Il diritto di scrivere nella tua lingua

tastiera

Una settimana fa è caduto nelle mie mani Decolonize the mind, un saggio che riunisce quattro lezioni di Ngũgĩ wa Thiong'o, Pensatore keniota e possibile candidato per il Premio Nobel per la letteratura di quest'anno. Un libro che analizza i problemi della cultura e, nello specifico, della letteratura di alcuni paesi dalle proprie radici: quella di un colonialismo che nel corso della storia si è incaricato di sradicare la lingua delle minoranze etniche.

Il mondo, l'ONU e le organizzazioni parlano di diritti umani, ma forse ci pensiamo raramente il diritto di scrivere anche nella propria lingua.

Cultura in cattività

Il diritto di scrivere nella tua lingua

Ngũgĩ wa Thiong'o, durante una delle sue lezioni e principale difensore del diritto di scrivere nella propria lingua.

Durante il cosiddetto Congress of African Writers of English Expression tenutosi alla Makerere University (Uganda) nel 1962, ci fu un incontro tra vari scrittori africani. Tuttavia, molti hanno perso il tanzaniano Shabaan Robert, il poeta più importante dell'Africa a quel tempo. E perché non hai partecipato? Perché Robert non scriveva in inglese, ma solo in swahili, e quindi non era degno di partecipare a una conferenza del genere.

Questo evento è stato analizzato più volte durante le conferenze di Ngũgĩ wa Thiong'o, che dopo aver pubblicato diversi romanzi in inglese grazie ad un talento che gli ha permesso di elevarsi nella catena sociale postcoloniale del Kenya, ha deciso di stare in piedi e scrivere solo in sua madre lingua, il gikuyu. Un'audacia che gli è quasi costata la vita e che lo ha portato ad andare in esilio negli Stati Uniti poco dopo.

Due dei tanti esempi di come l'influenza di una maggioranza, in questo caso l'imperialismo inglese o francese che ha colonizzato per anni Asia, Africa e America Latina, abbia calpestato diverse culture minoritarie. Primo, influenzandoli sulla vacuità delle loro danze, testi e poesie; quindi, costringendoli a voltare la testa verso una nuova cultura con la quale non potrebbero mai fondersi completamente. E intanto cacao, petrolio o diamanti uscivano dalla porta sul retro.

Adattati o resisti

Tuttavia, allo stesso tempo si apre un ampio dibattito in cui le opinioni sono molte: alcuni, come la nigeriana Chenua Achebe, hanno approfittato del suddetto congresso per assicurarsi che se gli fosse stata data la possibilità di usare la lingua inglese per raggiungere le masse , Lo userei. Allo stesso tempo, molti altri scrittori continuano a pensare che l'importante sia il contenuto, e fintanto che avrà una maggiore diffusione in una lingua maggioritaria sarà sufficiente, perché all'autore non interessano le parole, ma quello che a loro raccontare. All'estremo opposto, il suddetto Thiong'o mette a tacere la sua lingua inglese come un modo per frenare il dominio straniero nelle culture minoritarie come la sua. Gruppi etnici la cui lingua ha una propria musicalità, ritmo ed espressioni difficili da tradurre in un'altra lingua.

Qualche giorno fa stavo parlando lalla letteratura come arma per cambiare il mondo. E la verità è che sarebbe uno dei più efficaci di tutti. Tuttavia, parte di quell'odissea per riparare le ferite del mondo potrebbe anche consistere nel permettere a tutte le culture di esprimersi piuttosto che ipnotizzarle con idee che non puntano al vero problema.

Molte persone, soprattutto attiviste, sono attualmente incaricate di promuovere il diritto di scrivere nelle lingue di vari gruppi etnici. minoranza al fine di preservare la loro cultura, con esempi come il recente programma di studi in curdo approvato dall'Università del Kurdistan, in Iran, o la promozione del kichwa come seconda lingua scolastica, una varietà di quechua rivitalizzata in Ecuador dall'organizzazione CONAIE.

Tuttavia, non vorrei concludere senza una domanda: sarebbe preferibile consentire lo sviluppo di tutte le lingue invece di volerle adattare a una lingua che permetterebbe loro di avere una maggiore diffusione?

E attenzione, la parola "nazionalismo" non è apparsa in nessuna riga.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

bool (vero)