Libri sullo scaffale. Storie e autori di ieri, di oggi e di sempre

Inizia Aprile in circostanze difficili e incerte che soffre anche il mondo dell'editoria. Nel mese del libro il soggiorno obbligatorio a casa ci ha portato a guardare il file scaffali, a tutti coloro che sono stati lì da quando ricordiamo. Scaffali che sono stati riempiti di copie di cui abbiamo già dimenticato la provenienza. Libri dei nostri padri o quelli che abbiamo acquisito. Libri che già non hanno proprietario perché appartengono già a tutti e fanno parte della casa. Libri che forse non abbiamo ancora letto, nonostante li abbia visti lì per tutta la vita. Libri di collezioni molto attente o in tasca. Questo è una recensione di alcuni da loro. Sono la mia casa, ma possono essere anche di chiunque. Y accompagnano sempre. In guerra e in pace.

Vecchie collezioni

Salvat, Alliance, Mill, Readers 'Circle, Chair, Austral... Ognuno di loro ha prodotto una raccolta più o meno accurata. In casa mia - e sicuramente in quella di tanti - c'è il più riconoscibile di Salvat, con i titoli classici della letteratura mondiale. Ci sono anche quelli di Christie Agatha, nella sua collezione tascabile più famosa, quella dell'Editoriale Molino. O quelli di Austral, in particolare i titoli di autori spagnoli. Il suo Don Chisciotte tascabile è un prodigio in edizione ridotta, ma difficilmente leggibile. Hanno rinnovato le edizioni, ma hanno lasciato lo stesso design.

Anche quella rivista, ora anche classica, che era quella di Selezioni dal Reader's Digest (ancora lavorando), ha lanciato un'edizione in formato libro di romanzi o storie, come quella che vedete lì, che includeva La pozza di sangue, uno dei racconti di Plinio di Francisco García Pavón, o Storia d'amore di Erich Segal.

Menzione speciale sono i collezioni di rilegatura con copertina rigida e pesantemente lavorate, con quella carta seppia pesante o molto molto sottile, e una bella edizione interna. Normalmente erano destinati a classici universali come il Spettacolo sfarzoso de Goethe, le migliori opere di Molière o grandi autori russi come Gorky.

Classici essenziali

Non mancano su uno scaffale o in una casa. In qualsiasi edizione e formato.

Il Decameron

I racconti unici di Boccaccio, più unico ora, dove un'altra pandemia devasta il mondo. Chissà se altre storie che saranno il Decameron del XNUMX ° secolo non vengono scritte o raccontate ora.

Anna Karenina

Se non c'è Tolstoj su uno scaffale, non c'è uno scaffale. E se c'è, è la storia della contessa Ana Karenina o del monumentale Guerra e pace. Preferisco il conte Vronsky più che battere il rame ad Austerlizt, davvero.

Il potere e la gloria

Né può mancare Graham Greene. Con questo titolo o con la conoscenza La fattoria degli animali, di George Orwell, anche lui in giro, mettiamo la quota di romanzi con una componente critico-sociale.

Michele Strogoff

Julio Verne Puoi riempire un intero scaffale con i tuoi romanzi. E la storia del più coraggioso corriere dello Zar è una delle più divertenti.

Fountainovejuna

don Lope de Vega ha lasciato il grido, storico, di un intero popolo che gridava contro l'abuso di potere. Ma ha anche lasciato più commedie per compensare, tipo La dama boba o Il cane nella mangiatoia.

La Divina Commedia

E per chiudere con un altro classico italiano, avremo sempre Dante Alighieri e la loro eterna discesa agli inferi, per ricordarci che sono ancora lì.

Un po 'di tutto

Dalla Kama Sutra a Ciò che il vento ha preso, Via Il signor Capone non è in casa. I versi di Federico García Lorca con quelli del Ballate Spagnolo o con il Satyricon. In viaggio Il percorso di Don Chisciotte de Azorin e i campi castigliani di Ascia. Le tribolazioni di Diario di un pensionato di Delibes e i pericoli della saga di Il Dukay segnato da Lajos Zilahy. O la filosofia di La critica di Jaime Balmes coesistendo con quella quasi autobiografia e campione dell'Oggettivismo di Ayn Rand en Quelli che vivono. Centinaia di storie tra cui scegliere.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Maria Rosario suddetto

    Leggo sempre "Letteratura attuale" con grande interesse, quindi vi incoraggio a consultare un titolo che oggi ha attirato la mia attenzione, "Ribellione in fattoria": non è di George Orwell? Non lo vedo come scritto da Graham Greene ...