Domingo Buesa. Intervista all'autore di Il pomeriggio che bruciò Saragozza

Foto di copertina, per gentile concessione di Domingo Buesa.

domenica Buesa ha una lunga storia nel didattica e divulgazione della Storia per vocazione e per lavoro. Con più di 60 libri pubblicati, questo storico scrive anche romanzi e Il pomeriggio che Saragozza ha bruciato è il suo ultimo titolo. Grazie mille per avermi dedicato il tuo tempo intervista, il primo di questo nuovo anno, dove ci racconta un po' di tutto.

Domingo Buesa - Intervista

  • NOTIZIE DI LETTERATURA: Sei uno storico con più di 60 libri pubblicati. Com'è stato il salto al romanzo? 

DOMINGO BUESA: Per due anni l'editore Javier Lafuente mi ha chiesto di scrivere un romanzo per lui da inserire nella raccolta La storia dell'Aragona nel romanzo, a cura di Doce Robles. Alla fine, ho promesso che ci avrei provato, ma questo Non ero convinto di poter evadere l'ordinePerché non aveva mai scritto un romanzo e, inoltre, nutriva un enorme rispetto per questo modo entusiasmante di avvicinare la storia alla società.

Ricordo che quell'estate cominciai a scrivere un romanzo su un argomento la cui documentazione avevo studiato a lungo e persino pubblicato. E qui è nata la grande sorpresa: non solo mi è stato possibile farlo, ma mi ha dato anche enormi soddisfazioni. Ero felice di scrivere quella storia di una storia vera, le ore passavano senza sentimento e l'evento del 1634 acquistava vita e vitalità in quell'ambiente della mia biblioteca. I personaggi sono apparsi sul mio computer e, dopo un po', hanno finito per portarmi dove pensavano. Quello che era auspicato come un calvario era diventato una passione. era nato Prenderanno Jaca all'alba.

  • AL: Il pomeriggio che Saragozza ha bruciato È il secondo romanzo che hai. Cosa ci racconti a riguardo e da dove nasce l'idea?

DB: Il successo del primo romanzo ci ha portato a considerare, con il mio editore, la realizzazione di un secondo capitolo. E ancora l'argomento è stato suggerito da me, poiché capisco che devi romanzare quei temi e quegli spazi della storia che conosci bene. In questo caso mi sono appassionata alla figura di Ramón Pignatelli, il grande Saragozza illustrato, e in quell'ambiente era stata vissuta la Rivolta del Pane, brutalmente repressa nel 1766 dagli scudieri. La chiave per comprendere come questo romanzo sia stato considerato è da ricercare nei due anni di lavoro che mi occorrono per allestire una grande mostra sulla Saragozza dei Lumi, intitolata Passione per la libertà. E questo racconta il romanzo, la passione per il progresso delle persone illuminate che devono vivere l'insurrezione di un popolo che non ha pane e che difficilmente riesce a pagare gli affitti alti.

  • AL: Puoi tornare al primo libro che hai letto? E la prima storia che hai scritto?

DB: La lettura mi è piaciuta molto fin da piccola, penso che sia fondamentale e che sia la base di ogni progetto personale. Il primo libro che ricordo di aver letto è un'edizione per bambini di Lazarillo de Tormes, che mi regalò il mio caro zio Teodoro, fratello di mio nonno. È stata una scoperta e dalle sue pagine sono passato ad altri libri classici che mi hanno aperto un mondo di suggestioni. E con queste influenze ho iniziato a scrivere una storia della vita di mia nonna Dolores, mi dispiace che si sia perso in così tanti andirivieni, in cui ero interessato al personaggio e alla sua visione del mondo che lo circondava. Ho sempre sentito perdere quella storia familiare che mi faceva affrontare il fatto di descrivere la realtà, anche se devo confessarlo nel bel mezzo di una pandemia Ho pensato di scrivere un delizioso romanzetto, intitolato Il prete e il maestro, che si svolge nel 1936 e riprende molte di quelle cose di cui mi parlava mia nonna.

