Cos'è la poesia visiva?

La poesia visiva è attraente

L'interpretazione visiva o pittorica di qualsiasi genere narrativo mi ha sempre suscitato un certo fascino, forse perché la necessità di evocare immagini specifiche attraverso le lettere si traduce in una rappresentazione molto più istantanea.

Immagini che nascono dai libri, arte urbana ispirata alla letteratura e anche poesia visiva, una forma sperimentale in cui l'arte plastica prevale sulle lettere (o viceversa), acquisendo risultati tanto singolari quanto infiniti. Vuoi sapere cos'è la poesia visiva e scopri alcuni esempi?

I contorni della poesia

Un semplice quaderno può essere una bellissima poesia visiva

Futurismo Era una tendenza artistica emersa all'inizio del XX secolo e che avrebbe preceduto il cubismo, uno stile che è stato immortalato da artisti come Picasso o Bracque il cui obiettivo era reinventare la storia del mondo attraverso un uso più esaltato dei colori o la modernità come elemento chiave di un'avanguardia alla ricerca di nuovi modi di espressione.

Questa corrente pittorica influenzò anche i modi di concepire la poesia, risultando in ciò che è noto come poesia visiva, una forma sperimentale con chiari riferimenti in un'Antica Grecia in cui i suoi calligrammi sarebbero stati sostituiti poco dopo da forme narrative più conservatrici.

Nella poesia visiva l'arte plastica, le immagini o le forme pittoriche definiscono la poesia e viceversa, diventando un curioso ibrido e, soprattutto, molto visivo. Gli esempi possono variare da a collage elaborato dai versi di una scrittura a un'immagine che di per sé definisce l'intenzione della poesia.

In Spagna il primi riferimenti alla poesia visiva avvenne nel XVII secolo, con esempi come il Romance silenzioso all'Immacolata Concezione di Gerónimo González Velázquez. La poesia, introdotta come leggenda dei geroglifici che la accompagnavano, non solo rendeva la lettura più visiva, ma la sua diffusione alle diverse classi sociali la rendeva una modalità narrativa più istantanea e anche didattica.

Sebbene gli esempi siano stati contati negli anni successivi, finalmente nel XX secolo le avanguardie del futurismo o del cubismo si tradurranno in esempi di poesia visiva come quello urbano di Joan Brossa o il gruppo musicale Grupo Zaj, composto da compositori, parolieri e artisti visivi che negli anni '60 accompagnavano la musica dei loro concerti con l'uso di oggetti o con le performance di piccoli teatri.

Dopo l'arrivo del XNUMX ° secolo e il consolidamento delle nuove tecnologie, la poesia visiva è diventato noto anche come cyberpoesia o anche la poesia elettronica, viste le tante possibilità che offre sui social network e, soprattutto, tra illustratori o grafici. L'arte dell'istantaneo così prevalente oggi ha quindi trovato in questa poesia "plastica" uno dei suoi migliori esponenti, offrendo infinite possibilità.

La poesia visiva è sperimentale, giocosa, creativa. Un rapporto peculiare tra il visivo e le lettere in cui le due espressioni si sovrappongono fino ad acquisire un risultato a volte scioccante, altre più intimo e qualcun altro addirittura opportunistico. Ovviamente, quando si parla di arte, nessuno ha mai l'ultima parola.

Le origini della poesia visiva

Sebbene sia nel XX secolo (in particolare intorno agli anni '70) che la poesia visiva sembra iniziare a fiorire, la verità è che questa non è la sua origine. È stato usato molto prima. Si tratta infatti di tempi molto antichi, come il 300 a.C. Come può essere? Per fare questo, dobbiamo passare a Grecia classica.

A quel tempo, non solo i grandi trionfarono. C'erano scrittori di molti tipi e generi. E la poesia visiva era una di queste.

