Clara Penalver. Intervista all'autore di Sublimation

Fotografia. Clara Penalver. Pagina Facebook.

Clara Penalver è uno scrittore e consulente creativo. Il suo ultimo romanzo è sublimazione ed è basato sulla serie originale di narratore. Ha debuttato con Sangue ed è il creatore della serie di Ada Levy -Come uccidere una ninfaIl gioco dei cimiteri y La frattura a clessidra—. Inoltre, scrive anche libri per bambini e ha collaborato in radio e televisione. ti ringrazio molto hai dedicato un po' del tuo tempo a questa intervista, così come la sua gentilezza e attenzione.

Clara Peñalver - Intervista 

  • LETTERATURA CORRENTE: sublimazione È il tuo nuovo romanzo, che è emerso come una serie audio. Cosa ci racconti di esso e della sua gestazione in questo formato?

CLARA PEÑALVER: sublimazione è una storia che subito diversi viaggi fortunati prima di avverarsi. Per cominciare, è nato come a thriller futuristico con la morte come centro e filo conduttore. All'inizio c'era solo una storia nella mia testa, senza formattazione, quindi quando la possibilità di scrivere per narratore, ho deciso di inserirlo nel regole di una serie audio. 

Tutto questo tra la fine del 2018 e il 2019. Quando finalmente ho firmato il contratto e ho iniziato a lavorare alla storia, è arrivato il 2020 e, con esso, la pandemia. Il pandemia mi ha costretto a fare un sacco di cambiamenti nella storia, soprattutto per quanto riguarda la pandemia stessa. La mia storia si basava sulle conseguenze che un virus ha avuto in tutto il mondo e, quando già scrivevo sublimazioneAll'improvviso, tutti stavano seguendo un corso accelerato su come si diffonde un virus, su come passa da un'epidemia a una pandemia e su come l'umanità deve adattarsi completamente, o quasi, a una situazione del genere. Mi sono sentito un idiota a dire ai futuri ascoltatori e lettori qualcosa che avrebbero già saputo quasi meglio di me quando la storia è stata pubblicata, quindi ho apportato delle modifiche.

Ho eliminato tutto ciò che riguarda la trasmissione del virus, del suo impatto a livello umano. Quella ha fatto crescere molti dei suoi personaggi e che ne sono apparsi altri nuevos, con la quale, quello che poteva essere un grande problema per la storia, finì per essere, poi, il suo grande colpo di fortuna. La storia è molto meglio ora.

  • AL: Ricordi il primo libro che hai letto? E la prima storia che hai scritto?

CP: Ricordo il primo libro che ho divorato, a adattamento dal romanzo di Agatha Christie Assassinio sull'Orient Express, edito da Barco de Vapor e intitolato Assassinio sul Canadian Express. Ricordo che ho divorato quel romanzo, che ho vissuto in ciascuna delle sue pagine, e che, da allora, ho cominciato a divorare ogni libro che mi cadeva tra le mani.

Riguardo alla prima storia che ho scritto, diciamo, un piano narrativo un po' più lungo (perché avevo già scritto molta brutta - pessima - poesia e molti racconti), non ricordo il titolo, ma era un racconto fantastico di una ragazza che improvvisamente è andata su un altro aereo dove è stata coinvolta in una guerra tra regni e ... beh, qualcosa di molto epico. Penso che fosse a Sedici anni e che con lei mi hanno dato il riconoscimento locale nel concorso di storia della mia città. Quella era la prima volta che ero sul giornale.

  • AL: Un capo scrittore? Puoi sceglierne più di uno e di tutte le epoche. 

CP: La verità è che ho molti head writer, per di più, cambiano a seconda del libro con cui mi trovo, a livello di scrittura intendo.

Ad esempio, con sublimazione, Philip K. Dick e George Orwell erano i miei autori principali. Bene, loro due e l'autore di L'estate che mia madre aveva gli occhi verdi, Tatiana Țîbuleac, per quello stile narrativo così ricco e agile che si dimostra frase dopo frase. Mi è piaciuto così tanto quel suo primo romanzo pubblicato qui in Spagna che non ho potuto fare a meno di nominarlo a modo mio sublimazione

Con il romanzo attuale, i miei autori di riferimento sono Martin Amis, Amelie Nothomb (Torno troppo da lei, soprattutto da lei Metafisica dei tubi) Y Ernesto sabato.

