Stagione degli uragani: Fernanda Melchor

Stagione degli uragani

Stagione degli uragani

Stagione degli uragani è un romanzo nero dal ritmo frenetico scritto dalla giornalista e autrice messicana Fernanda Melchor. L'opera è stata pubblicata dalla casa editrice Random House nel 2017. Fin dalla sua prima uscita, il libro ha riscosso il plauso della critica e della maggior parte dei lettori che lo hanno letto, arrivando addirittura a vincere il Premio Internazionale di Letteratura nel 2019.

Uno degli aggettivi più comuni a cui viene solitamente assegnato Stagione degli uragani è “tempestoso”. Questa parola non si trova sulla bocca dei lettori per caso, perché l'opera lo merita. Il romanzo di Fernanda Melchor ruota attorno a eventi aberranti e difficili da digerire. Allo stesso modo, la sua struttura, lo stile narrativo e i personaggi ne fanno una vera e propria corsa.

Sinossi di Stagione degli uragani

Il ritrovamento

La trama di stagione degli uragani inizia quando un gruppo di bambini trova il corpo di una donna che galleggia in un canale di irrigazione. Il corpo, che giace nelle acque torbide, apparteneva a qualcuno soprannominato La Strega, una signora tanto misteriosa quanto ripudiata dagli abitanti di La Matosa. Si tratta di una cittadina fittizia, ma con paesaggi, situazioni, vocabolario e personaggi molto simili a quelli che si potrebbero trovare a Veracruz, in Messico.

La capanna rosicchiata di La Bruja era un luogo di incontro abituale delle donne di La Matosa. In lei, la maga aiutava i suoi concittadini a liberarsi dei bambini che non volevano nascessero, per creare intrugli d'amore per intrappolare i loro uomini, per curare malattie e altri incidenti. Tutte queste usanze molto popolari in alcuni comuni rurali degli Stati Uniti messicani.

Ricerca

Da quel momento, iniziano così una serie di indagini per scoprire il colpevole dell'omicidio. I risultati delle indagini sono buoni, poiché poco dopo la morte della Strega, gli indizi portano gli investigatori a diversi sospettati.

Specifica, i collegati al delitto sono un gruppo di giovani, che secondo un vicino del villaggio fuggì dalla capanna del defunto con un fagotto che somigliava a un corpo umano. Le stesse circostanze spingono i personaggi a raccontare le proprie storie.

Un romanzo di personaggi

Più di un thriller o a https://www.actualidadliteratura.com/novedades-mayo-novela-negra-viaje-comic/romanzo nero, Stagione degli uragani E' un libro sui personaggi. Ognuna delle voci coinvolte in The Witch ha qualcosa da dire, tutte portano i propri fardelli, peccati e desideri.

La Matosa non è un buon posto per coltivare, poiché è afflitta da violenza, discriminazione, droga, pornografia, sesso in tenera età e da un intricato gioco di potere in cui vincono solo gli uomini più influenti.

in detta città solo i più forti sopravvivono e, molte volte, per acquisire quel livello di forza è necessario diventare un predatore, sempre alla ricerca delle vittime più deboli, costantemente presente davanti agli sguardi di sfida dei ribelli.

In questo contesto, ciò che Fernanda Melchor ha da raccontare non è di facile lettura, dalla sua forma e dal suo sfondo. Stagione degli uragani mette a nudo il lato più terribile dell'essere umano, ma anche la sua luce.

Struttura del lavoro

Allo stesso modo in cui accade con sedici note, di Risto Mejide, La struttura imposta da Fernanda Melchor è intrinsecamente legata al piacere di leggerlo. L'autore propone blocchi di testo senza separazione da punto.

All'interno del romanzo non ci sono paragrafi —Più che nel settimo capitolo, e questo per ragioni ben precise. Inoltre non ci sono pause oltre un semplice punto e seguito. Addentrarsi in questo libro è correre una maratona vertiginosa verso una storia che non lascia spazio a tregua.

Alcuni lettori hanno sostenuto che è proprio questa struttura ad aver impedito la loro piena fruizione del romanzo, altri, dal canto loro, sostengono l'esatto contrario. E sì: ciò che esiste dentro Stagione degli uragani invita alla velocità, al conseguente ribaltamento. Nell'opera si ritrova l'erotismo più oscuro, l'ambivalenza tra abbandono e bellezza incarnata in alcuni personaggi, che, disperati, reclamano una via d'uscita.

Lo stile narrativo di Fernanda Melchor in Stagione degli uragani

I dialoghi, i monologhi interni e i flashback utilizzati in Stagione degli uragani sono vicini al tipo di linguaggio che solitamente caratterizza le comunità più povere di qualsiasi paese. Le periferie sono abitate da interlocutori volgari, senza filtro, dal linguaggio rapido, rude e goffo.

Ma non è questo ciò che ci si aspetta da una città annerita dalla povertà dei suoi abitanti? Lo stile narrativo dell'autore è totalmente congruente con la trama che si sviluppa nella sua opera.

L'unica pausa che si verifica nella lettura di Stagione degli uragani esiste quando inizia un nuovo capitolo. In ognuno di essi, lo scrittore si concentra nel dare voce ai personaggi che un tempo erano legati a The Witch.

Attraverso questi è possibile conoscere qualcosa in più su questa figura enigmatica, ma è anche plausibile andare a fondo nel cuore di ogni persona che abita La Matosa, e nel motivo delle sue azioni. Nessuno è al sicuro, nessuno è irreprensibile e tutti sono grigi.

Informazioni sull'autrice, Fernanda Melchor Pinto

Fernanda Melchor

Fernanda Melchor

Fernanda Melchor Pinto è nata nel 1982 a Boca del Río, Stato di Veracruz, Messico. Si è laureato in giornalismo presso l'Università di Veracruz. Dopo la laurea ha collaborato con diversi organi di informazione, tra cui: trucioli sottili, Replica, parola e il Uomo, millennio settimanale, Rivista di letteratura messicana contemporanea, Le Monde Diplomatique, Vanity Fair America Latina y Il Malpensante.

Oltre alla sua carriera principale, L'autore insegna Estetica e Arte presso l'Università Meritorious Autonoma di Puebla. Fernanda Melchor è diventata famosa dopo la pubblicazione dei suoi primi due libri. Il suo terzo lavoro le è valso l'International Booker Prize, nel 2020, oltre ad altri riconoscimenti per il suo lavoro.

Altri libri di Fernanda Melchor

Novelas

  • Lepre falso (2013);
  • Paradais (2021).

Cronache

  • Qui non è Miami (2013).

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.