E se ci fossero libri con una colonna sonora incorporata?

© Pmap

© Pmap

Un giorno, sfogliando i libri sulla Fnac, uno dei miei racconti preferiti di Cortázar, The South Highway, apparve in un'edizione come «esperienza cinematografica», spingendo il lettore a consumare una storia nello stesso momento in cui un film poteva essere visto per un'ora e mezzo. A loro volta, aziende come Seebook si impegnano in libri tangibili e ebooks sono accompagnati da colonne sonore su Spotify (anche io l'ho fatto). Non c'è dubbio che ci sia un interesse segreto nell'elevare l'esperienza di lettura a nuovi livelli, più cinematografici e sensoriali, forse come un modo per emergere in un settore che ha bisogno di idee nuove e fresche. Tanto che c'è già un'azienda che inizia a promuovere libri con colonne sonore.

Come suonano i libri?

Nel 2008, l'ingegnere neozelandese Marco Cameron Facevo un viaggio quotidiano in traghetto leggendo un libro. Allo stesso tempo, ascoltava sul suo iPod delle playlist che erano state coscienziosamente create sulla base delle parole del testo che stava per leggere e di ciò che gli avevano trasmesso, convincendosi a poco a poco simbiosi più che efficace tra letteratura e musica ancora da sfruttare.

Dopo tre anni di duro lavoro per sviluppare la tecnologia necessaria, Cameron ha finito per diventare l'amministratore delegato di booktrack, un'applicazione lanciata nell'agosto 2011 con l'obiettivo di rompere il silenzio che i libri invitano attraverso un'esperienza più cinematografica. L'applicazione, disponibile per iOS, Android e web reader, include classici come Jane Eyre o Romeo e Giulietta con una propria colonna sonora suggerita dall'azienda e dai lettori stessi.

dopo firmare un contratto da 5 milioni di dollari con COENT Venture Partners e Sparkbox VenturesBooktrack ha ampliato la sua attività nel 2015 negli Stati Uniti e in Canada, posizionando la sua applicazione gratuita tra le 100 più scaricate su App Store. A sua volta, l'azienda ha stretto una partnership con Microsoft per promuovere questo nuovo tipo di libri a un maggior numero di bambini e adolescenti.

In parallelo, altri progetti come Transpose, fondata da Hannah Davis, prova a trovare i brani giusti in base a un file sistema di 14mila parole collegato ad un database le cui canzoni corrispondono al testo che stiamo leggendo.

Progetti che cercano di rivitalizzare una letteratura per la quale la tecnologia ha fornito un'iniezione di possibilità.

Reinventare la letteratura

libri-musica

Sebbene l'esplosione del boom di libri con colonna sonora non è ancora arrivato, sia gli audiolibri che altri progetti che cercano di reinventare la letteratura stanno iniziando ad espandersi in un'industria del libro elettronico che, nel caso della filiale di Amazon ha già un fondo globale di 12 milioni di dollari.

Allo stesso tempo, sono tante le domande che, in un mondo in cui tutto sembra inventato, rimandano ad alcuni libri per i quali una nuova vita su Internet offre ai lettori esperienze diverse; e la musica è una di queste.

Perché come sarebbe sentire on-site le canzoni che Murakami suggerisce nei Tokio Blues? E la playlist jazz di El persecutor de Cortázar? La lettura è una scusa per godersi il silenzio o forse la musica e la possibilità di evocare ancora di più le sensazioni di un libro sarebbe la soluzione agile per attirare nuovi lettori?

Se i libri avevano una colonna sonora è una riflessione con una risposta. Resta solo da sapere se questo è il file la prossima cosa migliore del mondo della letteratura o se è confermato che, sicuramente, le lettere non servono autotuning; SSolo qualità.

Cosa ne pensate di questa possibile tendenza futura?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   workshopliterariosonline suddetto

    Hai messo "avrebbe". È "avrebbe" :).

    1.    Alberto Legs suddetto

      Vero grazie! 🙂

bool (vero)