Racconti famosi

Volano le micro storie di Juan José Millás

Racconti brevi: poche parole per grandi storie.

guardando esempi di micro-storie? I tempi di Internet hanno permesso alla letteratura breve o micro di diventare più importante tra quei lettori accelerati per i quali mantenere un argomento di una riga non è solo uno stimolo curioso, ma anche l'opportunità di creare la propria versione di quella storia nascosta ". le linee "o, in questo caso, le parole.

Questa è la micro-storia, un genere narrativo forse un po 'sottovalutato dalle masse che racchiude una lunga storia cementata da autori come Cortázar o Augusto Monterroso, quest'ultimo caposaldo del genere grazie al suo micro Il Dinosauro, uno di quelli considerati come migliori racconti di sempre.

Ma prima di vederle, tutte quelle selezionate, risponderemo a una serie di domande tipiche e frequenti quando ci riferiamo a micro-storie. Se sei interessato all'argomento, non esitare a continuare a leggere.

Mi accompagnerai in questo breve (e allo stesso tempo profondo) viaggio letterario attraverso i seguenti 16 micro-storie per gli amanti del brief?

Cos'è una micro-storia? Caratteristiche comuni

Scrivi una breve storia

Il RAE definisce la parola microstoria come segue:

Storia breve: Da micro e storia. 1. m. Storia molto breve.

E così breve è! È la caratteristica principale di questo genere narrativo, che contiene solo poche righe in cui l'autore deve esprimere tutto ciò che vuole e lasciare il lettore eccitato, riflessivo o semplicemente con la sensazione di aver letto qualcosa di buono oltre che di breve. Per questo c'è un file detto popolare che viene ad esprimere lo stesso: "Il buono, se breve, due volte buono"

E sebbene, come abbiamo detto prima, sia un genere abbastanza sottovalutato, la realtà è ben diversa. È molto difficile scrivere e "dire" allo stesso tempo in poche righe. Mentre con il romanzo o le storie abbiamo pagine e pagine per caratterizzare un personaggio o più, per creare un ambiente, per sviluppare la storia stessa, nella micro-storia dobbiamo dire in poche righe e raggiungere il più difficile dei tutto: che trasmetta qualcosa a chi ci legge.

Sembra un compito facile, ma io stesso ti dico che non lo è affatto. Ci vuole molta tecnica e molto tempo dedicato alla realizzazione di una buona micro-storia come tutte quelle che vedremo di seguito. Ma prima ti diremo come creare una micro-storia, cosa guardare, quali parole o espressioni evitare e come iniziare con una.

Come creare una micro-storia?

Come regola generale, una micro-storia avrà tra le parole 5 e 250, anche se possiamo sempre trovare eccezioni, ma non variano molto.

Per scrivere una micro-storia dobbiamo dimenticarci di fare un paragrafo per spiegare qualcosa di specifico, quindi ovviamente elimineremo quello che sarebbe l'intero sviluppo, ad esempio, di un romanzo. Andremmo a punto chiave o climax della nostra narrazione, in cui ci sarebbe una svolta inaspettata che sorprende il lettore. In questo modo, dovremo ovviamente dimenticare di descrivere in modo eccessivo. Questo modo di scrivere ci aiuterà a trovare la parola giusta, in questo caso gli aggettivi descrittivi giusti, per dire molto con poco.

Facendo il super conteggio delle parole, quello che cercheremo di dare grande importanza al scelta del titolo. Non può essere un titolo qualsiasi, ma cercheremo di fare in modo che quelle parole nel titolo aiutino a completare la nostra micro-storia e renderla ancora più significativa, se possibile.

E, naturalmente, se ci sono meno parole nella micro-storia, proveremo anche a giocarci i silenzi y segni di punteggiatura. Ad esempio, alcuni puntini di sospensione a seconda di quale parte del testo li posizioniamo, possono dire molto di più di una frase completa.

Come abbiamo detto prima, creare una buona micro-storia è una questione di acquisire la tecnica man mano che vengono ripetute. Per questo motivo, e poiché il vocabolario dei più piccoli non è ancora completamente sviluppato, è comune vedere nei libri elementari chiedere ai bambini di scrivere una breve poesia o micro-storia su qualcosa. Con questa tecnica cerchiamo di far descrivere ai più piccoli qualcosa (un oggetto, un evento, ecc.), Con le poche parole che ancora conoscono senza dover dire molto.