Riconoscendo il successo di questo romanzo, che doveva essere ristampato una settimana dopo l'uscita nelle librerie, non devo nascondere il fatto che ci sono stati dei fallimenti, per esempio, quando ho iniziato un romanzo su Ramiro II che non ho mai finito e di cui non so dove si trovi, essendo già orientato al mondo degli archivi e della ricerca. Il che non significa, tutt'altro, che non si possa essere un buon romanziere e un buon storico e ricercatore. Entrambi lavorano con il linguaggio e con la capacità, forse la capacità, di comprendere ciò che i documenti suggeriscono o ci dicono.

  • AL: Uno scrittore capo? Puoi sceglierne più di uno e di tutte le epoche. 

DB: Mi è sempre piaciuta quella prosa di Azorin Attraverso i quali senti i paesaggi di Castiglia, arrivi a sentire le campane delle chiese dei villaggi sdraiati al sole, sei commosso da quel silenzio dei pomeriggi con una siesta nella pianura infinita che don Chisciotte o Teresa de Jesús un paesaggio... E mi appassiona la prosa di Becquer in cui ci viene suggerito un mondo di immaginazioni, insicurezze, paure addormentate dentro di noi, di ricordi che ci fanno viaggiare nel passato e nel modo in cui lo vivevano i più remoti villaggi del Moncayo.

Non smette di appassionarmi la pulizia del linguaggio di Machado, la bellezza della parola come strumento che suggerisce sentimenti. E ovviamente lo trovo un piacere Platero e io, che non è altro che il tentativo di rendere universale il più concreto, di rendere eccellente la durezza del vivere quotidiano, di comprendere che il silenzio più vicino e caloroso può accompagnarci.

Io sono un lettore incallito e mi piacciono i libriNon ho mai smesso di leggerne uno che è iniziato, anche se man mano che la vita progredisce ti rendi conto che il tempo è limitato e devi approfittarne in modo più selettivo. 

  • AL: Quale personaggio in un libro ti sarebbe piaciuto incontrare e creare? 

DB: Come ho appena detto, lo adoro Platero e io perché penso che sia una finestra sulla semplicità, sull'autenticità dell'essere umano. Le parole assumono un'immagine sulle sue pagine e tutte insieme sono una dichiarazione di pace con il mondo. Incontra Platero, contemplalo, guardalo. Mi sarebbe piaciuto incontrare e creare i personaggi di alcuni romanzi di Sender, come mosén Millán de Requiem per un paesano spagnolo. E naturalmente Duca Orsini di Bomarzo.

  • AL: Qualche hobby o abitudine speciale quando si tratta di scrivere o leggere? 

DB: Silenzio e tranquillità. Mi piace che il silenzio mi circondi perché nulla deve distrarti in questo viaggio nel passato, perché quando scrivo sono in un secolo lontano e non riesco ad uscirne. Non riesco a sentire le voci del presente, né il suono martellante del cellulare che invade in modo dittatoriale la privacy. Mi piace iniziare a scrivere dall'inizio e seguire l'ordine che avrà il romanzo, non mi piacciono i salti perché i personaggi ti portano anche su strade che non avevi deciso e, alla fine, rettifichi il percorso giorno per giorno. Come dicevo, anche se penso alle trame che camminano per strada, viaggiando mentre contemplo il paesaggio o sul punto di addormentarmi. Scrivo sempre nel silenzio della notte e poi passo le pagine risultanti a mia moglie e mia figlia perché possano leggerle e suggerire dai loro diversi punti di vista. Importante è il contrappunto della realtà all'emozione di chi scrive.

  • AL: E il tuo luogo e momento preferito per farlo? 

