La fenice dei mulini, eterna Lope de Vega. 5 sonetti

Foto: Chiesa di San Sebastián, Madrid. @Mariola Diaz-Cano Arevalo

Era a Madrid, città che ha visto nascere e morire anche in un giorno come oggi 1635 a Lope de Vega Carpio, il poeta e drammaturgo spagnolo, uno dei più importanti della nostra età dell'oro e forse di tutta la poesia e il teatro nazionali. E tutto il Madrid è andato a salutarlo quel giorno. Quindi per ricordare scelgo questi 5 sonetti. Anche se c'è sempre un motivo per leggere Lope: grandezza.

Lope de Vega

Abbiamo tutti letto o "visto" Lope, la fenice dei mulini o Mostro della natura, come il suo contemporaneo lo chiamava certo Miguel de Cervantes, con il quale ha mantenuto una leggendaria rivalità. I suoi versi, il suo teatro ... Abbiamo tutti imparato con cosa fosse un sonetto Un sonetto mi dice di fare Violante. E sappiamo tutti dov'è Fountainovejuna e come li spende il cane di un giardiniere.

È nato a Madrid nell'anno 1562 ed era figlio di un'umile coppia di contadini. Non ha finito il liceo, ma anche così era un autore molto prolifico che coltivava generi diversi, come la narrativa, il teatro e anche la lirica. A partire dal intensa vita amorosa, ha avuto 15 figli tra legittimi e illegittimi. Ed era amico di Francisco de Quevedo o Juan Ruiz de Alarcón. Una crisi esistenziale, forse dovuta alla perdita di diversi parenti, lo ha portato al sacerdozio.

Il suo lavoro è stato influenzato da Luis de Gongora, con il quale sappiamo tutti bene che era inimicizia. Ma il tono di Lope è più vicino a linguaggio colloquiale. Tuttavia, dove la sua impronta e la sua carattere rinnovante è nelle sue commedie. Voleva presentare storie che erano realistico e dove, come nella vita, dramma e commedia si mescolano.

Da evidenziare tra alcune delle sue opere: FountainovejunaPeribáñez e il Comandante di OcañaIl miglior sindaco, il reLa stella di Siviglia, La sciocca signora, L'acciaio di Madrid, L'amante discreto, La punizione senza vendetta...

Tuttavia, oggi rimango con i suoi versi e scelgo questi 5 sonetti (dei 3 che gli vengono attribuiti) che mostrano la sua poesia più romantica e anche religiosa.

5 sonetti

Di notte

Notte incantatrice,
pazzo, fantasioso, chimerista,
che mostri a chi vince in te il suo bene,
le montagne piatte e il mare secco;

abitante di cervelli vuoti,
meccanico, filosofo, alchimista,
correttore vile, lince cieca,
paura dei tuoi stessi echi;

l'ombra, la paura, il male a te attribuito,
premuroso, poeta, malato, freddo,
mani dei coraggiosi e piedi del fuggitivo.

Lascialo guardare o dormire, mezza vita è tua;
se lo vedo, ti pagherò con il giorno,
e se dormo, non sento quello che vivo.

***

A un teschio

Questa testa, quando era viva, lo aveva
sull'architettura di queste ossa
carne e capelli, per i quali furono imprigionati
gli occhi che guardandola si fermarono.

Qui c'era la rosa della bocca,
già appassisce con baci così gelidi,
qui gli occhi color smeraldo impressi,
colore che tante anime hanno intrattenuto.

Ecco la stima in cui avevo
l'inizio di ogni movimento,
qui dei poteri l'armonia.

Oh bellezza mortale, aquilone nel vento!
Dove viveva così alta presunzione,
I vermi disprezzano la camera?

***

Volendo essere dentro il tuo

Desiderando essere dentro te stesso
Lucinda, per vedere se sono amata,
Ho guardato quella faccia che dal cielo è stata
con stelle e copia naturale del sole;

e conoscendo la sua impropria bassezza,
Mi sono visto vestito di luce e splendore,
nel tuo sole come un Phaeton perduto,
quando bruciò i campi dell'Etiopia,

Vicino alla morte ho detto: «Fateci,
desideri pazzi, perché eri così tanto,
i lavori sono così diseguali. '

Ma era la punizione, per più paura,
due opposti, due morti, due desideri,
Ebbene, muoio nel fuoco e mi sciolgo in lacrime.

***

Forza di strappo

Nello spirito di parlarti in confidenza
della sua pietà un giorno sono entrato nel tempio,
dove risplendeva Cristo sulla croce
con il perdono di chi lo guarda arriva

E anche se fede, amore e speranza
mettono audacia sulla loro lingua,
Mi sono ricordato che era colpa mia
e vorrei vendicarmi.

Stavo tornando senza dire niente
e come ho visto la piaga sul lato,
l'anima stava in lacrime bagnata.

Ho parlato, ho pianto e sono entrato da quel lato,
perché Dio non ha una porta chiusa
al cuore contrito e umiliato.

***

Sto morendo d'amore

Sto morendo d'amore, che non sapevo,
sebbene abile nell'amare le cose sulla terra,
che non pensavo che l'amore dal cielo
con tanto rigore si accendevano le anime.

Se la chiami filosofia morale
desiderio dalla bellezza all'amore, sospetto
che con maggiore ansia mi sveglio
quanto è più alta la mia bellezza.

Amavo nella terra vile, che amante sciocco!
Oh luce dell'anima, doverti cercare,
che tempo ho perso da ignorante!

Ma ora ti prometto di pagarti
con mille secoli di amore in ogni momento
che per amarmi ho smesso di amarti.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.