Felix de Azúa

Félix de Azúa è uno scrittore spagnolo considerato uno dei più importanti esponenti della letteratura del XX secolo. Si è distinto come poeta, romanziere e saggista; sfaccettature in cui ha mostrato uno stile oscuro e persino nichilista. Durante la sua carriera è riuscito a vincere diversi importanti premi, come il premio Herralde de Novela e il premio Caballero Bonald International Essay.

anche ha mantenuto la sua carriera professionale vicina all'insegnamento e al giornalismo. Nel 2011 ha pubblicato il suo articolo "Contro Jeremías" sul quotidiano Il Paese, con il quale ha ottenuto il riconoscimento César González-Ruano di giornalismo. Per il 2015 è entrato nel ristretto gruppo di membri della Reale Accademia Spagnola, dove H.

Breve biografia dell'autore

Lo scrittore Félix de Azúa è nato domenica 30 aprile 1944 nella città spagnola di Barcellona. Dopo aver terminato il liceo, è entrato all'Università di Barcellona, dove si è laureato in Filosofia e Lettere. Anni dopo, nella stessa casa di studi, conseguì il più alto grado accademico universitario: Dottore in Filosofia.

Vita lavorativa

All'inizio degli anni '80, ha lavorato come professore della Cattedra di Filosofia e Scienze presso l'Università dei Paesi Baschi. Anni dopo, ha tenuto lezioni di Estetica e Teoria delle Arti presso l'Università Politecnica della Catalogna. Successivamente ha diretto l'Istituto Cervantes di Parigi (1993-1995). Attualmente collabora con alcuni media scritti spagnoli, come Il giornale della Catalogna y Il Paese

Carriera letteraria di Félix de Azúa

poesia

Ha esordito nel mondo letterario come poeta attraverso la pubblicazione di: Scorte di lontra (1968) il primo dei suoi nove poesie. Da allora è stato considerato parte della "nuova" generazione; non invano, nel 1970 fu inserito nell'antologia Nove poeti spagnoli nuovi di zecca. L'autore catalano è stato caratterizzato dai suoi testi chiusi e freddi, con temi sul vuoto e sul nulla.

Opera poetica dell'autore

  • Scorte di lontra  (1968)
  • Il velo sul volto di Agamennone (1966-1969) (1970)
  • Edgar in Stéphane (1971)
  • Lingua di lime (1972)
  • Pass e sette canzoni (1977)
  • Antologia di poesie (1968-1978) (1979)
  • festa (1983)
  • Antologia di poesie (1968-1989) (1989)
  • Antologia dell'ultimo sangue (Poesia 1968-2007) (2007)

Novelas

Nel 1972, lo scrittore ha presentato il suo primo racconto: Le lezioni di Jena; da lì ha pubblicato un totale di 9 opere appartenenti a questo genere. Tra le sue opere di romanziere spicca Diario di un uomo umiliato (1987) con il quale ricevette nello stesso anno il premio Herralde de Novela. Attraverso la sua penna, lo spagnolo ha catturato uno stile in cui prevalgono il satirismo e l'ironia.

lavoro narrativo

  • Le lezioni di Jena (1972)
  • Le lezioni sospese (1978)
  • L'ultima lezione (1981)
  • Mansura (1984)
  • Storia di un idiota raccontata da lui stesso o Il contenuto della felicità (1986)
  • Diario di un uomo umiliato (1987)
  • Cambio bandiera (1991)
  • Troppe domande (1994)
  • Momenti decisivi (2000)

saggi

L'autore è considerato uno dei saggisti più importante in Spagna; Nel corso della sua carriera ha prodotto più di 25 libri in questo genere didattico. Parte del suo riconoscimento è arrivato nel 2014 con il Caballero Bonald International Essay Award, grazie al suo lavoro: Autobiografia cartacea (2013). La sua ultima puntata in questo formato è stata: Terzo atto (2020).