Per citare un esempio, puoi vedere il calligramma «L'uovo». È Simmia di Rodi ed è una poesia che segue le caratteristiche della poesia visiva. Ma in realtà non è l'unico che possiamo citare. Un altro, e non dalla Grecia ma dalla Francia, lo è Rabelais (dal 1494 al 1553) con la sua poesia "Sombrero".

Cosa stavano facendo questi due poeti? Volevano creare una poesia con la silhouette del nome che la definiva. Ad esempio, nel caso dell'uovo, l'intera poesia era all'interno di quella sagoma. Lo stesso con il cappello o con qualsiasi altra immagine.

Quindi, le parole, i versi, i testi ... tutto ha giocato per creare la composizione perfetta e che nulla è stato lasciato fuori dal set finale. Ma doveva anche avere un senso ed essere una poesia ben costruita.

Gli antecedenti della poesia visiva

Come abbiamo visto prima, la poesia visiva nasce dai calligrammi. Questo è davvero il background e il modo in cui si è evoluto in ciò che ora conosci come tale. Ma gli autori sono stati anche, a modo loro, gli antecedenti di questa poesia visiva.

Ad esempio, spiccano due autori del XIX secolo, Guillaume Apollinaire e Stéphane Mallarmé. Entrambi sono considerati gli autori moderni rappresentativi dell'antecedente della poesia visiva, cioè dei calligrammi. In effetti, ci sono sue opere che potresti aver visto spesso e che hai pensato fossero "moderne" quando in realtà hanno qualche anno. Sono "La Torre Eiffel" o "La signora con il cappello".

Poesia visiva in Spagna

Nel caso della Spagna, la poesia visiva ha avuto il suo periodo di massimo splendore negli anni '60, tempo in cui sono emersi molti autori che sono ancora attivi oggi, anche se molti di loro sono morti. Quasi tutti hanno iniziato in questo genere letterario come una forma di rivendicazione politica e critica sociale. Quello che volevano era attirare l'attenzione sull'ordine che era stato stabilito e che non era più corretto.

Nomi come Campal, Brossa, Fernando Millán, Antonio Gómez, Pablo del Barco, eccetera. sono alcuni esempi di poeti visivi che hanno cercato di cambiare il mondo con creazioni più originali che non solo sono entrate attraverso le orecchie, ma anche attraverso gli occhi.

Molti di loro sono ancora attivi e altri stanno iniziando con questa tendenza letteraria. Sono note le opere di Eduardo Scala, Yolanda Pérez Herraras o J. Ricart. C'è davvero una lunga lista e gli stessi social network hanno fatto proliferare la poesia visiva poiché ci sono molte immagini e composizioni che stanno facendo evolvere ciò che è iniziato anni fa con i calligrammi.

Tipi di poesia visiva

Qualsiasi cosa può essere usata per creare una bellissima poesia visiva

La poesia visiva non è davvero unica. Ha diversi generi che lo classificano in base agli elementi visivi utilizzati. In questo modo puoi trovare quanto segue:

Poesia visiva solo tipografica

In questo caso, è caratterizzato dall'utilizzo delle sole lettere per formare creazioni originali, che catturano l'attenzione dei lettori, sia distribuendo le lettere in un certo modo, sia dando colore a quelle che vogliono essere promosse, ecc.

Quello che combina lettere e disegni

In questo caso, non solo le parole della poesia sono importanti, ma le immagini stesse, che, in molti casi, sono legate alle parole. Ad esempio, c'è l'immagine di una spilla da balia con la parola separata in modo tale che la spilla rechi le lettere "missable" e la "Im" rimanga dove è fissato l'oggetto.

Quello che disegna con le lettere (è la poesia visiva più pura, poiché si basa su calligrammi)

Sono proprio i calligrammi che hanno dato origine alla poesia visiva. In effetti, non sono molti quelli che osano farlo per le difficoltà che comporta, ma è ancora in aumento, soprattutto utilizzando quello di poeti e autori antichi.