  • AL: Quale personaggio in un libro ti sarebbe piaciuto incontrare e creare?

CP: Senza dubbio il signore Ripley, della grande Patrizia Alto Fabbro. Sono molto interessato, quasi ossessionato, alle dislocazioni della mente umana, e Highsmith era particolarmente bravo in questo.

  • AL: Qualche abitudine o abitudine speciale quando si tratta di scrivere o leggere?

CP: Al momento della lettura del n.

Al momento in cui scrivo ho una buona manciata di hobby, da combattimi con le penne o piume, se un giorno non avrò ceduto abbastanza con loro, finché non ne avrò bisogno avere il mio tavolo scrupolosamente pulito se è nell'ufficio dove andrò a lavorare. Pure scrivo a mano, nei taccuini Paperblanks scelti appositamente per ogni storia, che è probabilmente una via di mezzo tra una graziosa abitudine e una mania di ferro.

  • AL: E il tuo luogo e momento preferito per farlo?

CP: Per quanto riguarda leggere, se sono con un libro di carta, mi piace farlo sul divano o a letto; a volte anche in alcuni caffetteria. Se suono, cioè, se sto ascoltando un audiolibro o una serie di audio, lo faccio tutto il giorno, mentre mi prendo cura del mio bambino, mentre cucino, mentre cammino per strada, mentre faccio la spesa. In breve, in qualsiasi momento o durante qualsiasi compito che non richieda uno sforzo intellettuale. Il che significa che se riesco a malapena a leggere due romanzi su carta al mese, ascoltandoli posso divorare tre o quattro libri a settimana, qualcosa che mi rende molto felice e che mi permette di godermi la letteratura in modo diverso.

  • AL: Ci sono altri generi che ti piacciono?

CP: In realtà, sono carne da cannone per narrativa contemporanea. ho solo letto thriller o romanzo Polizia Stradale quando non scrivo e per intrattenermi, quasi mai come fonte di apprendimento.

  • AL: Cosa stai leggendo adesso? E la scrittura?

CP: Ora ho appena finito Invisibile, di Paul Auster, sto per arrivare al prossimo romanzo dello stesso autore, Salto di uccisioni, è con sfumature autobiografiche. lo sono anch'io immerso nello scrivere il mio prossimo thriller, più nello stile dei romanzi di Ada Levy che Le voci di Carol o sublimazione, il che significa che è a Thriller in cui infrango tutte le regole aveva e da avere. È un romanzo che ho intenzione di finire, e consegnare, entro settembre.

  • AL: Come pensi che sia la scena editoriale? Pensi che cambierà o lo ha già fatto con i nuovi formati creativi là fuori?

CP: Beh, penso che la scena editoriale sia molto più interessante che mai. Il settore Il libro tradizionale ha dimostrato durante la pandemia che ha ancora forza per andare avanti, anche se ovviamente con cambiamenti e molteplici adattamenti ai tempi. Il nuovo formato nel campo della letteratura, mi riferisco a Audio, ci sta dimostrando che questa lettura e il godimento di narrativa scritta non solo non è finita, ma sta esplodendo.

  • AL: Il momento di crisi che stiamo vivendo è difficile per te o riuscirai a mantenere qualcosa di positivo per le storie future?

CP: Vediamo, non ho intenzione di dirvi che è stato facile, il mio lavoro ne ha risentito molto, soprattutto nelle attività che ho sempre svolto al di fuori della scrittura. Tuttavia, ho ottenuto molte cose buone dalla pandemia, per cominciare, una figlia e un rapporto prezioso con il mio partner.

E mi ha anche aiutato modificare il mio ordine di priorità, e di indirizzarmi sul posto di lavoro verso obiettivi che sono molto più soddisfacenti, non più facili, ma molto più rinfrescanti ed eccitanti. Il che significa che ovviamente Trovo cose positive in tutto questo. Se non lo avessi fatto, avrei smesso di essere me stesso.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.