Alcuni libri di Félix de Azúa

Storia di un idiota raccontata da lui stesso o Il contenuto della felicità (1986)

È un romanzo che si svolge in Spagna a metà del XX secolo, poco dopo la fine della guerra civile. Il protagonista fa una retrospettiva di tutta la sua vita, dall'infanzia all'età adulta. Il suo scopo principale è valutare la felicità in ciascuna di queste fasi, oltre a considerare altri precetti, come: religione, amore e rapporti sessuali; politica, tra gli altri.

Rivedendo alcune fotografie di quando era bambino, se ne imbatterà in una in cui viene mostrato sorridente, che chiunque potrebbe interpretare come gioia. Ma è allora che questo comincia a dubitare di questa esegesi, diversa prima della ricerca della felicità dell'essere umano. Come se si trattasse di un esperimento di laboratorio, escluderà una per una le diverse situazioni per confermare la sua teoria.

Diario di un uomo umiliato (1987)

È una commedia nera ambientata a Barcellona, ​​che racconta la storia di un uomo di oltre 40 anni, che racconta in prima persona le sue esperienze di vita. Per lui la banalità è l'unica cosa che dà senso all'esistenza umana, un'ipotesi che si riflette in diversi ricordi lungo tutta la trama. Questi sono divisi in tre frammenti: "A Banal Man", "The Dangers of Banality" e "Kill a Dragon".

Nei primi due segmenti si racconta il background familiare del protagonista e le sue esperienze in alcuni quartieri di Barcellona. Mentre è lì, incontrerà un mafioso con cui finirà per lavorare dopo aver guadagnato la sua fiducia. Nell'ultimo frammento, il bambino di quattro anni sarà immerso in un ambiente di autodistruzione, dal quale il suo capo cercherà di salvarlo.

Cambio bandiera (1991)

È un romanzo messo in scena nei Paesi Baschi negli anni '30, narrato in forma di testamento. Come protagonista, presenta un borghese, che, credendosi patriota, diventa ossessionato dalla ricerca di un aereo per attaccare da solo il nemico. Il protagonista dovrà dibattere tra essere fedele alla sua patria o diventare l'eroe "traditore" per sconfiggere l'avversario.

Mentre affronti il ​​tuo stesso smarrimento, dovrai anche affrontare una serie di tradimenti. Un amante navarrese, un atroce gudari, un prete psicopatico e un avvocato falangista faranno parte di questa storia. All'inizio, la trama si sviluppa con un ritmo un po' lento e confuso, ma accelera progressivamente per mostrare alla fine un puzzle in cui tutti i pezzi si incastrano perfettamente.

L'autore confessa in un'intervista al giornale El País, che ha fatto il romanzo unendo due storie vere. Uno, sul padre della sua prima fidanzata formale, un gentiluomo repubblicano e nazionalista che divenne ossessionato dall'investire i suoi soldi per attaccare Franco. E l'altro, il dramma di un diplomatico italiano conosciuto 15 anni dopo, in trattative per la consegna dei Paesi Baschi all'Italia.

Ultimo sangue (Poesia 1968-2007) (2007)

Questa raccolta di poesie presentata nel 2007 racchiude quasi quarant'anni di lavoro poetico dell'autore, che comprende anche altre composizioni inedite. In questo libro puoi vedere l'evoluzione e lo stile unico dello scrittore, quello che ha sorpreso tutti i lettori negli anni 70. L'antologia contiene poesie emblematiche, che fino ad allora non erano mai state ristampate.

Autobiografia cartacea (2013)

Si tratta di un saggio in cui l'autore fa un percorso attraverso le sue esperienze nelle diverse sfaccettature letterarie. Tra le righe descrive i suoi inizi come poeta, i suoi passi attraverso i romanzi e le difficoltà del saggio. Spiega anche la sua incursione nel giornalismo, genere che considera il più riuscito rispetto alla realtà attuale in cui viviamo.

Con questo post, l'autore cerca di dare la sua opinione su come tutti i generi di letteratura si siano evoluti a poco a poco nel tempo, soprattutto nel secolo scorso. Azúa presenta molti personaggi reali che sono intervenuti in queste fasi della sua carriera, senza coinvolgere la sua vita personale.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.