternizzato gli altri, i più amari."
  • “Gli è stato sparato un colpo di pistola nel petto e il proiettile è uscito dalla sua schiena senza colpire alcun centro vitale. L'unica cosa che restava di tutto era una via con il suo nome a Macondo ”.
  •  "Poi ha preso i soldi accumulati in lunghi anni di duro lavoro, ha acquisito impegni con i suoi clienti e ha intrapreso l'ampliamento della casa".
  • "Il segreto di una buona vecchiaia non è altro che un patto onesto con la solitudine."
  • "Trovava sempre un modo per rifiutarlo perché anche se non poteva amarlo, non poteva più vivere senza di lui."
  • "In realtà, non gli importava della morte, ma della vita, ed è per questo che il sentimento che ha provato quando hanno pronunciato la sentenza non era un sentimento di paura ma di nostalgia".
  • “Su quello ha vissuto. Aveva girato il mondo sessantacinque volte, arruolato in un equipaggio di marinai apolidi ”.
  • "Hanno promesso di creare un terreno fertile per animali magnifici, non tanto per godersi vittorie che poi non avrebbero avuto bisogno, ma per avere qualcosa con cui distrarsi nelle noiose domeniche della morte".
  • "Si sentiva dimenticato, non con l'oblio rimediabile del cuore, ma con un altro oblio più crudele e irrevocabile che conosceva molto bene, perché era l'oblio della morte".
  • "Ma non dimenticare che finché Dio ci darà la vita, continueremo a essere madri, e per quanto rivoluzionarie siano, abbiamo il diritto di abbassare i pantaloni e dare loro una pelle alla prima mancanza di rispetto".
  • "Come tutte le cose belle che sono successe loro nella loro lunga vita, quella fortuna sfrenata ha avuto origine nel caso."
  • "Solo lui sapeva allora che il suo cuore sbalordito era destinato per sempre all'incertezza."
  • "Aveva la rara virtù di non esistere completamente ma al momento giusto".
  • “In un attimo ha scoperto i graffi, i lividi, le contusioni, le ulcere e le cicatrici che più di mezzo secolo di vita quotidiana le aveva lasciato, e ha scoperto che queste devastazioni non gli destavano nemmeno un sentimento di pietà. Quindi fece un ultimo sforzo per cercare nel suo cuore il luogo in cui i suoi affetti erano marciti, e non riuscì a trovarlo.
  • “Apri bene gli occhi. Con ognuno di loro i bambini usciranno con la coda di maiale ”.
  • "Il mondo era ridotto alla superficie della sua pelle e l'interno era al sicuro da ogni amarezza."
  • "Troppo tardi mi convinco che ti avrei fatto un grande favore se ti avessi lasciato fucilare."
  • “Ha piovuto per quattro anni, undici mesi e due giorni. C'erano tempi di pioviggine in cui tutti indossavano le vesti pontificie e truccavano una faccia da convalescente per festeggiare lo scampo, ma presto si abituarono a interpretare le pause come annunci di una recrudescenza ”.
  • "Aveva dovuto promuovere trentadue guerre, violare tutti i suoi patti con la morte e sguazzare come un maiale nel letamaio della gloria, per scoprire con quasi quarant'anni di ritardo i privilegi della semplicità."
  • "L'ultima volta che l'avevano aiutata a contare la sua età, ai tempi della compagnia di banane, l'aveva calcolata tra centoquindici e centoventidue anni."
  • "Il grido più antico nella storia dell'umanità è il grido d'amore".
  • "Nessuno dovrebbe conoscerne il significato fino a quando non avranno raggiunto i cento anni."

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Sixto Rodriguez Hernandez suddetto

    Alcune delle frasi selezionate sono di straordinaria bellezza. Altri sono iperbolici e altri sono pieni di arguzia o umorismo o entrambi.