La gente non parla più di libri

Secondo i dati dell'agenzia ISBN, nel 2014, ultimo anno per il quale ci sono record, in Spagna Sono stati pubblicati 90mila titoli letterari tra editori e piattaforme di autopubblicazione, di cui sono stati venduti 20 milioni di libri di narrativa, 2 dei quali appartenenti a 50 sfumature di grigio.

A sua volta, a Il 38% della popolazione spagnola afferma di non leggere mai o quasi mai, mentre il restante 62% solo il 20% legge ogni giorno, con cui si potrebbe dire solo questo 9 dei 46.77 milioni di spagnoli sono considerati lettori regolari. E in cosa si traduce? In ciò c'è una grande offerta ma una richiesta non così chiara, il che mi porta a pensarlo le persone non parlano più di libri, che non legge, che vede la letteratura come qualcosa di tipico di un altro tempo. E la domanda è: perché?

Sì, la copertina è carina

Qualche giorno fa, un conoscente mi ha chiesto se sapevo "quali libri erano buoni" per regalarne uno a un normale familiare da leggere tutti i giorni. Quando le mie proposte non lo convinsero troppo, lasciò cadere lo slogan: Perché non ne hanno rilasciato uno nuovo da Gray, giusto?

Altri esempi che mi vengono in mente sono le raccolte di vecchi libri che alcuni indossano a casa perché "stanno bene", o la persona che prende in mano un libro perché la copertina lo chiama e quando gli dici di cosa si tratta, lui l'ha già lasciato sul tuo sito. Sì, sembra esserci un grande sospetto generale di tuffarsi nella letteratura al di là di una frase scritta sul wall di Facebook detta da un autore che nessuno conosce veramente.

Quando ero piccolo, avevo molti libri a casa mia, tutte le edizioni Disney Gaviota con i loro fantastici disegni, o la libreria di mio padre (uno di quei 9 milioni di lettori) che stavo svelando nel tempo. Tuttavia, oggi vedo bambini che alzano a malapena le sopracciglia dalla loro console, che consultano tutorial di videogiochi su YouTube all'età di 8 anni o che non escono a giocare con altri bambini perché sono più consapevoli dei miliardi di canali di animazione in televisione . Parlare di letteratura significa fare qualcosa che associano direttamente alla scuola ea quei libri imposti che finiscono per saltare due o più capitoli anche se ne hanno il controllo alla fine della settimana.

Per le nuove generazioni, la letteratura è stata messa in ombra da altre forme di svago più istantanee come il cinema, la televisione, i videogiochi e, soprattutto negli ultimi anni, quella tecnologia chiamata Internet il cui esploratore di Google un bambino di 5 anni sa aprire davanti a un libro, una storia o qualsiasi altra forma di attaccamento alla letteratura .

Ma la cosa non finisce qui. Nell'età adulta, molte persone sembrano non leggere o parlare di libri. Ti siedi per bere una birra e parlare di puttane e mengano, Game of Thrones o l'ultimo raduno di Save me. La letteratura (con eccezioni come il già citato Grey o, diciamo, Twilight), sembra qualcosa che appartiene a un altro tempo, a un'altra volta, in un mondo parallelo in cui poche persone si riuniscono in un caffè per divagare su stampe e libri che sono stati schiacciati da nuove forme di intrattenimento.

La parte peggiore di tutto non sta nel fatto che le persone non leggono più così tanto o non sanno quale libro è Cent'anni di solitudine, L'Odissea o Il matrimonio di sangue. Forse il problema è il modo in cui facciamo sentire allergici alla letteratura molti bambini sin dalla tenera età. Ma non sono né un padre né un insegnante. . .

Che ne pensi?

 

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

8 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   rossanacantarelyblog suddetto

    Sono uno scrittore, amo i libri, mio ​​marito è uno storico, ama anche i libri, mio ​​nipote è un filosofo e musicista, ama i libri, mia madre è un'insegnante di matematica e ama i libri ... gli amici sono artisti, amano libri ... insegno a corsi di letteratura latinoamericana e letteratura contemporanea e vedo che ci sono giovani che amano i libri ... ci sono studenti che considero

    1.    rossanacantarelyblog suddetto

      Ci sono studenti che vogliono avviare laboratori letterari, laboratori di lettura e cercano qualcuno che li incoraggia e li coordini. Ci sono insegnanti avidi lettori, ci sono studenti che amano il romanzo storico e altri il romanzo poliziesco, ci sono molti altri che amano la poesia. Quindi penso che molti di noi parlano di libri, che ci piace condividere ciò che leggiamo e che questo ci motiva anche a leggere altri autori. Grazie per http://www.actualidadliteratura.com

  2.   Rebeca suddetto

    Sono d'accordo con il tuo commento. Penso che le persone oggi siano più consapevoli della tecnologia; Ma da un lato devono essere tempi diversi e le innovazioni stanno guadagnando terreno nel campo della lettura, ma questo non impedisce alle persone di leggere. I libri si sono adattati alla tecnologia, io stesso ho letto tante volte sulle piattaforme internet (anche se mille volte preferisco i libri su carta). Sono mode: nel XNUMX ° secolo essere un avido lettore era la chiave, e oggi ha iPad e iPhone. Tuttavia, queste mode sono cicliche, torneremo al "passato".
    Con tutto questo voglio dire che ci sono sempre stati, ci sono e ci saranno lettori, più o meno in numeri.
    Come studente di filologia ispanica e amante della letteratura, mi piacerebbe vedere più persone con la cultura letteraria, ma abbiamo avuto un secolo in cui le tendenze sono diverse. Che cosa hai intenzione di fare…