Articolo correlato:
5 consigli per scrivere un racconto

10 racconti per gli amanti della letteratura breve

Il dinosauro

Il dinosaurodi Augusto Monterroso

Quando si è svegliato, il dinosauro era ancora lì.

Qualità e quantità, di Alejandro Jodorowsky

Non si innamorò di lei, ma della sua ombra. Sarebbe andato a trovarla all'alba, quando la sua amata era più longeva

Un sogno, di Jorge Luis Borges

In una parte deserta dell'Iran c'è una torre di pietra non molto alta, senza porta né finestra. Nell'unica stanza (il cui pavimento è in terra battuta e ha la forma di un cerchio) sono presenti un tavolo in legno e una panca. In quella cella circolare, un uomo che mi assomiglia scrive in caratteri che non capisco una lunga poesia su un uomo che in un'altra cella circolare scrive una poesia su un uomo che in un'altra cella circolare ... Il processo non ha fine e nessuno potrà leggere ciò che scrivono i prigionieri.

Love 77, di Julio Cortázar

E dopo aver fatto tutto quello che fanno, si alzano, si lavano, si stringono, profumano, si vestono e così progressivamente tornano ad essere ciò che non sono.

La lettera, di Luis Mateo Díez

Ogni mattina vengo in ufficio, mi siedo, accendo la lampada, apro la valigetta e, prima di iniziare l'attività quotidiana, scrivo una riga nella lunga lettera dove, per quattordici anni, ho spiegato a fondo le ragioni del mio suicidio .

Coprifuoco, di Omar Lara

"Rimani", gli ho detto.

    E l'ho toccata.

Benna e pala, di Carmela Greciet

MARCA-AGUA-SZ-POSTS-1_edited-1

Con il sole di fine marzo, la mamma è stata incoraggiata ad abbassare le valigie con i vestiti estivi delle soffitte. Ha tirato fuori magliette, cappellini, corti, sandali ... e, stringendo il secchio e la pala, ha anche tirato fuori il mio fratellino Jaime, che ci aveva dimenticati.

Ha piovuto tutto aprile e tutto maggio.

Fantasma, di Patricia Esteban Erlés

L'uomo che amavo si è trasformato in un fantasma. Mi piace metterci sopra molto ammorbidente, vaporizzarlo e usarlo come lenzuolo di sotto nelle notti in cui ho un appuntamento promettente.

La felicità di vivere, di Leopoldo Lugones

Poco prima della preghiera in giardino, un uomo molto triste che era andato a vedere Gesù stava parlando con Filippo, mentre il Maestro finiva di pregare.

"Io sono il Naim risorto", disse l'uomo. Prima di morire, mi rallegravo del vino, uscivo con le donne, festeggiavo con i miei amici, sontuivo gioielli e suonavo. Figlio unico, la fortuna di mia madre vedova era solo mia. Ora niente di tutto ciò che posso; la mia vita è una terra desolata. A cosa dovrei attribuirlo?

"È perché quando il Maestro resuscita qualcuno, si assume tutti i suoi peccati", rispose l'Apostolo. È come se uno fosse nato di nuovo nella purezza del bambino ...

–Lo pensavo ed è per questo che vengo.

- Cosa potresti chiedergli, dopo aver restituito la tua vita?

"Ridammi i miei peccati," sospirò l'uomo.

Prendo l'ultima posizione per condividere uno dei miei primi racconti, poiché nonostante sia assiduo al breve, i suoi racconti e racconti al momento della scrittura non mi avevano ancora messo con questo genere. Spero vi piaccia:

Altri famosi racconti brevi

Successivamente, vi inseriamo altre micro-storie che sono state premiate o conosciute all'epoca e alcuni di autori non così noti. Ci auguriamo che ti piacciano:

Parlato e parlato, di Max-Aub

Parlava, e parlava, e parlava, e parlava, e parlava, e parlava, e parlava. E vieni a parlare. Sono una donna di casa mia. Ma quella grassa cameriera stava solo parlando, parlando e parlando. Ovunque fossi, venivo e iniziavo a parlare. Parlava di tutto e di qualunque cosa, lo stesso non gli importava. Licenziarla per quello? Avrebbe dovuto pagare tre mesi. Inoltre, sarebbe stato molto capace di darmi il malocchio. Anche in bagno: e se questo, e se quello, e se oltre. Gli ho messo l'asciugamano in bocca per farlo tacere. Non ne morì, ma di non parlare: le parole gli scoppiarono dentro.

