Arturo Sánchez Sanz. Intervista all'autore di Belisario: Magister militum dell'Impero Romano d'Oriente

Fotografia: Arturo Sánchez Sanz. Facebook.

Arturo Sanchez Sanz È un dottore in Storia antica e il suo curriculum nel mondo accademico e come autore di saggi informativi è tanto ampio quanto importante. Il suo ultimo lavoro, Belisario: Magister militum dell'Impero Romano d'Oriente. In questo intervista ce lo racconta e ci regala anche un file master class su questo genere molto meno consumato dai lettori. Grazie per il tuo tempo e la tua gentilezza.

Arturo Sánchez Sanz. Colloquio

  • NOTIZIE DI LETTERATURA: Dottore in Storia e Archeologia all'Università Complutense, il tuo ultimo saggio pubblicato è Belisario: Magister militum dell'Impero Romano d'Oriente. Di cosa stai parlando?

ARTURO SÁNCHEZ SANZ: Il mondo dell'editoria è saturo di saggi storici dedicati ripetutamente agli stessi argomenti, e in Spagna questa realtà è molto più cruda. Cleopatra, Cesare, i Tercios, Auschwitz… ecco perché sin dal mio primo saggio abbiamo cercato di offrire qualcosa di più, qualcosa di nuovo e di diverso. La letteratura anglosassone ha meno carenze a questo riguardo, ma in spagnolo ci sono pochi saggi dedicati ad altri argomenti, sebbene siano anche noti. Infatti, gli stessi storici tendono a concentrarsi maggiormente sul mondo accademico chiuso. L'attuale sistema di istruzione superiore ci costringe a scrivere solo articoli e saggi così specializzati che nessun altro oltre ai nostri colleghi può digerire.

La divulgazione storica è disapprovata, ed è per questo che sul mercato abbiamo sempre le stesse opere, molte volte scritte da giornalisti, avvocati, ecc. che colmano quel vuoto con la propria illusione per la storia, ma non sono storici o archeologi, e non di rado l'idea che viene trasmessa al grande pubblico è sbagliata o sbagliata.

Credo che il nostro lavoro, e più in generale, Il nostro dovere di storici è parlare di Storia non solo in ambito accademico, ma per il mondo intero, per renderla vicina, facile e accessibile. Nel corso della mia vita ho incontrato poche persone che, anche dedicandosi a tutti i tipi di mestieri, non amano la Storia, e alla fine quello che imparano non viene da storici preparati, capaci di condurre una buona ricerca di base, e questo genera paradigmi sbagliati su vari argomenti.

Per questo motivo ho anche considerato la scrittura di divulgazione anche quando ho dovuto nuotare controcorrente, con l'idea di demolire quei falsi miti nati da opere parziali o scarsamente documentate, di offrire saggi dedicati a soggetti meno noti o mai trattati in spagnolo, e questo è stato il caso di l'inizio.

Ho dedicato il mio primo libro a Filippo II di Macedonia (2013), proprio perché la sua figura è sempre stata messa in ombra dal figlio, il grande Alessandro Magno, e l'importanza che ha avuto nella storia viene spesso dimenticata. Anzi, dico sempre che senza Filippo non ci sarebbe mai stato Alessandro. Lo stesso è accaduto con il mio primo saggio per la Sfera dei Libri, dedicato ai pretoriani (2017).

La figura di questo mitico corpo militare romano è sempre stata oscura e negativa, soprattutto per la morte degli imperatori ad essi associati, ma niente di più. Le legioni rovesciarono molti più imperatori dei pretoriani, e anche in quei casi le cospirazioni da loro compiute erano note solo a pochi dei loro membri rispetto alle migliaia di soldati pretoriani che operavano nell'impero. Condannare l'intero corpo per questo sarebbe come condannare l'intero istituto di polizia per le azioni di pochi.

Questi sono alcuni esempi e nel caso di Belisario succede qualcosa di simile. Non molte persone conoscono la sua figura, e la maggior parte di quelli che lo fanno di solito è sempre attraverso il romanzo che il grande Robert Graves ci ha lasciato. Volevamo affrontare la sua vita reale, i suoi combattimenti, gli intrighi alla corte bizantina, ecc. oltre il romanzo, e nessuno ne aveva mai scritto prima in spagnolo. Questa è l'idea principale che ci muove sempre, ad andare oltre e che speriamo di continuare con i prossimi lavori che ho appena finito e devono ancora essere pubblicati.

  • AL: Perché scrivere saggi e saggistica (ancora)?

ASS: In parte ha a che fare con la stessa formazione che riceviamo come storici. Ci viene insegnato dal primo momento a indagare con l'intenzione di espandere la conoscenza generale, a non scrivere un romanzo, nemmeno un saggio informativo come ho detto prima. Il linguaggio che dobbiamo usare è troppo criptico per il grande pubblico, troppo specializzato, non si impara a scrivere, ma a indagare sul passato, e questo genera molti difetti che sorgono quando si mette per iscritto quel lavoro.

