Come scrivere una storia

Cos'è una storia

Nel momento in cui scrivo, potresti pensare che un romanzo sia qualcosa di molto complicato, per il numero di parole, pagine e anche per lo sviluppo della trama. Ma scrivere una storia non è più facile in questo senso.

In effetti, hai molti fattori da considerare e impara a scrivere una storia può aiutarti a vedere quanto sia difficile (e quanto sia semplice una volta che hai interiorizzato tutti quegli aspetti che lo influenzano). Quindi, se vuoi sapere tutto prima di iniziare a scrivere, o se l'hai già fatto ma non sei soddisfatto del risultato, ecco le linee guida per ottenerne uno che vuoi mostrare a tutti.

Cos'è una storia

Una storia può essere definita come un file breve narrazione che mette in relazione alcuni eventi specifici e che mira a intrattenere, spaventare, divertire ... un lettore. Questi possono essere sia orali che scritti e, sebbene quasi tutti li riferiscano ai bambini, la verità è che non hanno una "età" specifica.

Una buona storia è quella che, una volta letta o raccontata, ci lascia con una sensazione piacevole, o di terrore se quello che stavamo cercando era paura. Ma ottenerlo è davvero il più difficile perché non solo devi narrare le avventure, devi anche entrare in empatia con il lettore o l'ascoltatore in modo che quella persona voglia sapere cosa succede nella storia.

Caratteristiche di una storia

Caratteristiche di una storia

Praticamente tutte le storie sono caratterizzate da una serie di punti che le definiscono. Ed è davvero ciò che li differenzia, ad esempio, dalla storia, un altro genere che viene anche usato molto (soprattutto per iniziare a scrivere).

Ma, nel caso di una storia, ha i seguenti elementi:

È narrativa

Stiamo parlando di una narrazione. Sì, ci sono dialoghi, ma una storia ha più parte narrativa che dialogo. E in questa storia, possono raccontarti fatti reali o immaginari, ma è qualcosa che raccontiamo, non che viviamo in sé.

È finzione

Sì e no. Perché come abbiamo indicato prima, sebbene nella maggior parte dei casi le storie siano legate a storie di fantasia, la verità è che possono anche raccontare eventi reali. Il problema è che questi sono adornati con elementi fantastici per astrarre la realtà.

Ha solo una trama

Per capirlo, è meglio se hai una storia a portata di mano o se ne ricordi una. Ad esempio, I tre porcellini. La trama era quello che è successo ai porcellini. Ad un certo punto della storia ti ha detto cosa ha fatto, pensato o voluto il lupo? Al di là del fatto di voler mangiare i maialini, di quell'animale non si sa nulla, e soddisfa questo requisito: quello concentrati solo su una serie di eventi che coinvolgono personaggi specifici.

Ad esempio, la storia di Cenerentola, a differenza del film, si concentra solo su di lei e su ciò che le accade, saltando nel tempo sì, ma sempre concentrata su di lei.

Un solo personaggio principale

Certo, e ora mi dirai: e i tre porcellini? Bene, dovresti sapere che questa storia ha come protagonista il terzo dei maiali, non i precedenti, che sono secondari. Una storia non significa che abbia un solo carattere, ce ne saranno tanti, ma di tutti uno è quello che soffre davvero i fatti che vengono raccontati.

Ad esempio, in Hansel e Gretel, è davvero Gretel ad avere la massima importanza, e si vede quando Hansel passa in secondo piano nel momento in cui la strega lo rinchiude per nutrirlo.

Una storia è breve

Hai ragione. Devi rispettare questa premessa perché una storia non è fatta per pensare di essere un romanzo, ma un racconto breve.

È costruito per leggere subito

Immagina di iniziare a leggere la storia e, nel mezzo, ti fermi, ti fermi. Quando lo riprendi, le sensazioni e l'esperienza che ti hanno assorbito la prima volta si recuperano solo rileggendolo, e perde il suo fascino, soprattutto se è la prima volta che lo leggi.

Come scrivere una storia: cosa dovresti tenere a mente quando scrivilo

Come scrivere una storia: cosa dovresti tenere a mente quando la scrivi

Ora che conosci un po 'meglio la storia, è ora che impari a scriverne una, giusto? Bene, per questo, devi prendere in considerazione i passaggi per farlo. E questi sono:

Pensa all'idea della storia

Non puoi, come in un romanzo, iniziare a scrivere e vedere cosa ne viene fuori. E non puoi farlo perché la lunghezza è limitata e devi concentrare le tue idee sulle parole, frasi e paragrafi corretti.

Altrimenti, quella storia finirà per allungarsi un po 'e non sarà più una storia.

Inoltre, devi scegli le parole concrete, usa solo quelli che sai veramente essere importanti, che contribuiscono alla storia e che servono. Tutto ciò che puoi considerare sacrificabile è che non ha importanza.

Mantieni la suspense nella storia

È importante che le informazioni vengano fornite a poco a poco. Ad esempio, continuando con gli esempi che abbiamo fatto, in Cenerentola si dice poco a poco che è la più bella, la più dolce, la più gentile… ea poco a poco si fa coppia con il principe. O ne I tre porcellini. All'inizio non sappiamo che siano tre fratelli, o che le case siano costruite diversamente.

Segui una struttura

Ogni storia deve seguire una struttura: Introduzione, nodo e risultato. Cioè, l'inizio della storia, il problema che si pone e la soluzione a quel problema. Può sembrare facile, ma in realtà non lo è.

Scrivere

Adesso è il momento di scrivere, e ti consigliamo di farlo senza pensare se esageri, se conti troppo ... Allora avrai tempo per prendere in considerazione questi aspetti.

Lascia riposare la storia prima di rivederla

Lascia riposare la storia prima di rivederla

Che tu ci creda o no, questo è importante perché ti aiuterà ad essere più obiettivo nel rivedere la storia, soprattutto perché in questo modo saprai cosa è essenziale e cosa no, accorciandolo se è stato lungo; o allungandolo se vedi che manca qualcosa.

Se non ti fidi che va bene ... leggilo

A voce alta. Non devi leggerlo a nessuno, può essere a te stesso. Ma devi essere consapevole che, se leggerlo ti annoia, allora c'è qualcosa che non va. Se hai bambini e la storia è adatta a loro, prova a metterli a sedere e a leggerla per vedere la loro reazione. Si disperdono? Si muovono molto? Sono irrequieti? Se non è qualcosa che ti aspetti dalla storia, è che non li convince, e anche se potrebbero non sapere come spiegarlo, lo fanno possono aiutarti a sapere se ti piace o no.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.