Lettera dell'amante, di Juan José Millás

Ci sono romanzi che anche senza essere lunghi non possono davvero iniziare fino a pagina 50 o 60. La stessa cosa accade ad alcune vite. Ecco perché non mi sono mai ucciso prima, Vostro Onore.

La mela, di Ana María Shua

La freccia scoccata dalla precisa balestra di Guglielmo Tell divide in due la mela che sta per cadere sulla testa di Newton. Eva ne prende una metà e offre l'altra alla sua consorte per la gioia del serpente. È così che la legge di gravità non viene mai formulata.

Minacce, di William Ospina

"Ti divorerò", disse la pantera.

"Peggio per te," disse la spada.

La verità su Sancho Panza, di Franz Kafka

Sancho Panza, che altrimenti non se ne vantava mai, riuscì, negli anni, a comporre una serie di romanzi cavallereschi e banditi, al crepuscolo e di notte, a separarsi a tal punto da Sì al suo demone, al quale in seguito diede il nome di Don Chisciotte, che si lanciò irrefrenabile nelle avventure più selvagge, che però, per mancanza di un oggetto predeterminato, e che avrebbe dovuto essere Sancho Panza, non fece male a nessuno.

Sancho Panza, uomo libero, seguì impassibile don Chisciotte, forse per un certo senso di responsabilità, nel suo vagabondare, realizzando così un grande e utile svago fino alla sua fine.

Gli occhiali, di Matías García Megías

Ho gli occhiali per vedere la verità. Dato che non sono abituato, non li uso mai.

Solo una volta…

Mia moglie ha dormito accanto a me.

Mettendomi gli occhiali, la guardai.

Il teschio scheletro sdraiato sotto le lenzuola russava accanto a me, accanto a me.

L'osso rotondo sul cuscino aveva i capelli di mia moglie, con i bigodini di mia moglie.

I denti magri che rosicchiavano l'aria a ogni russare avevano la protesi di platino di mia moglie.

Ho accarezzato i capelli e sentito l'osso, cercando di non entrare nelle orbite: non c'erano dubbi, quella era mia moglie.

Ho posato gli occhiali, mi sono alzato e ho camminato finché il sonno non mi ha abbandonato e sono tornato a letto.

Da allora, penso molto alle cose della vita e della morte.

Amo mia moglie, ma se fossi più giovane diventerei un monaco.

queste 16 racconti per gli amanti della letteratura breve servono come base per quelle storie nascoste in modo subliminale in questa versione più piccola, ma non meno, della letteratura.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

30 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Alberto Diaz suddetto

    Ciao Alberto.

    Grazie per questo articolo perché sono un fan delle micro storie. Infatti, grazie ad un laboratorio di scrittura creativa che ho iniziato a frequentare nel 2004 o 2005 e che ho seguito per diversi anni, ho iniziato a scriverli e fino ad oggi.

    Per quanto riguarda quello che mi piace di più, ho dei dubbi tra i tanti. Se devo scegliere, rimango con "La carta", di Luis Mateo Díez.

    Un abbraccio da Oviedo e buon fine settimana.

    1.    Alberto Legs suddetto

      Come sempre grazie per la tua opinione Alberto. Abbracci da Alicante.

  2.   Antonio Julio Rossello. suddetto

    Ancora una volta mi diletto in quello che scrivi.

    1.    Alberto Legs suddetto

      Hehehehe, fai quello che puoi 😉 Grazie Antonio! Abbracci.

  3.   Carmen Maritza Jimenez Jimenez suddetto

    Ciao Alberto. Le micro-storie portano l'idea sintetica di cosa potrebbe essere una lunga storia. Volevo sapere se non ci sono regole per scriverlo, ad esempio, estensione, anche se non la penso così, poiché vedo estensioni diverse. Mi piace questo tipo di scrittura, lo praticherò.

    La micro-storia che mi piace di più è: Amor 77, di Julio Cortázar.
    Cordialmente
    Carmen M. Jimenez

  4.   Alberto Legs suddetto

    Ciao carmen.

    La micro-storia è, come dici tu, una versione sintetica della storia, che a sua volta ha regole un po 'diverse. La micro-storia si caratterizza per la sua breve durata (non ci sono limiti ma non deve superare un paragrafo) e per i "silenzi" di questa storia condensata.

    Anche se nel tuo caso penso che praticare qualsiasi tipo di scrittura andrà bene, se ottieni una grande micro-storia e se è una storia la stessa cosa.

