Il giorno in cui quella sanità mentale fu persa

Il giorno in cui quella sanità mentale fu persa

Fonte: Penguin Chile

All'interno dei lanci di libri, ce ne sono alcuni che, per il tema, il momento o la storia, trionfano e vanno molto lontano. È quello che è successo a The Day that Sanity Was Lost, una trama che, anche se all'inizio non sai davvero dove portarla, in seguito ti aggancia in modo tale che tutto ciò che vuoi è arrivare alla fine per sapere cosa è passato.

Se desideri per sapere cose sul giorno in cui la sanità mentale è stata persa, come chi l'ha scritto, di cosa parla, quali sono i suoi personaggi o se il libro ne vale la pena, vi invitiamo a leggere ciò che abbiamo preparato per voi.

Chi è l'autore di Il giorno in cui si perse la sanità mentale

Chi è l'autore del giorno in cui l'amore è stato perso

Il "colpevole" del giorno in cui ha perso la sanità mentale non è altro che Javier Castillo. Questo scrittore spagnolo di Mijas ha pubblicato il suo primo romanzo nel 2014. Infatti, l'ha autopubblicato. Tuttavia, gli editori la notarono quando iniziò ad avere successo, al punto che diversi si offrirono di pubblicarlo. Infine, ha optato per Suma de Letras ed è stato ripubblicato nel 2016.

A differenza di altri scrittori, che hanno portato la passione per la scrittura e hanno studiato per essa, Javier Castillo era un consulente finanziario. È stato nel tempo libero che ha dato libero sfogo alla sua creatività e ha portato avanti quel primo romanzo. E da allora non si è più fermata perché ha sul mercato 5 romanzi, l'ultimo dei quali, The Soul Game, del 2021.

Qual è il giorno in cui ha perso la testa?

Qual è il giorno in cui l'amore è stato perso?

Senza svelare nulla del mistero, la storia di Il giorno in cui si perse la sanità mentale Inizia con un omicidio e un arresto. Giacobbe appare nudo e porta la testa decapitata di una donna. Ovviamente, la polizia lo trattiene e cerca di scoprire chi è questa donna, perché l'ha uccisa, dove si trova il corpo, ecc.

Per fare questo, mandano lo specialista dell'FBI Stella per ottenere quell'informazione da lui. Ma Jacob decide di raccontargli una storia un po' più antica, per dare un senso a quanto accaduto... E da lì la storia comincia ad essere un intrigo, mistero e follia.

Personaggi di The Day Sanity Was Lost

Per rendere più chiaro per te avere una prospettiva dei personaggi che incontrerai in The Day that Sanity Was Lost, qui li elenchiamo:

  • Jacob. È il primo personaggio che incontri e non sei sicuro se è pazzo, se è sano di mente o cosa succede a quell'uomo.
  • Il dottor Jenkins. Questo personaggio all'inizio lo vedi come secondario, ma in realtà è importante per la storia. È il direttore del centro psichiatrico dove è ricoverato Jacob.
  • Stefano. Un genitore. Lo vedrai in due volte; poiché l'autore ti mostra una fase del personaggio anni fa e un altro presente. Insieme a lui, sono strettamente legati altri personaggi: Karen, Amanda e Carla.
  • Stella Iden. Il profiler dell'FBI che mandano a parlare con Jacob e scoprire cosa lo ha portato a commettere il crimine che ha commesso.

Non possiamo rivelare molto di più sui personaggi perché se lo facessimo, finiremmo per darvi indizi e sventrare parti importanti del libro.

Vale la pena leggere il libro?

Vale la pena leggere il libro?

Dopo quello che ti abbiamo detto, la cosa normale è che hai un'opinione se è il libro che vorresti leggere o se, per la trama, la storia o il modo di raccontare, non ti attrae abbastanza. La verità è che il modo di raccontare la storia è quello che all'inizio ti riempie di dubbi.

Quando hai letto il primo capitolo, non hai idea di cosa sia successo.. Non sai chi, perché, cosa è successo. L'autore ti dà solo pochi tratti in Il giorno in cui la sanità mentale è stata persa. Se a ciò aggiungiamo che il secondo capitolo cambia l'ambientazione ei personaggi, ti lascia ancora più spiazzato e potresti pensare che non sia un libro facile da leggere.

Lungo le pagine troverai due fasce orarie definite più avanti nel romanzo. Da un lato il "presente" (tenendo conto dell'anno in cui il romanzo è scritto o che lo colloca) e dall'altro il passato (alcuni anni fa ai tempi di quei protagonisti). All'inizio è molto inquietante, soprattutto perché non chiarisce se sei nel presente o nel passato. Quando conosci già i personaggi, quel chiarimento non è necessario.

Non vi è dubbio che la storia all'inizio sembra non avere senso, e più di una volta potresti avere l'impressione che sia noiosa, o che non ci sia nulla di sbagliato in essa per continuarla. Ma il mistero che avvolge i personaggi fa sì che tu non possa lasciarla; Ti piace sapere cosa succede, come l'autore uscirà da quel mal di testa in cui ha messo i personaggi. E una cosa che mi piace è che la fine non è qualcosa che ti aspetti. Ci sono molti dettagli che finiscono per sfuggire, che ti sorprendono, e questa è la cosa buona. Anche se sei un avido lettore, otterrai la tua dose di sorpresa nel libro.

Quindi, da parte nostra, e la mia parte personale perché ho letto il libro, è sì, lo consigliamo. Anche se all'inizio non ti agganci, continua a dargli una possibilità perché per il mistero che c'è, ne vale la pena.

Attenzione: c'è una seconda parte

Prima di lasciare l'argomento, dobbiamo farvelo sapere. The Day You Lost Your Sanity è un libro che può essere letto indipendentemente; in realtà ha un inizio e una fine. Tuttavia, nelle ultime pagine l'autore stesso fa “qualcosa” che ti lascia con il miele sulle labbra e, se nel tempo che hai dedicato alla lettura ti sei appassionato, quella frangia sciolta che lascia ti farà venire voglia libro.

È Il giorno in cui l'amore è stato perso ed è già in libreria, quindi non dovresti aspettare molto prima che esca. In essa viene raccontata una seconda parte della storia, incentrata sugli stessi personaggi, ma aggiungendone altri che appaiono anche secondari nella prima.

Non è che sia un libro che devi leggere in maniera obbligata, perché in realtà se ti accontenti di The Day that Sanity Was Lost forse non te lo chiederà; Ma se sei uno di quelli che vogliono avere la completa risoluzione del mistero, allora lo consigliamo.

E tu? Hai letto il libro oi libri? Cosa hai pensato/hai pensato?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

bool (vero)