Il paradosso del bibliotecario cieco: il romanzo poliziesco che approfondisce gli abusi.

Ana Ballabriga e David Zaplana: autori di Il paradosso del bibliotecario cieco.

Ana Ballabriga e David Zaplana: autori di Il paradosso del bibliotecario cieco.

Il paradosso del bibliotecario cieco: Pura violenza ed emozioni incontrollate vengono trasmesse di generazione in generazione all'interno di una famiglia e del suo ambiente.

Adesso stava dormendo pacificamente, voltandole le spalle. Per lui tutto era passato, la calma ha prevalso di nuovo. Per lei, tuttavia, il ciclo ricominciava; era solo questione di tempo prima che suo marito si preparasse a sferrare il colpo successivo ".

Aggressioni domestico che riflette il romanzo non sono adatti a tutti i pubblici, intervallati tra descrizioni della vita quotidiana e indagini su un caso di omicidio, attaccando la nostra coscienza e il nostro fegato come puma in cerca di preda. L'impotenza travolge il lettore in ondate, disprezzo, rabbia, rifiuto. Lo sconvolgimento emotivo è garantito.

La originalità del romanzo spicca tra i suoi attributi sin dal protagonista e filo conduttore della trama è un violentatore. Attorno a lui, personaggi carichi di una ricchezza di buone azioni e azioni crudeli allo stesso modo, compongono una trama complessa in cui le pillole di violenza atroce e senza cuore commuovono il lettore fino a continuare con l'immagine formata nella testa molto tempo dopo la chiusura del libro.

"Aveva sempre un commento aspro preparato sulla punta della lingua, come se ci fosse un nido di scorpioni che raccolgono veleno."

Ed è che, in Il paradosso del bibliotecario cieco, Ana Ballabriga e David Zaplana, noi mostrano quelle realtà che di solito non vogliamo guardare in faccia.

  • I bulli violenti e aggressivi della scuola sono bambini che convivono con la violenza in casa.

“Era consapevole che il risentimento che suo cugino aveva contro di lui non era stato premeditato, ma la conseguenza degli odiosi paragoni che avevano sciolto la loro amicizia per renderli nemici dichiarati. »

  • I bambini che sono disprezzati o maltrattati nella loro infanzia tendono a ripetere schemi da adulti.

"Un odio feroce si è scatenato dentro di lei, concentrato prima su sua madre, e poi diffuso per analogia al resto delle donne."

  • Le vittime di maltrattamenti iniziano giustificando gli autori degli abusi, accusano tutti di incitarli perché è molto difficile vedere il volto del fallimento vitale che li circonda.

«Beatriz odiava Felix con tutte le sue forze, che aveva pungolato la bestia. Sapeva benissimo quante ore Camilo passava a scrivere, che quelle pagine erano più importanti per lui della sua stessa famiglia, e quel vecchio dal volto affabile si era dedicato a buttare via il suo lavoro. E se Camilo era di cattivo umore, la prima a pagare sarebbe stata lei stessa, questo le era chiaro. "

  • Anche il bambino con il cuore migliore è capace delle più grandi crudeltà quando la violenza intorno a lui supera ciò che è disposto a gestire.

«Sua madre era passata in pochi secondi da repressiva a rimproverata. Non poteva sopportare di vederla così intimidita, tozza, rimpicciolita, ridotta a un millesimo di se stessa. "

  • Uno stupro segna una persona per il resto della sua vita. Puoi continuare, battere, dominare, ma ci sono esperienze che non superi mai.

"Non si era mai sentita così sporca, nemmeno quando Ali l'ha macchiata. Il disprezzo di sua madre era decisamente molto peggio. "

  • La violenza ha un effetto a spirale, il forte maltratta il meno forte e il più debole.

"Normalmente riusciva a mantenere placato quell'odio, ma ogni tanto andava fuori controllo senza rimedio, risvegliando dentro di sé una bestia che prendeva il controllo del corpo e della mente con l'unico scopo di placare la sete di vendetta."

Il paradosso del bibliotecario cieco: la violenza viene trasmessa da genitore a figlio come i geni.

Il paradosso del bibliotecario cieco: la violenza viene trasmessa da genitore a figlio come i geni.

Tuttavia, la storia è un canto di speranza: ci sono storie che finiscono bene, e allo stesso tempo è realistica perché non tutte lo fanno e queste non sono necessariamente le più difficili. La violenza finisce a volte con la morte, altre con la liberazione, altre con più violenza e altre nell'illusione di una vita diversa.

Eventi di malvagità quotidiana, mutamenti personali utopici, ma non meno credibili chiudono questo romanzo che Potrei andare all'infinito, perché questa è una storia sullo sviluppo personale dei protagonisti al ritmo stabilito dalle loro circostanze e le persone non smettono mai di evolversi né la vita le pone in situazioni complesse.

«Non hai mai sentito che il passato è il fondamento del presente? Se ti dedichi a rimuoverlo, la tua vita potrebbe vacillare o, peggio ancora, potrebbe crollare ".


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.