Intervista a Estela Chocarro: romanzo noir nella Navarra più rurale.

Estela Chocarro: autrice della serie nera con protagonista Víctor Yoldi e Rebeca Turumbay.

Estela Chocarro: autrice della serie nera con protagonista Víctor Yoldi e Rebeca Turumbay.

Abbiamo il privilegio e il piacere di avere oggi sul nostro blog con Estela Chocarro, scrittore, autore di Serie di romanzi gialli con il giornalista Víctor Yoldi e l'esperta d'arte Rebeca Turumbay.

Situato in Cárcar, cittadina navarrese di poco più di mille abitanti, questa serie porta il romanzo giallo in un'ambientazione insolito nel genere, il rurale, realizzando un noir domestico originale, fresco, diverso e che cattura il lettore.  

Notizie dalla letteratura: tre romanzi pubblicati della tua serie nera,  Il prossimo funerale sarà tuo, Nessuno è morto nella cattedrale y Ti darò un bacio prima di morire. Dici che la tua passione per la letteratura viene da tuo padre, che amava raccontarti leggende e storie che ti servono da ispirazione. Come finiscono quelle storie in una serie di romanzi gialli?

Estela Chocarro: Mio padre ama raccontare storie dei “suoi tempi” e di altri che hanno vissuto prima di lui. Alcuni di loro sono semplici aneddoti, ma la verità è che i personaggi e le trame, o parti di essi, mi hanno ispirato, soprattutto quando parlo di Cárcar e della sua gente. Immagino che il mio amore per la narrazione venga da lui.

AL: Il genere nero è di moda, ma la verità è che all'interno del genereblack river ci sono molti diversi tipi di romanzo. Cosa possono trovare i lettori nei tuoi romanzi oltre alle avvincenti indagini sui crimini?

CE: Ci sono sempre più sottogeneri all'interno del genere nero, è vero. I miei romanzi potrebbero adattarsi a Domestic Noir, Local Crime, Rural Noir ... Sono storie con protagonisti persone comuni che in linea di principio non devono indagare su un crimine, ma che per circostanze si trovano in un vortice che le porta a farlo. Sono anche ambientati principalmente nelle aree rurali rispetto al tradizionale romanzo nero che è urbano. Il cast dei personaggi è molto vario in termini di età e origine, e lo adoro perché riflette molto bene il mondo globalizzato in cui ci muoviamo, ma anche un mondo più piccolo che è quello delle persone anziane che hanno sempre vissuto in un villaggio.

AL: I tuoi protagonisti, Víctor Yoldi e Rebecca Turumbay, non sono poliziotti. Nemmeno gli investigatori. Ti allontani dai soliti personaggi del genere nero spagnolo: poliziotti e guardie civili. Cosa significa per te, quando imposti il ​​caso, che sono due investigatori dilettanti?

CE: Mi sento molto più libero, meno limitato. I miei protagonisti non hanno l'obbligo di agire, lo fanno perché sta succedendo qualcosa di personale. Penso che la motivazione e il coinvolgimento di qualcuno che interviene perché ha qualcosa da perdere o una motivazione personale sia più interessante di quella di chi lo fa perché è la sua professione, almeno è più suggestiva per me.

AL: Tutti i tuoi romanzi sono ambientati, in parte, a Cárcar, la città in cui sei cresciuto. Cárcar ha poco più di mille abitanti e la stai facendo conoscere in tutta la Spagna. I luoghi, le strade, i bar ... dove hai ambientato i tuoi romanzi sono reali? Come ti ricevono ora nella tua città quando vai?

CE: Tutti i luoghi che appaiono nei libri sono reali, così come i cognomi, i detti e le canzoni, così come lo spirito dei vicini. La verità è che ci vado molto spesso. I miei genitori ci hanno sempre vissuto e io mi sento uno in più, perché è lì che sono nato e cresciuto. La gente è contenta che la città sia la protagonista dei romanzi, ma a volte dimentico che ho un lato come scrittore e penso che non ci siano differenze nel trattamento dopo la pubblicazione, tranne quando qualcuno si avvicina a me per chiedermi una dedica. oppure raccontami qualcosa di uno dei libri, che amo allo stesso tempo e che mi sorprende, perché come dico, mi sento lo stesso di sempre perché sono a casa. 

Ti do un bacio prima di morire: terzo romanzo della saga poliziesca ambientata nella Navarra più rurale.

Ti do un bacio prima di morire: terzo romanzo della saga poliziesca ambientata nella Navarra più rurale.

AL: Nel tuo romanzo Ti do un bacio prima di morire, ci hai messo completamente dentro una prigione, la nuova prigione di Pamplona, ​​considerata una delle più lussuose in Spagna, dove troviamo un delinquente con i suoi scagnozzi che fa quello che vuole, picchia, uccide e persino i funzionari osano toccarla. È questa la realtà della vita in prigione? Come fa a combaciare con il lusso che l'opinione pubblica si assume nel carcere di Pamplona?

CE: Come mi ha detto il suo direttore, si tratta di una nuova prigione che è stata inaugurata nel pieno della crisi economica e per questo motivo alcuni dettagli sono stati visti come un lusso eccessivo quando in realtà il carcere era simile al resto del paese. Ci sono state molte polemiche con la piscina coperta e le TV al plasma, ma la verità è che la piscina è sempre stata vuota e le TV non sono mai state posizionate. Ogni detenuto deve provvedere a se stesso se vuole guardare la TV. Quanto al bullo carcerario, è una questione di potere e in tutte le carceri ci sono gruppi e leader. È una versione più piccola e più pericolosa della società in cui viviamo.