    Per quanto riguarda i passaggi per scrivere una storia, vi lascio questo articolo pubblicato qualche mese fa nel caso in cui vi aiuti:

    http://www.actualidadliteratura.com/4-consejos-para-escribir-tu-primer-cuento/

    Saluti.

  5.   José Antonio Ramirez de Leon suddetto

    La storia di Patricia Esteban Eriés è una variazione della splendida storia dello scrittore messicano Juan José Arreola, «La donna che amavo è diventata un fantasma. Sono il luogo delle apparizioni »

    1.    Alberto Diaz suddetto

      Ciao, José Antonio.
      Non sapevo che la micro-storia di Patricia Esteban Erlés fosse una versione. Juan José Arreola mi suona familiare e non conoscevo il suo racconto. Hai ragione, è molto buono. Grazie per la condivisione.
      Un saluto letterario da Oviedo.

  6.   Cristina Sacristan suddetto

    Ciao Alberto. Interessante la pubblicazione che hai realizzato.

    Quello di Monterroso è forse il più conosciuto e utilizzato come esempio di come costruire una micro-storia, ma nella tua selezione preferisco La Carta di Luis Mateo Díaz, penso sia fantastico. E in secondo luogo, mi piacciono molto anche Qualità e Quantità, di Alejandro Jodorowsky.

    Baci da Madrid

    1.    Alberto Diaz suddetto

      Ciao Cristina.
      Sei d'accordo con me, anche se prenderei diversi (cinque o sei) testi. E quello di Monterroso è, senza dubbio, il più famoso. Anche quello di Jodorowsky è molto buono per me.
      Un saluto letterario da Oviedo.

  7.   Il Graffo suddetto

    "Vendo scarpe per bambini, non usate" - Ernest Hemingway

    1.    Alberto Diaz suddetto

      Ciao, El Graffo.
      Avevo già letto molto tempo fa, non ricordo dove, quella micro-storia di Hemingway. Sicuramente molte persone sarebbero sorprese nell'apprendere che l'ha scritto l'amico Ernest (tutti lo associano al romanzo).
      Mi colpisce come una fantastica micro-storia con un'incredibile carica di profondità. È chiaro cosa ci sia oltre quella linea.
      Saluti.

  8.   Matias Munoz Carreno suddetto

    Certo volevi scrivere Jorge Luis Borges, ma l'autocorrettore.

  9.   Carmen Maritza Jimenez Jimenez suddetto

    Caro Alberto. Stavo leggendo le storie consigliate e mi sono fermato alle due; El Sur di Borges e La noche a faccia in su, di Cortázar. La notte di Cortázar a faccia in su, "non mi ha lasciato indifferente", è raccontata con semplicità e anche con profondità. Che dominio di Cortázar. Dopo averlo letto, ho interpretato che è una lotta per la vita prima della morte con gli scorci della coscienza. Il motociclista a volte era consapevole della realtà. Ma immergersi in un'esperienza di vita sconosciuta, legata a un passato lontano, ci fa pensare che il motociclista avesse conoscenza delle culture mesoamericane, o che avesse avuto un'esperienza onirica chiaroveggente sull'offerta che gli Aztechi fecero ai loro dei sacrificando un prigioniero nel Tempio principale. Quel prigioniero è lui, il motociclista che si aggrappa alla vita, combattendo contro l'opprimente giogo della morte. Quel viaggio attraverso il tunnel e poi sotto le stelle e l'imminenza della morte, che sarà provocata con un coltello di pietra o di ossidiana, ci fa rabbrividire. Potremmo pensare che questo cittadino fosse un emigrato spirituale. Secondo Cortázar, anche se è un passato lontano e noi siamo diversi da quelli di quel passato, può essere "quello specchio in cui guardare i nostri volti". È una metafora di quel sincretismo culturale che siamo, cioè di come ci riflettiamo in uno specchio.
    Cordialmente
    Carmen

    1.    Alberto Legs suddetto

      La Noche Boca Arriba è fantastica 🙂 Sono contento che ti siano piaciuti i consigli di Carmen. Ti auguro il meglio.