  3.   Manuel Augusto Bono suddetto

    Ebbene, penso lo stesso e la conclusione è che mi dispiace molto. Solo con questi dati o circostanze si può spiegare cosa ci sta accadendo in Spagna e in qualche altro posto sulla Terra.
    Enyd Bliton, Salgari, Edgar RiceBurroughs e molti altri, li ho letti quando non avevo ancora 8 anni. A Reyes, mi davano sempre libri e soldatini di piombo.

  4.   stercita31 suddetto

    Non mi fermerò. ma compro libri, circa trentasei all'anno, più quelli che ricevo in biblioteca. In questo momento, essendo in vacanza, ho letto LA MUJER JUSTA, di Sandor Márai e di un poliziotto che non dovrebbe mai ostentarmi. Chiarisco che non importa se si tratta di un nuovo libro o del bilanciere ... le cinquanta sfumature di grigio NON LI HO LETTI e non ho intenzione di farlo. Grazie.

  5.   Susana suddetto

    Sono totalmente d'accordo, penso che siamo sempre meno di noi che leggono assiduamente. Quando avevo 10 anni leggevo tutto quello che mi capitava tra le mani (e allora c'erano pochissime pubblicazioni per bambini) ma mio figlio legge pochissimo. Quando andiamo in libreria adora guardare i libri e me ne chiede sempre alcuni ma alla fine li guarda a casa e non li legge; Ha due scaffali pieni di libri che non mi sarei mai sognato alla sua età, ma non legge quasi mai. Quando è a casa (per fortuna passa molto tempo a giocare per strada con gli amici) preferisce guardare la TV o youtuber e videogiocatori sul tablet. E la verità è che non so cosa fare per farlo appassionare alla lettura.

    1.    Yoz nks suddetto

      Ciao, è un piacere sapere che cerchi di instillare la lettura nel tuo bambino, vorrei darti un'opinione su questo.

      Penso che il problema per cui i bambini attualmente non leggono possa essere il modo in cui sono "motivati" a farlo, forse il modo in cui viene consigliato un titolo o un autore non è abbastanza attraente.

      So che ormai parecchi giovani si occupano di tecnologia, tuttavia non posso dire che sia del tutto brutta, mi piacciono i videogiochi, ho 22 anni ma non ne sono ossessionato; anche così posso dirti ad esempio Devil My Cry i personaggi sono basati su quelli dell'opera de "La Divina Commedia" (1313) - Dante Alighieri, un altro è Halo con una storia molto vasta di cui ci sono libri e fumetti. sappi che anche la fantascienza è spesso incredibilmente avvincente.
      Assassin's Creed che si basa su fatti storici reali mmm ha, è così che la tecnologia ha incoraggiato alcuni di noi a indagare e imparare dal passato di cui eravamo completamente o parzialmente inconsapevoli, in modo che un bambino possa avvicinarsi ai libri veri. Finché anche tu approfondisci il mondo di tuo figlio e cerchi gli argomenti che gli piacciono, puoi supportarlo nel dargli qualcosa da leggere.

      Ho imparato molto su questo argomento grazie anche a mio fratellino che aveva una xbox da quando aveva 7 o 8 anni e ho capito che anche un fumetto o un manga può essere di aiuto in questi casi; Mi riferisco al fatto di avvicinarli alla sesta arte dell'umanità (la letteratura), e come trascina bene la loro curiosità verso i libri più seri (si fa per dire) da cui traggono delle buone idee per videogiochi, film, anime, ecc.

      Perché non provi a iniziare con qualcosa del genere? La questione di includere i veri gusti di una persona in qualcosa che intendi instillare per renderlo attraente potrebbe funzionare, e non solo, ma anche che diventi consuetudine creare legami, accettare le differenze e non imporre nulla, è anche un adattamento dell'adulto all'infanzia di adesso.
      Zero pregiudizi alle loro tendenze piuttosto approfittarne; Alla fine della giornata impariamo tutti una bella lezione, anche giocando per strada con gli amici.

      Ecco perché ultimamente quando i bambini vedono un libro vedono "compiti a casa" sulle pagine e diventa noioso, sistematico. Penso che inizi chiedendo loro cosa gli piace, conoscendoli di più e indagando su cosa potrebbe portarli a questa buona abitudine, il fatto non è che te lo dicono - leggi questo! - ma che prendono un libro a volontà , conoscerli, intrattenersi e imparare da esso. Così presto, oltre alla lettura, credo che tuo figlio rifletterà rispetto e tolleranza per vari argomenti, opere, autori ...

      Saluti e sperando di non offendere, tanto meno da fastidio a questo punto di vista 🙂

      1.    Susana gonzalez suddetto

        Grazie mille per il consiglio! Proverò a vedere se funziona.

bool (vero)