I 10 migliori libri di Gabriel García Márquez

Nonostante gli oltre tre anni trascorsi dalla sua morte, il mondo non si è dimenticato di Gabo ... e non lo farà mai. Originario di Aracataca, Colombia, una città che si mimetizzava sotto l'identità del famoso Macondo da Cent'anni di solitudineGabriel García Márquez (6 marzo 1927) è già il più grande autore che la letteratura ispanoamericana abbia prodotto. Questi I 10 migliori libri gratuiti di Gabriel García Márquez confermano la magia del lavoro del padre del realismo magico e vincitore del NobeLui che ci ha sedotto con la sua capacità di definire un continente in un libro, fondere la realtà con la fantasia e trasformare alcune delle sue storie in senza tempo.

Cent'anni di solitudine

Concepito da Gabo in uno dei suoi peggiori momenti economici, l'autore non poteva prevedere che il suo lavoro, dopo essere stato inviato all'editore argentino Sudamericana nel 1967, sarebbe diventato un successo indiscutibile. La storia della famiglia Buendía, abitante della città perduta di Macondo, non solo è servito a narrare la storia dell'America Latina per diverse generazioni, ma anche a coniare il boom di un realismo magico che ha prevalso negli anni '60 e '70 fino a diventare un marchio di punta delle lettere iberoamericane . Dei 10 migliori libri di Gabriel García Márquez questa è senza dubbio la sua opera magnum.

Amore nel tempo del colera

In più di un'occasione, Gabo lo ha riconosciuto L'amore ai tempi del colera era il suo romanzo preferito. Uno dei motivi risiede nella storia dei genitori dell'autore come fonte di ispirazione per la storia d'amore di Fermina Daza, sposata con il dottore Juvenal Urbino, e il solitario Florentino Ariza in una città portuale nei Caraibi colombiani. Sviluppato durante le vite dei tre protagonisti, Love in the Times of Cholero è come un bolero lento, che ti immerge nei pensieri di personaggi per i quali il tempo è l'unica speranza. Pubblicato nel 1985, il romanzo è stato un successo e (non) meritato un adattamento cinematografico realizzato nel 2007.

Una cronaca di una morte annunciata

Dalla prima pagina si conosce già la fine, ma il gancio è sapere come si incastrano i pezzi del puzzle che ha portato alla morte di Santiago Nasar, accusato da Ángela Vicario, da poco sposata con il dottor Bayardo San Román, di essere il causa della perdita della sua verginità. La storia del crimine che tutti conoscevano ma nessuno osava fermare è più vicina a un romanzo poliziesco e riceve varie influenze dal più giornalistico Gabo. Pubblicato nel 1981, Chronicle of a Death Foretold È ispirato al caso reale di un uomo assassinato in una città colombiana nel 1951.

Il colonnello non ha nessuno che gli scriva

Il secondo lavoro pubblicato di García Márquez è stato questo romanzo breve che, nonostante la sua lunghezza, conteneva una storia tanto intensa quanto sottile. Il protagonista, un colonnello che va al porto ogni mattina aspettando la pensione per i suoi servizi nella Guerra dei Mille giorni, cammina per le strade di una città colombiana, tratta con la moglie e cerca di nutrire il gallo da combattimento del suo defunto. in mezzo alla crescente povertà. Il romanzo è stato pubblicato nel 1961 e Gabo lo considerava "il suo miglior libro".

Rifiuti

Il primo romanzo pubblicato da Gabo già dava indicazioni sui personaggi, le situazioni e una città di Macondo che sarebbe stata riconosciuta dopo la pubblicazione di Cent'anni di solitudine. Un romanzo breve che racchiude le tre prospettive di una famiglia (quella di un padre colonnello, sua figlia e suo nipote) riguardo alla sepoltura di un uomo odiato da tutto il popolo. In questo lavoro, Gabo manifesta già i suoi salti temporali e altre caratteristiche del realismo magico per renderlo il perfetto preambolo del resto della sua bibliografia.

Storia di un naufrago

Il lavoro più giornalistico dell'autore è arrivato dopo mesi di indagini su un evento curioso che ha sconvolto tutta la Colombia. Luis Alejandro Velasco Si è imbarcato da Mobile, Alabama (Stati Uniti), sulla nave Caldas, che è naufragata, costringendolo a trascorrere dieci giorni in mare senza cibo e in balia dei calcoli del naufrago su quando sarebbero arrivati ​​gli aerei di soccorso. La storia ha scoperto il traffico di contrabbando tra i due paesi, condannando all'oblio un eroe colombiano la cui storia è stata trasformata in un romanzo da Gabo nel 1970.

L'autunno del patriarca

La figura del dittatore in America Latina è stata un riferimento letterario evocato come pochi altri da Gabo in questo libro. Concepito come un romanzo in prosa, in cui numerose voci in prima persona si mescolano come prospettive del tiranno Patriarca, il romanzo fu pubblicato nel 1975 e apparentemente non piacque molto a Fidel Castro, un caro amico di Gabo.

Ricordi delle mie tristi puttane

L'ultimo romanzo di Gabriel García Márquez, pubblicato nel 2004, ha causato alcune polemiche dopo il momento della sua uscita data la trama che presenta: la storia d'amore tra un'anziana giornalista che decide di regalarsi come regalo per i 90 anni una notte di passione con un'adolescente della classe operaia che decide di vendere la sua verginità per salvare la sua famiglia. L'abuso di potere, la solitudine e la morte, tre dei temi preferiti di Gabo, si fondono in questa storia ambientata nella città di Barranquilla a metà del XX secolo e il cui adattamento cinematografico ha visto la luce nel 2012.

Dodici racconti di pellegrini

Gabo era un grande romanziere ma, soprattutto, uno scrittore di racconti, la natura della maggior parte degli autori del realismo magico latinoamericano. E uno dei migliori esempi è questa raccolta di dodici storie che affrontano le storie di diversi personaggi latinoamericani nel territorio europeo: dal vecchio presidente esiliato alla governante tedesca che si prende cura dei figli di una coppia colombiana, questa antologia di racconti brevi esplode in quella che è la mia storia preferita dell'autore colombiano, La tua scia di sangue nella neve, il cui finale devastante ridefinisce la svolta tanto necessaria in un genere come il racconto.

Vivere per raccontare

Dopo la morte di Gabo, il mondo si è rivolto con maggiore fervore a quest'opera, un'autobiografia dell'autore divisa in tre parti e che ha aiutato a comprendere ancora meglio il suo universo letterario. In tutte le sue pagine, Gabriel García Márquez racconta le storie che gli raccontò sua nonna, il suo approccio alle grandi atrocità del governo degli Stati Uniti in America Latina o la proposta di matrimonio a sua moglie, Mercedes Barcha, l'amore della sua vita. Il libro è stato pubblicato nel 2002.

Quali sono, secondo te, i 10 migliori libri su Gabriel García Márquez ?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Vittorio Linares. suddetto

    Tutta l'opera letteraria del gabo, è riassunta nel premio Nobel che ha vinto. Tuttavia, due opere riempiono le aspettative: Cent'anni di solitudine. »L'amore ai tempi del colera»

  2.   Gliidi suddetto

    Amo la creazione letteraria di GGM, vorrei che fosse eterna in modo da non smettere di scrivere e poterla godere in ogni momento con qualcosa di nuovo