Rafael Caunedo. Intervista all'autore di Desire for Accidents

Fotografia: Rafael Caunedo. Profilo Facebook.

A Raffaello Caunedo L'ho incontrato personalmente come moderatore in un incontro di lettori organizzato da Ámbito Cultural per chattare con Domenica Villar. Poi l'ho rintracciato. E all'inizio di questo mese ha pubblicato il suo nuovo romanzo, Voglia di incidenti. Voglio ringraziarvi per la vostra gentilezza e il tempo dedicato a questo intervista dove ci racconta di lei e di molto altro.

  • LETTERATURA CORRENTE: Voglia di incidenti è il tuo nuovo romanzo. Cosa ci racconti a riguardo e da dove nasce l'idea?

RAFAEL CAUNEDO: Come sempre, le idee nascono dalle domande. Un giorno, per caso, ho visto una ragazza molto giovane che faceva parte di un'unità di equipaggiamento antisommossa. Venivano dal lavoro, con le protezioni ancora addosso, le uniformi macchiate di farina e uova - non ho bisogno di spiegarne il motivo - e di fronte alle circostanze. Quando l'ho guardata ho pensato: avrà figli? Un bebè ti aspetterà a casa, manganelli e biberon sono compatibili? Così ho deciso di portare quella donna fuori dalla realtà e L'ho trasformata in Blanca Zárate. E prevedo che nella fiction sia molto peggio.

  • AL: Ricordi il primo libro che hai letto? E la prima storia che hai scritto?

RC: La verità è che Ricordo solo le cose che mi lasciano qualche tipo di huella. Devo avere una memoria selettiva. In particolare non ricordo il primo libro. Ho in mente titoli che sono passati per le mie mani; sono ricordi di un'infanzia felice. Ma se devo dire comeÈ stato il libro che ha cambiato le mie abitudini di lettura, cioè Il Signore degli Anelli. Come risultato della sua lettura, ho iniziato a risparmiare ogni settimana per comprare libri. E così via fino ad oggi. Non posso vivere senza leggere; né posso farlo senza scrivere. Mi è sempre piaciuto farlo, ma ero piuttosto riluttante a mostrare le mie cose. Errore. Tutto è cambiato il giorno in cui ho accompagnato un amico a un laboratorio di scrittura. Tra vini e porzioni di crocchette e frittate leggiamo le nostre storie. Improvvisamente stavo scrivendo per gli altri, non per me stesso, e questo ha cambiato tutto.

  • AL: Un capo scrittore? Puoi sceglierne più di uno e di tutte le epoche. 

RC: Mi piacciono molto. ho letto tutto. Suppongo di scegliere in base allo stato emotivo in cui mi trovo. Ogni libro, o ogni autore, ha il suo momento. Mi piace anche scoprire nuovi scrittori, mi sono lasciato consigliare dai librai e anche dal mio istinto, ma la verità è che c'era un autore che, scoprendolo, mi ha fatto considerare la possibilità di fare lo scrittore. Mi piacevano i suoi libri e se stesso, il suo enigma, la sua vita strana, la sua personalità. è stato letto per Thomas Bernhard e cambiare il mio punto di vista sulla letteratura.

  • AL: Quale personaggio in un libro ti sarebbe piaciuto incontrare e creare?

RC: A chi, dopo aver condiviso tavola e tovaglia durante una cena, voglio ripetere. Non molti possono durare più di una cena.

  • AL: Qualche abitudine o abitudine speciale quando si tratta di scrivere o leggere? 

RC: Non mi dispiace il rumore, né la musica, posso scrivere ovunque. Ho la possibilità di entrare nel mio mondo, anche se sono in un bar circondato da gente. L'unica cosa che non sopporto è avere una conversazione alla porta accanto. Insisto, non mi interessa il rumore, il rumore, ma non riesco a scrivere appena identifico le parole legate al significato.

  • AL: E il tuo luogo e momento preferito per farlo? 

RC: Vengo dai bioritmi mattutini. La mia mente è più agile al mattino. È interessante notare che i pomeriggi sono ideali per la lettura. Il luogo? Cordiali saluti, Non ho un posto fisso. Posso scrivere appoggiato a un tronco d'albero, sotto un tendone sulla spiaggia, o in un caffè con il jazz in sottofondo. A casa mia, di solito lo faccio ovunque. È sufficiente che accanto a me non ci sia nessuno a parlare. 

  • AL: Ci sono altri generi che ti piacciono?

RC: leggo d'impulso. Sfoglio le librerie, gironzolo molto e c'è sempre un libro che mi sussurra: "Sono io". E poi lo compro. Influenza il testo sulla quarta di copertina, sulla copertina e sulla frase casuale a cui mi porta il caso. 

  • AL: Cosa stai leggendo adesso? E la scrittura?

RC: In questo momento sto con Hamnetdi Maggie O'Farrell.

Sono coinvolto in una trama di cui preferisco non raccontare nulla finché non è più definito. Certo, garantisco che il protagonista sarà dove non dovrebbe essere.

  • AL: Come pensi che sia la scena editoriale e cosa ti ha deciso di provare a pubblicare?

RC: Statisticamente, La Spagna è uno dei paesi in cui viene pubblicato di più al mondo. È paradossale che indice di lettura mare inferiore rispetto alla media. Non so quale risultato provochi agli editori questa contraddizione, ma vi assicuro che se si leggesse di più sarebbe meglio per tutti noi.

  • AL: Il momento di crisi che stiamo vivendo è difficile per te o riuscirai a mantenere qualcosa di positivo per le storie future?

RC: Non credo che scriva nulla sul COVID, sul confinamento e tutto il resto. Non mi va. Il mondo di prima era molto più suggestivo per me, quindi Scrivo come se nulla fosse perché sono sicuro che tutto passerà e torneremo agli stessi problemi di sempre, ma senza mascherina né distanza sociale. Mi piacciono gli abbracci e i baci al primo incontro, senza che ti venga chiesto se sei vaccinato.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.