Scrivere sulla scrittura. Riflessioni letterarie sulla Giornata del libro

Foto centrale: (c) Rafael Plaza Aragonés. Il resto proviene dai miei file personali e dai miei libri.

Nel Giornata del libro Scrivo di scrittura. Sono pochi riflessioni dopo quasi una vita intera a mettere insieme le parole da quando ho imparato a farlo per raccontarmi e raccontare storie. Ragioni o scuse, o semplicemente divertimento. E sempre dentro solitudine o astrazionein silenzio di solito, o in scuro. Queste sono le mie ragioni. Puoi condividerli con i colleghi, anche se sono unici e non trasferibili.

Imparare a scrivere

Le foto nell'intestazione di questo articolo mostrano l'evoluzione di la mia calligrafia e i miei caratteri di stampa preferiti. Anche l'inizio di alcune mie storie. Il primo, esercizi di narrazione scolastica pieno di errori di ortografia.

Successivamente quella lettera è stilizzata e variegata in storie di adolescenti. E infine, le lettere diventano chiavi e le storie e le storie diventano romanzi. Ne sono già state pubblicate due, una tramite editoriale e l'altra tramite autopubblicazione. Perché ho anche imparato a dare loro una forma fisica dai libri.

E perché scriviamo che scriviamo? Conclusione tante ragioni quanti scrittori e sicuramente li condividiamo tutti. O forse non ce n'è davvero nessuno. Solo il piacere o l'orrore di creare una storia, un universo e vite da cui non sai come uscirai o dove ti porteranno. Tanto quanto tiri i fili. Il punto è anche che non smettiamo di imparare a farlo.

Bisogno

C'è sempre una storia là fuori o nel profondo. A volte un'immagine te le regala (mi è capitato più di una volta), a volte una canzone (è stato anche il mio caso), o un dettaglio della realtà che vivi. Buono, cattivo o mediocre. C'è anche un situazione personale alcuni o altri che devi analizzare, capire o interpretare. il realtàAd ogni modo, è sempre al di là della finzione e tendiamo a volerlo spiegare a noi stessi. O a variare a nostro piacimento e modo.

C'è anche un bisogno di espressione per quelli di noi, come me, che sono molto meno abili nel suonare le parole. E c'è anche una convinzione diffusa in merito presunte capacità di uno scrittore per affrontare o affrontare nuove situazioni reali. Non li hai sperimentati ma sei stato in grado di ricrearli, quindi potresti essere in grado di gestirli più facilmente. Ma ammetto solo che è possibile, non che sia vero.

Libertà e potere

Ciò rende possibile farlo con assoluta libertà per utilizzare qualsiasi strumento. Oppure sii chi vuoi. E il meglio: gioca per essere un dio con il potere di dare e prendere vite in qualsiasi universo reale o fantastico. Ancora di più. Il set include tutto cambiamenti di personalità, età, sesso, condizione, nazionalità, lingua e colore di pelle. Inoltre non ci sono restrizioni. Come dio che sei, puoi anche decidere di essere un demone. E non succede niente.

Non c'è censura e non c'è correttezza politica. Il poeti, che ammiro e venerano come maestri dell'accostamento delle parole, le muovono creando figure, ruotandole e dotandole di una bellezza eccezionale. Quelli di noi che sono di più prosaico e raccontiamo le stesse storie a un ritmo diverso, godiamo anche di questo privilegio. E ne approfittiamo, anche se solo nella finzione.

Un caso: quelli di noi che ci vogliono bene romanzo nero Ci siamo chiesti tante volte come questo o quell'autore possano escogitare tanti mali, atrocità e altri mascalzoni tipici dello psicopatico più spietato. Ma è solo questione di giocarci emozioni e sentimenti fondamentali e universali della natura umana, il meglio e il peggio.

Ci sono anche molti casi di scrittori salvati dalla propria vita grazie alla letteratura. Non solo per il successo che hanno ottenuto, ma per la vera salvezza evitando di averli finiti nel peggiore dei modi. Devi solo leggere, ad esempio, I miei angoli buidi James Ellroy.

Sfide della creazione

Quella libertà e potere ci permettono anche di entrare in giardini che a volte possono essere molto fitti. Quindi abbiamo cercato delle guide. È qui che sorge la famosa domanda: Abbiamo bisogno delle esperienze di cui scriviamo? Ovviamente no. E ovviamente anche se li abbiamo, possiamo raccontarli in prima persona. Ma il punto è che forse, se li usiamo, non lo faremo come li abbiamo realmente vissuti ai loro tempi.

Il tempo è un grande alleato. Dà sfumatura e prospettiva. Soprattutto se è passato. Per chi il presente non ci offre un interesse più particolare di quello di viverlo nel miglior modo possibile, ultimo è un intero universo in sé. Può reinventare e ricreare, persino inventare dalle loro impalcature. Lo stesso di lui futuro, molto più grande da creare e immaginare. Per scriverlo e forse per farlo bene.

Tutte queste sfide possono aiutare trova la voce narrativa. Non molto tempo fa qualcuno che vuole iniziare a scrivere me lo ha chiesto. Ma non sono nessuno che guidi o dia consigli. Ognuno è diverso e ho suggerito solo il più elementare: "scrivi quello che vuoi, quello che ti piace e prova le voci". Non c'è più. Possono anche insegnarti, allenati, ma prima devi provare tu stesso anche se sfuggi mille carte. E soprattutto devi continuare a leggere. Sono quelle letture e generi preferiti quelli che segnano anche il contenuto e lo stile per te.

Scrivi solo perché

Semplicemente. Nessun motivo. Solo per il gusto di farlo. Premendo i tasti o facendo scorrere una matita o una penna tra le dita su una tela bianca, elettronica o di carta. A volte è un file frase singola da un'idea colta al volo o da un pensiero che possiamo usare per quella storia o poesia. E a volte sì, è quello ispirazione che appare quando meno te lo aspetti. Altri potrebbero essere famosi flusso di coscienza, cosa dicono i Sassoni, quello flusso di coscienza o psiconarrazione in cui i pensieri scorrono senza controllo apparente.

Ma sempre, sempre, da solo o in astrazione. Del tempo e dello spazio. Di noi stessi. Per uscirne o trasformarlo o dividerlo per mille. Perché ci piace scrivere.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.