  10.   Carmen Maritza Jimenez Jimenez suddetto

    Correzione.
    È una metafora di quel sincretismo culturale che siamo, cioè di come ci riflettiamo nel suo specchio.
    grazie

  11.   Debora Lee suddetto

    Che bello leggere tra le righe e immaginare la penna di chi ha scritto.
    Grazie per la condivisione

  12.   Pedro suddetto

    Accanto a casa mia vive un uomo che non sa leggere né scrivere, ma ha una bellissima moglie. In questi giorni, segretamente da sua moglie, e con mia angoscia e preoccupazione, ha deciso di imparare. Lo sento pronunciare, come un bambino grande, su alcuni pezzi di carta che le dicevo sempre di buttare via, ma la donna molto stupida li ha lasciati incautamente sparsi in ogni parte della casa; e prego Dio di non imparare mai.
    Fart Querales. Dal libro «Urban Fables».

  13.   Pietro Querales suddetto

    I miei denti
    I miei denti sul lavandino annullano l'appuntamento e lacrime che si trasformano in pianti amari e convulsi. Davanti allo specchio ti immagino nervoso al centro commerciale.
    Ancora bagnato, davanti al cellulare, non devo aspettare a lungo. Sembra, e la tua voce da bambino mi chiama in ritardo. "Non può essere! Trova un ragazzo della tua età! " Ti dico. Riattacco e spacco contro il muro i denti e la tua dolce voce adolescenziale.
    Continuo a piangere, bagnato.

    Pedro Querales. Dal libro "Ricordi il pepe di Caienna che ti ho regalato?"

  14.   Pietro Querales suddetto

    La lampadina del macellaio

    Quando è stato il turno di Marco, tre dei cinque che stavano giocando erano già passati. Il suono del tamburo che girava - quella era l'unica regola del gioco: farlo girare a tutti prima di metterlo in testa - gli ricordava la raffica della sua bici quando colpiva i pedali all'indietro. A Marco era sempre piaciuto correre dei rischi: piccoli, grandi o estremi, ma sempre a rischio. Gli passarono l'arma - né pesante né leggera, in quel momento che non si percepisce - e lui colpì con forza il tamburo. Lo raccolse e lo mise sulla tempia destra. Quando alzò la testa, vide la lampadina che illuminava male la stanza con la sua luce giallastra, e si ricordò di quando aveva rubato la lampadina di casa dal macellaio. È così che è iniziato questo vizio di rischio e pericolo. "Non rubare la lampadina al macellaio!" gli hanno detto i suoi amici. "Sì," rispose Marco. A tarda notte si sono radunati davanti alla casa del macellaio. Marco uscì dall'ombra e, furtivamente, andò sotto il portico di casa. I cani abbaiavano dall'interno. Marco si fermò e attese. I cani tacquero. Con molta attenzione e lentamente Marco aprì il cancelletto di ferro, ma cigolò ancora sui cardini. I cani abbaiarono di nuovo. Questa volta più forte e più a lungo. Il semaforo del silenzio ha ridato il via libera a Marco. Si fermò davanti alla porta di legno e guardò in basso: "Benvenuto" diceva il tappeto illuminato dalla luce che entrava dalla fessura inferiore della porta. E poteva sentire le voci del macellaio e di sua moglie mescolarsi a quelle della televisione. Fece un respiro profondo e si fece il segno della croce. Poi si lusingò le dita e allentò la lampadina. Quando uscì, i cani abbaiarono di nuovo. Alcuni addirittura ululavano. Si fermò e rimase così, congelato e immobile come una statua vivente, per molto tempo. Finì di estrarlo e lasciò cadere il bulbo rovente nell'amaca che si era formata intorno al suo addome mentre il bordo inferiore della flanella si alzava. Fece un passo indietro e uscì supino, con la luce della lampadina nel sorriso e il trofeo, già freddo, tra le mani.
    Il giorno dopo Marco dovette andare dal macellaio a comprare delle costolette per sua madre. Il macellaio era furioso. Tutti insanguinati urlavano e imprecavano mentre macellavano una carcassa appesa al soffitto. "Se lo prendo, lo scuoierò" e affondò il coltello affilato e lacerò la carne insensibile. “Lo darò la caccia! Sì, lo darò la caccia! Quello torna indietro! Ma io lo aspetterò. ”Poi la situazione è diventata una sfida per Marco: il gioco del gatto e del topo. Marco aspettò un tempo ragionevole, quindici o venti giorni, e di nuovo rubò la lampadina al macellaio. Il giorno dopo è andato in macelleria per vedere la loro reazione. E lo sentì infuriare: “Maledetto ladro! Ha rubato di nuovo la mia lampadina! " disse a un cliente mentre tagliava la testa di un maiale con un colpo d'ascia. Rimasero così finché Marco non si stancò di rubare la lampadina al macellaio. E un giorno, di notte, li lasciò tutti in una scatola di cartone vicino alla porta.
    I quattro giocatori, intorno al tavolo, guardavano Marco in attesa. Con la botte appoggiata alla tempia, Marco ha visto la lampadina - e ha pensato alla lotteria Babylon, dove il vincitore perde - e all'improvviso si è spenta.