Combina lettere e pittura

Potremmo dire che è un tipo di poesia visiva tra immagine e parole, ma invece di usare una fotografia, entra in gioco un dipinto, creato appositamente per il set visivo, o usandone qualcun altro e dandogli quel tocco poetico.

Combina lettere e fotografie

Si differenzia dalle immagini o dalla pittura in quanto vengono utilizzate fotografie reali di oggetti, non disegni o creazioni pittoriche di quegli oggetti. Per questo motivo, sono più realistici e hanno un impatto maggiore quando danno al lettore oa chiunque lo veda un altro uso di quell'oggetto che possono avere a casa.

Fare un collage

Un collage è un insieme di fotografie che vengono posizionate in un certo modo per creare una composizione. Insieme alle parole, può essere trasformato in una forma di poesia visiva (anche se in questo caso viene utilizzato più per scopi pubblicitari o commerciali).

Poesia visiva in video

È una tendenza relativamente nuova ma in forte espansione, soprattutto nei social network. Si basa sull'animazione per dare più coerenza ai disegni.

L'evoluzione della poesia visiva: la cyberpoesia

Uguale al la poesia visiva si è evoluta dai calligrammi, questo ha anche lasciato il posto a un nuovo modo di vedere le poesie. Parliamo del cyberpoesia, uno caratterizzato dall'uso di media digitali per la creazione e lo sviluppo. Così, ad esempio, vengono utilizzati ipertesti, animazione, tridimensionalità, ecc. e anche qualcosa che non si è ancora visto, ma che già esiste, l'uso della realtà virtuale.

Pertanto, la poesia visiva è più correlata alle arti visive o al design grafico che alla letteratura poiché il testo stesso non è importante quanto l'aspetto visivo del tutto.

Cosa ne pensi della poesia visiva?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

4 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   toni prata suddetto

    La poesia visiva per me non è altro che poesia ... e la poesia per me, è quella che ha la capacità di commuovere consci e inconsci delle persone, che suscita emozioni e convinzioni e che sorprende con la sua eloquenza astratta e squisita ...
    Tutto questo condensato in una metafora ...

  2.   Dino tomasilli suddetto

    La poesia visiva è "spazzatura progressiva", è qualcosa come "Uomini con una vagina" o "donne con un pene". Se la società continua a lasciarsi inoculare da quel veleno, continuerà a declinare. Denaturalizzazione della poesia creando "versi liberi" e fingere che tutto ciò che viene vomitato sulla carta sia una poesia, con sentimento e con la forma di un verso, ma ora vogliono togliere il carattere della scrittura, così come l'identità sessuale dei nostri figli, i struttura sociale basata sulla famiglia, il carattere artistico nella pittura, nella scultura e nella poesia, che quando viene spruzzata dal comunismo cessa di essere poesia e diventa sporcizia ... continua così, i grandi poeti di lingua spagnola sguazzeranno nelle loro tombe ogni tempo una giuria di autoproclamatisi poeti celebra e premia quella schifezza che si scrive adesso, perché nessuno osa dire che Il Re è nudoooooo! Saluti «poeti»

  3.   grunx suddetto

    Innanzitutto un grande abbraccio ai miei compagni in lettere e immagini!
    (Uno ci ha strappato a pezzi, per me che legge solo la Bibbia e in latino i poveri ...)

    Per gli altri, un tipo di poesia visiva che penso sia particolarmente leggibile, in:
    Blog. contenuto del web. netto

    Grazie!! (e buon viso a cattive vibrazioni, come quella ...)

  4.   Humberto Lisandro gianelloni suddetto

    Il poeta è costruito con programmi le cui origini sono remote e vengono ricreati senza sosta ... quindi i tentativi di entrare in nuove proposte del suo sentimento abbondante e profondo è una necessità inevitabile.
    Il lec
    tor avid sceglierà dall'offerta quella che corrisponde alla vibrazione attraverso la quale passa la sua vita.