Raffaella Salierno: "Possono essere membri del PEN Català tutti gli scrittori che hanno pubblicato e che sono riconosciuti nella cultura e nella lingua catalana"

È sempre interessante parlare con coloro che dedicano i loro sforzi alla difesa della libertà di stampa, della libertà di espressione e dei diritti umani, ma i vari eventi recenti che hanno minacciato queste libertà invitano ancora più determinazione a conoscere il lavoro di organizzazioni come PEN Català.

Logo PEN Català

Raffaella Salierno coordina il Comitato degli scrittori incarcerati del PEN Català, la sezione catalana dell'International PEN: "è come la casa madre dei 140-150 PEN Centers sparsi per il mondo", spiega. «La sua funzione è essenzialmente quella di coordinare le attività dei diversi centri e di consigliarli; organizzare le assemblee generali o le riunioni dei diversi comitati che compongono il PEN (Comitato di scrittori incarcerati, Comitato di traduzione e diritti linguistici, Comitato per la pace e Comitato di scrittori, ecc.); fornire consulenza sull'organizzazione di festival letterari o altre attività letterarie, ecc. »

Chi può essere membro di PEN Català?

I centri PEN sono raggruppati attorno a una letteratura, non a uno stato amministrativo. Pertanto, nello stesso stato potrebbero esserci diversi centri PEN. Questo è il caso della Spagna, ad esempio, e abbiamo il PEN catalano, il PEN galiziano, il PEN basco e recentemente anche il PEN spagnolo. Di conseguenza, tutti gli scrittori che hanno pubblicato e che sono riconosciuti nella lingua e nella cultura catalana possono essere membri di PEN Català, indipendentemente dalla nazionalità, cultura, colore o religione.

Va inoltre precisato che con il termine "scrittore" si intendono tutti i mestieri che sono legati alla parola scritta: poeti, saggisti, traduttori, sceneggiatori, giornalisti, editori ...

Parlando nello specifico del PEN Committee of Incarcerated Writers, incaricato di aiutare gli scrittori i cui diritti e libertà sono violati, vale la pena prestare attenzione alle diverse iniziative che porta avanti, tra cui il Rapid Action Network.

Quali sono le cosiddette azioni rapide? Come può collaborare qualcuno che vuole aiutare anche solo essere un membro del PEN?

Il PEN International Committee of Incarcerated Writers è incaricato di raccogliere e verificare le informazioni sui casi di scrittori perseguitati in tutto il mondo. Queste informazioni vengono raccolte attraverso più fonti e in collaborazione con altre entità che si occupano della difesa dei diritti umani. Quando si verifica un nuovo caso di persecuzione di uno scrittore per violazione del diritto alla libertà di espressione, l'International PEN emette un'Azione Rapida, cioè invia a tutti i centri PEN informazioni sullo scrittore in questione, con tutti i dettagli del suo caso. Indica inoltre ai diversi centri il tipo di azione che possono intraprendere (lettere di protesta alle autorità del Paese in cui si è verificata la violazione; comunicati stampa; possibili attività ...)

I membri non PEN possono supportare le azioni rapide PEN o le attività PEN in modi diversi, a seconda dei casi specifici. Può essere partecipando agli eventi organizzati dal PEN, attraverso sforzi diplomatici o, ad esempio, firmando cartoline a favore di scrittori perseguitati, che il PEN distribuisce durante alcuni eventi letterari, come abbiamo fatto di recente al Festival Kosmópolis08 di Barcellona.

Parlando di collaborazione con altri enti che difendono i diritti umani: l'organizzazione in sezioni locali che ha il PEN dovrebbe essere un vantaggio in questo senso. Come si coordina PEN Català con queste altre entità?

Il rapporto è quello di organizzare eventi congiuntamente, ogni volta che se ne presenta l'occasione, con tutti gli enti per la difesa dei Diritti Umani. Puoi provare a organizzare un atto letterario o di solidarietà; o organizzarsi per pubblicizzare un particolare argomento; o collaborare per pubblicare un libro, come nel caso del libro, Anna Politkòvskaia, la coscienza morale della Russia, una raccolta di alcuni articoli del giornalista russo che PEN Català ha pubblicato insieme alla Lliga pels Drets dels Pobles e alla Federació Catalana d'ONG pels Drets Humans.

La scorsa settimana ha segnato il 70 ° anniversario del viaggio dell'Institució de les Lletres Catalanes in cui diversi scrittori minacciati da Franco sono riusciti a fuggire in esilio. Il lavoro svolto in quel momento dall'ILC presenta alcune somiglianze con il lavoro del Comitato degli scrittori incarcerati. Che legame c'è, oggi, tra PEN Català e l'Institució de les Lletres Catalanes?

Il PEN Català, dall'inizio del recupero dell'Institució de les Lletres Catalanes (ILC), 25 anni fa, è stato membro del suo consiglio di amministrazione e del consiglio consultivo ei membri del PEN partecipano alle commissioni di valutazione del ILC, in termini di concessione di sussidi o aiuti alla creazione o agli editori. Inoltre, in più occasioni, organizza attività letterarie, mostre o reportage, insieme all'ILC.

La rete delle città di rifugio è un'altra delle iniziative più importanti del Comitato degli scrittori incarcerati. L'ammirevole compito di costruire una rete di comuni disposti ad ospitare scrittori minacciati in qualunque parte del mondo non sembra, tutt'altro, di facile realizzazione. Nessuno meglio del coordinatore del comitato che si assume questo compito per spiegarne il funzionamento:

Come funziona PEN Català affinché una città si unisca alla rete delle città rifugio?

Il PEN Català fa parte di ICORN, la rete internazionale delle città rifugio. L'implementazione del Refugee Writer Program in Catalogna può essere considerata una conseguenza quasi naturale del lavoro di PEN Català nella difesa della libertà di espressione, e anche per un dovere di gratitudine per il sostegno che gli scrittori catalani hanno ricevuto, quando sono stati costretti andare in esilio dopo la guerra civile spagnola, dagli intellettuali dei paesi che li hanno ospitati.

La prima città catalana ad adottare il Refugee Writer Program è stata Barcellona, ​​ma ci sono altre città che hanno mostrato il loro interesse ad ospitare scrittori perseguitati. Palma di Maiorca e Sant Cugat hanno già approvato in una sessione plenaria municipale l'attuazione del programma nel loro comune.

Per entrare a far parte della lista degli scrittori per i quali l'ICORN sta cercando una città ospitante, lo scrittore stesso deve inviare una domanda spiegando il suo caso. Questa domanda viene esaminata e verificata dal Committee of Incarcerated Writers of the International PEN, che, in tal caso, la certifica. Da questo momento in poi si cerca una città che possa accogliere lo scrittore, tenendo conto sia delle aspettative dello scrittore che di quelle della città ospitante. L'obiettivo è rendere lo scambio culturale tra lo scrittore e la città ospitante il più proficuo e arricchente possibile per entrambi.

L'importanza delle attività del PEN è tale da essere persino riconosciuta dalle Nazioni Unite: "L'International PEN è un'organizzazione strettamente apolitica e ha statuto consultivo presso l'UNESCO e l'ONU", spiega Salierno. A volte questa organizzazione viene chiamata PEN Club, un'espressione che ci ricorda che non è qualcosa come un sindacato, ma piuttosto che ha la volontà di essere un forum sulla letteratura e sulle condizioni in cui viene prodotta e diffusa.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.