    Pedro Querales. Dal libro «Pink Sun»

  15.   Lorena suddetto

    Non c'è nessuno qui, solo briciole di pane ovunque. Li raccolsi velocemente per non ritardare la cena dei miei figli.

  16.   Ricardo VMB suddetto

    Plagio

    Il dottor Benavente, specialista in diritti d'autore, era in Europa e l'assoluzione del nostro cliente dipendeva dal suo parere quasi pontificio, una lettera da lui firmata avrebbe pesato sulla decisione dei giudici, suoi studenti all'università, quindi ho preso un rischio e Ho falsificato la firma dell'avvocato nella relazione che ho scritto con la quale abbiamo vinto il processo. Un caso di plagio, vinto con un documento falso, che cosa impari.

    Ricardo Villanueva Meyer B.

  17.   Jose Constantino Garcia Medina suddetto

    Il vecchio professore ...
    Nella fredda luce artificiale, la testa calva del professore brillava come una luna invernale.
    Gli studenti, più attenti alle evoluzioni sportive del volo delle mosche, hanno ignorato le sue spiegazioni logaritmiche.
    La lavagna si lamentò in tempo per le tracce del gesso spinto dalla vecchia mano di quell'uomo.
    La sua giacca, macchiata di tristezza, si accartocciò su una sedia vecchia quanto lui.
    Quando suonò il campanello se ne andarono senza guardarlo. Due lacrime attraversarono i loro volti mescolandosi alla polvere della classe.

  18.   Javier Olaviaga Wulff suddetto

    «I tuoi occhi giocano con i suoi mentre le tue labbra giocano con le mie» - Javier OW

  19.   LM Pousa suddetto

    Quando si è svegliato, lei non era ancora lì.

  20.   Luis Manteiga Poussa suddetto

    Avevo già sentito che durante la Rivoluzione francese, quando qualcuno veniva ghigliottinato, la testa, già staccata dal corpo, diceva ancora qualche parola. Ma, nel mio caso, mi sembra di averne dette troppe.

  21.   Luis Manteiga Poussa suddetto

    - Sì, sì, sì! - disse qualcuno. “Cosa c'è?” Disse un altro, avvicinandosi. Poi silenzio.

  22.   LM Pousa suddetto

    Mi piacciono soprattutto quelli di Luis Mateo Díez, Cortazar, Lugones, Max Aub, Millás e García Megías.

  23.   Pamela Mendez Ceciliano suddetto

    Il mio preferito era Minacce, di William Ospina, perché questo può essere adattato alla società in cui viviamo, poiché molte volte vogliamo o facciamo ciò che più ci può danneggiare, la spada ucciderà la pantera prima di poterla divorare.
    A proposito di William Ospina, questo scrittore è colombiano e ha vinto il premio Rómulo Gallegos con il suo romanzo "El País de la Cinnamon", che fa parte di una trilogia sulla conquista della parte settentrionale del Sud America. Inoltre, tra le sue opere spiccano i saggi e il romanzo "L'anno dell'estate che non è mai arrivata" richiama la mia attenzione, per il contesto che tratta.

  24.   Dany J. Urena. suddetto

    La micro storia che mi è piaciuta di più è La carta, di Luis Mateo Díez, poiché mi ci è voluto del tempo per cercare di capirla, e poiché ha molto senso, lo scrittore racconta un caso di una vita piena di avversità in cui una persona comune si sente sopraffatta e triste, ma hai trovato un modo efficace per contrastare quelle emozioni per andare avanti. Mi è piaciuto anche perché da giovane e con la situazione che si vive, a volte ci si sente stressati e magari senza voler continuare quello che si fa, ma c'è sempre un buon motivo per continuare.

    Luis Mateo Diez è uno scrittore spagnolo che è stato membro della Royal Spanish Academy (RAE) dal 2001 con la posizione, o "l" chair. È noto per i suoi romanzi e saggi e tra le sue opere più importanti ci sono La fontana dell'età, La rovina del paradiso, Favole del sentimento.