DB: Mi piace scrivere. nella mia biblioteca, sul mio computer, circondato dai miei libri sul pavimento e con il taccuino -a volte una grande agenda vuota- in cui ho annotato l'intero processo di documentazione dell'evento come nuovo. Nelle sue pagine ci sono i riferimenti delle letture fatte, le descrizioni dei personaggi (come me li immagino), le date in cui ci muoviamo capitolo per capitolo, in realtà tutto. sì Di solito scrivo di notte, dopo le dodici di sera e fino alle prime ore del mattino perché è il momento di massima tranquillità, quel tempo in cui l'esperienza della notte stessa offusca l'ambiente e ti permette di vivere in altri tempi, anche se è solo una questione psicologica. È quel momento in cui chiudi gli occhi e cammini per Saragozza nel 1766 o per la città di Jaca nel freddo inverno del 1634...

  • AL: Ci sono altri generi che ti piacciono? 

DB: Mi piace leggere. poesia, classico e moderno, che mi rilassa e mi fa sognare scene piene di vita. mi diverto con saggi che ci permettono di conoscerci meglio. Sono un fervente sostenitore della lettura storia locale, con cui impari molto, e mi appassiona anche ai trattati di iconografia che ti insegnano il linguaggio dell'immagine. Ma soprattutto e fin da giovane ho scoperto Amaya oi baschi nell'VIII secoloSono appassionato di lettura romanzo storico.

  • AL: Cosa stai leggendo ora? E la scrittura?

DB: Mi piace leggere quasi tutto quello che mi capita tra le mani, ma man mano che invecchio e come ho indicato Metto la mia attenzione su ciò che voglio leggere, che mi interessa, che mi insegna, che mi fa sognare. Non ho intenzione di fare nomi perché non mi piace dare priorità, ognuno ha il suo contributo e interesse. Quello che è chiaro è che mi piace leggere i romanzi storici, di cui ho nella mia vasta biblioteca un panorama molto completo di ciò che viene pubblicato nel nostro paese. Là Gli autori aragonesi non mancano le cui opere leggo più che posso, anche se sono anche onorato di poter leggere originali che alcuni amici mi chiedono di leggere prima di modificare.

E se ora devo parlare di scrittura, insieme alle lezioni che mi piace preparare in dettaglio o agli articoli che non posso rifiutare di fare, devo fare riferimento a due romanzi: uno che ho finito Il ritratto della madre di Goya e un altro che ho iniziato sulle origini convulse della costruzione della cattedrale di Jaca, in realtà, il confronto tra il re e suo fratello il vescovo, allietato da sua sorella la contessa Sancha. È una storia emozionante perché è approfondire come l'arte possa nascere anche nel confronto e come la bellezza porti al godimento dell'incontro. Anche se sono onesto con te e ti svelo un segreto, a metà, ti dirò che mi sto documentando da due anni e nelle estati avanzando la scrittura di un romanzo sugli incredibili ultimi cinque giorni di vita di un re aragonese, punto di riferimento dei monarchi europei. Direi che sono estremamente appassionato di questa azienda.

  • AL: E infine, come pensa che verrà contato questo momento di crisi che stiamo vivendo? La realtà della nostra storia supererà sempre la finzione?

DB: Sicuramente molti dei nostri romanzi del passato raccontano già momenti simili a quelli che ora dobbiamo vivere, con altri mezzi e in altri ambienti, ma non dimentichiamo che l'essere umano è lo stesso e ha le stesse virtù e la stessi difetti. E questo protagonista è colui che supera se stesso nella sua proiezione sociale con e contro chi lo circonda, aprendo un mondo di esperienze che può sembrare finzione. Quando scrivo i dialoghi per il mio romanzo sull'umano e intimo Goya, che ho appena pubblicato, sono sorpreso perché molto di ciò che dice il genio della pittura è una valutazione e una critica molto precisa della nostra situazione: la perdita della libertà, il divario tra chi governa e chi governa, il piacere che l'essere umano trova nel far soffrire gli altri, secondo le sue possibilità... La storia ci insegna sempre perché ha una vocazione per il futuro.

Tuttavia, devo dire che sono convinto che il nostro sarà un tempo in cui si scriveranno romanzi avvincenti che nulla avranno a che vedere con quelli scritti oggi, perché l'analisi dei fatti ha bisogno di una prospettiva temporale. La rabbia non dovrebbe mai portare con sé la penna che dipinge i momenti della vita.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.