Perché il libro cartaceo continua a battere di gran lunga il libro digitale?

Nel bel mezzo dell'era digitale, il libro cartaceo continua ad essere il preferito dai lettori di tutte le età.

Nel bel mezzo dell'era digitale, il libro cartaceo continua ad essere il preferito dai lettori di tutte le età.

Quando quelli di noi che sono cresciuti leggendo Mortadelo e Filemón sulla carta e apprezziamo la lettura nel formato classico rispetto a qualsiasi altra esperienza digitale siamo scomparsi, il mondo sarà popolato di persone che è cresciuto con YouTube e hanno studiato con libri digitali sulle loro tavolette.

Sebbene sia vero che ci sono ancora diversi decenni perché ciò accada, non sembra probabile che, a quel punto, il libro di carta sarà valutato più che come un oggetto da collezione. L'odore e la sensazione della carta, il piacevole e leggero scricchiolio che si verifica quando si gira le pagine, avrà perso valore di fronte a vantaggi di peso ridotto, capacità di archiviazione e connettività consentiti dai media digitali.

Il lento passaggio dal libro cartaceo al libro digitale. Perché resistiamo all'ebook?

Anche se possiamo già vedere nella metropolitana o sull'autobus rappresentanti della lettura della generazione Mortadelos gli ultimi successi letterari in su mobile, la verità è che, qualunque generazione tu sia, è scomodo e se la vista non ti accompagna diventa un'impresa impossibile. Nel trasporto pubblico, i lettori del libro cartaceo convivono con lettori che portano il loro ebook e con lettori meno che consultano WhatsApp o social network sul proprio telefonino.

L'attuale vantaggio del libro digitale è la sua capacità di archiviazione.

Questo ti rende il compagno di vacanza ideale per i lettori accaniti che non hanno bisogno di portare una valigia piena di libri di carta pesante. Anziché, per la lettura quotidiana, quando si va a letto, si va al lavoro oa casa durante il fine settimana, questo vantaggio scompare, perché nessuno di solito legge più di un libro alla volta. La rinuncia ai piaceri della carta non è compensata dalla capacità di archiviazione.

Il libro cartaceo è meno stancante, non ha riflessi sulle pagine e non si esaurisce mai.

L'ultima ricerca sta cercando di sviluppare un chip attraverso il quale il contenuto di milioni di libri può essere impiantato nel cervello.

L'ultima ricerca sta cercando di sviluppare un chip attraverso il quale il contenuto di milioni di libri può essere impiantato nel cervello.

Il singolo dispositivo sarà l'innesco per il cambiamento definitivo.

La ricerca delle aziende tecnologiche è finalizzata a concentrare tutti i dispositivi che utilizziamo in uno (cellulare, tablet, laptop, ecc.). Tra portare un cellulare e un libro cartaceo o un cellulare e un ebook, la differenza non basta per gli amanti della carta per rinunciarvi.

Per arrivare a un dispositivo unico sono necessarie due cose:  Adatta le dimensioni a ogni utilizzo e disponi di batterie a lunga durata.

Quando abbiamo un dispositivo che potrebbe avere l'estensione dimensione di un cellulare o può visualizzare i tuoi schermi fino alle dimensioni di un televisore e non dobbiamo dipendere dal caricabatterie ogni poche ore di utilizzo, leggeremo, guarderemo film, parleremo, giocheremo e navigheremo con esso.

Se aggiungiamo a questi dispositivi realta virtuale, quando ci stanchiamo di leggere, possiamo muoverci in metropolitana mentre visitiamo il MoMA di New York.

Le distanze dal lavoro non saranno più importanti, non vediamo l'ora di arrivare in ritardo.

Singolo dispositivo o anche ...

L'alternativa a questo tipo di invenzione, che secondo gli esperti fornisce l'esperienza più reale e con la quale sono già realizzate i primi test è chip nel cervello, ma per il momento l'essere umano lo trova molto meno attraente.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Xavier suddetto

    Ho un lettore elettronico da diversi anni e lo uso per leggere romanzi: è un genere letterario che si può leggere su questo tipo di dispositivo senza il fastidio del peso e con la comodità di poter trasportare tutti i romanzi che si desidera e modificare la lettura come desiderato. Ma ho tutti i libri di saggi su carta perché è più facile per me fissare le idee ricadendo su un foglio sottolineando concetti o annotando appunti a margine: un e-book non l'ha ancora raggiunto. E d'altra parte, i libri di saggi sono libri che vale la pena leggere più volte ed è un aiuto inestimabile trovare quelle annotazioni a margine per reinterpretare o rivalutare ciò che l'autore vuole dire.

  2.   Alejandro Palma Zenteno suddetto

    Sono contento, sono un lettore di tablet, che i libri stampati continuino ad essere molto attraenti da leggere. Chi viaggia con i mezzi pubblici o soffre di insonnia e si diverte leggendo il dispositivo elettronico è l'ideale. Amante delle librerie e del controllo delle notizie, delle domande sui libri in generale, mi è capitata una situazione molto particolare, quasi una trasformazione mentale perché non ho più continuato con la mia libreria fisica, invece l'ho aumentata elettronicamente. Trovo scioccante discutere su cosa o cosa è meglio, è meglio che provi a guardarmi nel mio tempo, dove ho una forte riluttanza nei confronti dei social network anche se ho Facebook e Twitter, e mi preoccupa sapere dove si trova la lettura andando. Il chip nel cervello per leggere, o qualunque altra manifestazione virtuale, credo, sarà un'esperienza che riesce a uscire dalla crisi a livello globale - soprattutto generazionale - in cui si ritrova la lettura. È una sfida che punta a un futuro che era ieri!

bool (vero)