Du Fu. 5 poesie per ricordare un classico della poesia cinese

Illustrazione sullo Shanghai Daily. (c) Yu Yige.

Anche conosciuto come Il tuo fu, questo poeta è uno dei grandi classici della letteratura cinese. In effetti, è considerato "Poeta sacro". Oggi Salvo la sua figura (o la scopro) dando uno sguardo alla sua figura e al suo lavoro, da cui li ho selezionati 5 poesie.

Du fu

Nato nell'anno 712, ha presto mostrato facilità di apprendimento e talento. Gli piaceva anche la pittura, la musica e l'equitazione. Nella sua giovinezza, con l'intenzione di indossare un Vita bohémien, è stato in viaggio in tutta la Cina nel periodo più prospero del dinastia Tang.

Quando finalmente ha ottenuto un lavoro tipo ufficiale, poiché in un primo tentativo non è riuscito a superare gli esami imperiali, a rivolta questo avrebbe spargito sangue per la Cina per molti anni. L'imperatore lo nominò censore e Du Fu aveva un impero in rovina.

Tutto quello lo rifletteva in diverse poesie, così come le sue amicizie con altri grandi poeti come LiPo, affetto per la sua famiglia o compassione per la povertà della città. Superato il gli ultimi anni della sua vita in condizioni molto precarie e finanziariamente supportato da amici. E sebbene non sia riuscito a essere riconosciuto nella vita, il suo prestigio e la sua fama aumentarono dopo la sua morte.

Molto prolifico, ha lasciato un'eredità di più di 1.400 poesie. Alcuni titoli delle sue opere sono Il volo obliquo delle rondini o Compendio e commento delle poesie di Tu Fu.

5 poesie

ascensione

Tra il vento violento,
sotto il cielo alto,
le scimmie urlano la loro tristezza.
Sopra le sabbie bianche dell'isolotto,
un uccello vola, girando.
Foglie infinite, mosse dal vento,
cadono fischiando dagli alberi,
e il vasto Yangtze scorre tumultuoso.
Lontano da casa mia
Piango il triste autunno
ei viaggi mi sembrano infiniti.
Vecchio, solo sopraffatto dalla malattia,
Salgo su questa terrazza.
Le difficoltà, le difficoltà e l'angoscia,
hanno reso abbondanti i miei capelli grigi.
E non posso fare a meno di mettere da parte il mio bicchiere.

***

Acque sorgive

Il terzo mese e la fioritura del pesco
galleggiano sulle onde del fiume.
Il ruscello recupera le sue vecchie impronte,
e all'alba allaga i limiti della spiaggia.
Il verde smeraldo brilla davanti al cancello dei rami,
mentre riparo il mio sartiame
E lascio cadere un'esca profumata
Lego i tubi di bambù per innaffiare il giardino.
Gli uccelli che arrivano volando sono già una legione
e in un chiasso rumoroso discutono del bagno.

***

Alba d'inverno

Uomini e bestie dello zodiaco
Ancora una volta contro di noi.
Bottiglie di vino verde, gusci di aragosta rossa,
Tutti vuoti, sono impilati sul tavolo.
Come dimenticare una vecchia conoscenza?
E ognuno, seduto, ascolta i propri pensieri.
Fuori, le ruote dei carri stridevano.
Nella grondaia gli uccelli si svegliano.
In un'altra alba invernale presto
Devo affrontare i miei quarant'anni.
Mi spingono forte, momenti ostinati,
Piegato nella lunga ombra del crepuscolo.
La vita gira e passa, fiaba ubriaca.

***

L'astore dipinto

Sulla seta bianca
aumento del vento e del gelo:
ammirevole dipinto di questo astore.
Pronto a cacciare un'astuta lepre, alza le ali,
e, di profilo, i suoi occhi sembrano quelli di una scimmia angosciata.
Se lo spago di seta si è allentato
che lo lega al bastone lucido
in cima alla finestra,
aspettando che il fischio prenda il volo;
se l'hanno già lasciato
attaccare uccelli comuni,
piume e sangue si sarebbero diffusi attraverso il vasto prato.

***

Guardando l'acqua dalla ringhiera ho lasciato volare il mio cuore

Lontano dalle mura, su un'ampia ringhiera,
senza un villaggio che lo ostacoli,
lo sguardo arriva lontano, molto lontano.
Le limpide acque del fiume quasi straripano dal canale.
La primavera finisce,
e gli alberi sereni sono pieni di fiori.
Tra una pioggia sottile,
appaiono i pesciolini,
e il volo obliquo delle rondini
al pairo della brezza leggera.
In città, centomila case,
qui due o tre famiglie.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Luis suddetto

    Preziosa scoperta.
    Sono venuto a questo poeta tramite Charles Bukowski ..., secondo una poesia, questo poeta cinese era uno dei suoi preferiti.
    Grazie amico!