Rime e leggende di Bécquer

Rime e leggende di Bécquer

Fonte Foto Rime e leggende di Bécquer: XLSemanal

Sicuramente più di una volta avrai sentito parlare del libro Rime e leggende di Bécquer. Forse dovevi anche leggerlo a scuola o al liceo. O analizzarne uno in qualche classe, giusto?

Che tu ne abbia sentito parlare o che sia nuovo per te, ecco cosa ti diremo del libro, cosa ci trovi e perché è così importante. Ti invitiamo a leggerlo.

Chi era Gustavo Adolfo Bécquer

Chi era Gustavo Adolfo Bécquer

Gustavo Adolfo Bécquer, o Bécquer, come è anche conosciuto, nacque a Siviglia nel 1836. Di origine francese (poiché i suoi genitori arrivarono dal nord della Francia in Andalusia nel XVI secolo, è considerato uno dei migliori poeti spagnoli che ci siano stati in il paese.

Rimase orfano molto giovane, a soli 10 anni. Studiava al Colegio de San Telmo finché non fu chiuso. Fu allora che la sua madrina, Manuela Monahay, lo accolse. È stata lei a infondere in lui la passione per la poesia poiché, fin dall'infanzia, la lettura di poeti romantici era nella sua quotidianità. Per questo, all'età di 12 anni, riuscì a scrivere l'Ode alla morte di don Alberto Lisa.

Era un persona multidisciplinare, poiché nello stesso periodo in cui studiava all'istituto di Siviglia, imparò anche la pittura nella bottega dello zio. Tuttavia, fu finalmente suo fratello Valeriano a diventare pittore.

Bécquer decise nel 1854 di andare a Madrid in cerca di un lavoro legato alla letteratura, poiché era la sua vera passione. Tuttavia, fallì e dovette dedicarsi al giornalismo, anche se non era affatto quello che gli piaceva.

Quattro anni dopo, nel 1858, si ammalò gravemente e, in quel periodo, conobbe Julia Espín. Infatti, tra il 1858 e il 1861 sia Julia Espín che Elisa Guillem furono le due donne che "si innamorarono" del poeta. Ma durò poco perché in quell'ultimo anno sposò Casta Esteban, figlia di un medico e dalla quale ebbe diversi figli. Naturalmente, l'ha abbandonata anni dopo, quando ha scoperto che gli era infedele con il suo vecchio fidanzato.

Ha attraversato molte difficoltà finanziarie, soprattutto quando ha lasciato tutto e si è trasferito con il fratello Valeriano e i figli a Toledo. Ma nel 1869 un ammiratore, Eduardo Gasset, lo contattò per tornare a Madrid come direttore del quotidiano madrileno La Illustration. Questo iniziò a essere pubblicato nel 1870 ma ancora una volta la sfortuna bussò alla sua porta, perdendo il fratello nel settembre di quell'anno. Tre mesi dopo, il 22 dicembre 1870, Gustavo Adolfo Bécquer morì di polmonite con epatite.

Quando fu pubblicato Rimas y leyendas de Bécquer

Quando fu pubblicato Rimas y leyendas de Bécquer

Fonte: Biblioteca del Prado

La verità è che il libro Rimas y leyendas de Bécquer, che è stato pubblicato per la prima volta, in realtà non è lo stesso di quello che conosci ora. Soprattutto da quando è stato pubblicato conteneva molte meno didascalie.

Infatti, Quando fu pubblicato nel 1871, fu da parte di amici che misero insieme le leggende e le filastrocche con l'obiettivo che il denaro raccolto servisse ad aiutare sia la vedova che i bambini. E invece di chiamarsi Rimas y leyendas de Bécquer, la chiamarono Obras. Uscì in due volumi, ma con il passare del tempo si sono ampliati e, a partire dalla quinta edizione, ha cominciato ad avere tre volumi.

A quale genere letterario appartiene Rimas y leyendas?

A quale genere letterario appartiene Rimas y leyendas?

Fonte: AbeBooks

Sebbene il libro Rimas y leyendas de Bécquer sia composto da poesie e racconti in prosa, la verità è che rientra nel genere letterario della poesia.

Quante rime ci sono?

All'interno del libro originale di Rimas y Leyendas de Bécquer possiamo trovare 78 poesie dove riesce ad esprimere tutti i sentimenti utilizzando un linguaggio intimo, semplice ma con una costruzione quasi musicale. Ora ce ne sono molti di più, dal momento che il loro numero è in aumento.

Per quanto riguarda il suo stile, è molto semplice e al posto della consonanza, Bécquer preferiva l'assonanza, usandola solitamente nelle strofe popolari.

All'interno del gruppo delle rime, ci sono quattro temi principali che possiamo trovare: la poesia, ovviamente, che è una fusione tra poesia e donna; amore; l'amore per la delusione; e l'amore idealizzato.

Potremmo dire che fa una piccola evoluzione dell'amore, dal più puro al più negativo dove si perde.

Nel libro le rime sono numerate da I a LXXXVI (da 1 a 86). Inoltre, ci sono altre rime, in questo caso con titoli, che sono:

  • Elisa.
  • Tagliare i fiori.
  • È l'alba.
  • Vagare.
  • Fantasmi neri.
  • io sono il fulmine.
  • Non ti sei sentito.
  • Sostenendo la mia fronte.
  • Se copi la tua fronte.
  • Chi era la luna!
  • mi sono rifugiato.
  • Trovare.
  • Quelle lamentele.
  • Veliero.

E le leggende?

Le leggende in questo libro sono molte meno. Specifica, Si tratta di 16 racconti, non inediti, perché in realtà apparvero pubblicati sulla stampa dal 1858 al 1864, e poi furono compilati.

In queste leggende Bécquer mette tutto il suo talento. La struttura, il tema, il genere letterario e la prosa li rendono i migliori che ha scritto e sebbene questo modo di scrivere poetico sia evidente, la verità è che i personaggi, i temi, le scene, ecc. rendono possibile un insieme completo di significato e trama che pochi autori hanno raggiunto a quel livello.

Nello specifico, i nomi delle legende che andrete a trovare (ora ce ne sono 22) sono:

  • Maestro Pérez l'organista.
  • Gli occhi verdi.
  • Il raggio di luna.
  • Tre date.
  • La rosa della passione.
  • La promessa.
  • Il monte delle anime.
  • Il Miserere.
  • La vendita dei gatti.
  • Il capo dalle mani rosse.
  • La croce del diavolo.
  • Il braccialetto d'oro.
  • Credere in Dio.
  • Il Cristo del teschio.
  • La voce del silenzio.
  • Lo gnomo.
  • La grotta della mora.
  • La promessa.
  • Il cervo bianco.
  • Il bacio.
  • La rosa della passione.
  • La creazione.

Hai letto Rimas y legends de Bécquer? Cosa ne pensi? Ci piacerebbe conoscere la tua opinione su questo autore, quindi sentiti libero di commentare.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.