AL: Il tuo ultimo romanzo, Ti do un bacio prima di morire, è stato pubblicato lo scorso anno, nel 2017, ce n'è già un quarto in corso? Sei uno di quelli che iniziano il prossimo romanzo non appena finisce il precedente o hai bisogno di un tempo di rigenerazione creativa?

CE: Quando ti darò un bacio prima di morire, il prossimo era abbastanza avanzato, appena ne ho messo fine a uno, ho presto dovuto trovare un'altra storia che mi affascinasse, mi sentivo come un orfano in qualche modo. Tuttavia, credo che ogni libro sia diverso e ogni momento ti chiede qualcosa di diverso. Il mio quarto libro è già stato consegnato all'editore (non c'è ancora una data di pubblicazione) e ho un'idea per il prossimo, ma non ho la fretta di iniziare a scrivere come in passato.

AL: Pirateria letteraria: una piattaforma per i nuovi scrittori per farsi conoscere o danni irreparabili alla produzione letteraria? Impedisce agli scrittori di guadagnarsi da vivere vendendo i loro libri?

CE: Sono sicuro che non ci sia alcun lato positivo nell'hacking. Non è una piattaforma per nessuno perché non appena un autore hackerato per la prima volta volesse far pagare per il suo lavoro, smetterebbe di leggerlo. Le persone che piratano lo fanno perché preferiscono non spendere soldi per i libri fintanto che ci sono piattaforme che glieli danno gratuitamente. Se una persona non può permettersi di pagare venti euro per un libro, può sempre acquistarlo in versione tascabile o digitale, anche aspettare un'offerta digitale e acquistare uno o due titoli qualsiasi. È un vero peccato vedere che alcuni lettori non apprezzano così tante ore di lavoro di scrittori, correttori di bozze, editori ecc. E soprattutto all'enorme illusione che mettiamo in ogni libro. Cosa succede se; Chi pirata sta rubando il pane a tanti scrittori che non vengono pagati per il loro lavoro e sono costretti a fare un altro lavoro per vivere. Questo in altri paesi non accade.

AL: Nonostante l'immagine tradizionale dello scrittore introverso, rinchiuso e senza esposizione sociale, c'è una nuova generazione di scrittori che twittano ogni giorno, per i quali i social network sono la loro finestra di comunicazione sul mondo. Com'è il tuo rapporto con i social network?

CE:  Sono molto Facebook, anche se ho anche Twitter e Instagram, che uso meno. Non sono ossessionato dalle reti perché ti assorbono molto e possono rubarti il ​​tempo per leggere e scrivere se non stai un po 'attento. Penso che siano fantastici interagire con i lettori, con altri scrittori, scoprire pubblicazioni, festival, premi. Usati nella loro giusta misura, mi sembrano molto utili.

AL: Carta o formato digitale?

CE: Finora, sempre carta.

AL: Com'è Estela nel ruolo di lettrice? Quali sono i libri della tua biblioteca che rileggi e ti godi sempre di nuovo come la prima volta? Qualche autore che ti appassiona, del tipo che compri gli unici che vengono pubblicati?

CE: Ebbene, a me è successo come tanti colleghi scrittori, che ora leggo in un altro modo: presto molta attenzione al come, ai personaggi, al ritmo, ai trucchi, ecc. In un certo senso ho perso freschezza leggendo perché analizzo ciò che leggo, ma è inevitabile che sia così perché per crescere come scrittore devi leggere e imparare da ciò che scrivono gli altri. Un libro che ho letto più volte e di cui mi innamoro sempre allo stesso modo è Rebecca, di Daphne du Maurier. Il classico occasionale non ha superato la prova del tempo per me.

Ultimamente ho letto Denis Lehane avidamente e consiglio anche qualsiasi cosa di Joice Carol Oates, Margaret Atwood e Sara Waters.

AL: Infine, ti chiedo di dare ai lettori un po 'di più di te: quali sono stati finora i momenti più speciali della tua carriera letteraria? Quelle che dirai ai tuoi nipoti.

CE: Nel numero di settembre dello scorso anno, la rivista Qué Leer ha pubblicato un mio articolo dal titolo: Crimine locale o mettere le porte in campo, dove parlavo dei diversi sottogeneri che stanno emergendo all'interno del romanzo poliziesco. È la rivista letteraria più prestigiosa ed è stato un grande momento per me. Ma c'è ancora un altro momento più eccitante; la prima presentazione del mio primo libro. Gli inviti erano esauriti e c'era chi non poteva entrare perché non c'era spazio libero. C'erano molte persone di Cárcar che vivono a Pamplona, ​​alcune erano persone anziane che hanno fatto uno sforzo notevole per partecipare. C'erano anche molte persone anonime, il che mi ha sorpreso anche perché ero un perfetto sconosciuto. È stato incredibile vedere come circa XNUMX persone si sono mobilitate per ascoltare me, io: una persona comune che aveva scritto solo un libro. Nella prima presentazione a Cárcar, anche l'auditorium era piccolo e ho firmato più di cento copie. Sentire di poter essere un profeta nella tua terra è qualcosa di straordinario.

Grazie, Estela Chocarro, Ti auguro di continuare a raccogliere successi in ogni sfida che intraprendi e che continui a contribuire a noi con molti grandi romanzi. Vogliamo davvero continuare a divertirci con Víctor Yoldi e Rebeca Turumbay.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.