Molta influenza viene esercitata su aspetti che non esistono nel romanzo, come l'apparato critico, la bibliografia, ecc., Ma nessuno ci insegna a scrivere in modo agile e semplice, a creare personaggi, suspense o addirittura a creare un trama. che non è necessario. Così Penso che scrivere un romanzo, almeno un buon romanzo, sia molto più difficile che scrivere un saggioe richiede apprendimento, preparazione e altre conoscenze che spero di acquisire nel tempo. Pochissimi storici scrivono romanzi e nel nostro caso suppongo che se ci proviamo ci si aspetta qualcosa di più da noi. È un enorme responsabilità e per questo ritengo che sia necessario farlo bene.

Per questo mi sto preparando, e sono già partita con un'idea che maceravo da molto tempo, ma è ancora presto. Voglio offrire una storia non solo ben scritta, ma documentata, in modo che non sia necessario inventare quello che sappiamo è accaduto, ma solo colmare quelle "lacune" che sempre esistono nella storia. Molti personaggi ci hanno regalato storie davvero straordinarie che quasi nessuno conosce, ma ci mancano molte informazioni su di loro. È possibile ricostruirlo per offrirlo al pubblico senza la necessità di inventare storie di fantasia, anche se altrettanto necessarie. Immagino che come storico sia una tendenza naturale, ma penso che sia un altro modo di presentare la storia in modo veritiero e attraente per il grande pubblico.

  • AL: Come lettore, ti ricordi quel libro che hai letto un giorno e che ti ha segnato particolarmente?

ASS: Lo ricordo benissimo, e proprio ha molto a che fare con quello che stavamo dicendo, e forse è per questo che mi considero un fan incondizionato del suo autore. Si tratta di un romanzo storico dedicato alle mitiche Amazzoni di Steven Pressfield (Le ultime Amazzoni, 2003). Il suo modo di trattare la storia, anche la mitologia come è in questo caso, mi ha influenzato così tanto che ho iniziato a studiare la storia, anche l'argomento della mia tesi di dottorato riguarda le Amazzoni, ma non solo per quello, ma principalmente per la mia profonda ammirazione per il genere femminile. Il suo coraggio, tenacia, coraggio e grandezza hanno sempre relegato dalle origini della Storia.

Per questo ho voluto contribuire con il mio granello di sabbia, proprio per curare l'immagine reale di figure mitiche la cui memoria è stata così distorta nell'immaginario collettivo ma la cui forza l'ha tenuta viva per millenni da quando hanno avuto origine le loro storie. Anzi, proprio per quello che abbiamo accennato prima, anche dal mondo accademico a volte Questioni come questa sono state utilizzate in modo partigiano a causa dell'aumento degli studi di genere, arrivando persino a offrire saggi apparentemente accademici ma che contengono dati manipolati per trasformarli in personaggi reali quando non lo sono mai stati.

È una delle crociate che credo dobbiamo intraprendere come storici, anche a volte di fronte ai nostri stessi colleghi quando i loro interessi particolari influenzano la verità sulla Storia con le lettere maiuscole. E questo è importante perché credo che nel grande pubblico si generi un'immagine falsa che dobbiamo contribuire al cambiamento.

Molti altri lavori mi hanno particolarmente segnato, compreso il resto di quelli scritti da Pressfield, o Posteguillo, che credo proprio ci sono riusciti perché non hanno dovuto inventare altro che i dettagli che le fonti originali non ci hanno lasciato o si sono perse su storie vere, che da sole sono già più che frenetiche.

Il problema per gli storici è che conosciamo molto bene l'importanza di documentarci adeguatamente per affrontare qualsiasi argomento, e per questo motivo non ho avuto tempo per anni di dedicare solo un minuto alla lettura per il semplice piacere di farlo. Ho letteralmente centinaia di libri in attesa di un'opportunità, che spero di offrirti presto.

  • AL: Un importante saggista? E un autore letterario? Puoi sceglierne più di uno e di tutte le epoche. 

CULO: Tucidide è diventato di per sé il padre del discorso storico più rigoroso, soprattutto in un momento in cui la tradizione prevalente era ancora l'epopea o, comunque, le storie molto meno veritiere e critiche. Era un ateniese, e non uno qualunque, ma non gli importava di riconoscere gli errori del suo popolo nell'iniziare guerre inutili o nel commettere atrocità senza giustificazione.

Forse per la mia specializzazione in storia antica non posso non citare l'altro padre del genere ormai più letterario, il suo Homer, che ha gettato le basi della storia mitica romanzata quasi tre millenni fa. Da loro ci sono state molte figure straordinarie che hanno sviluppato entrambi i generi al sublime come Shakespeare, Dante, Cervantes, Poe, Tolstoj... e altri per i quali provo un'ammirazione speciale come la sua Verne.

  • AL: Quale personaggio storico ti sarebbe piaciuto incontrare? 

ASS: Domanda difficile. Molto difficile, perché ce ne sono tanti. Potrei nominare l'eroe spartano Leonidas, al mitico Alexander o lo straordinario Annibale Barca, Cesare, Cleopatra, Akhenaton, Maometto o la regina Boudica. Anche altre volte quando Cid oa Colombo, anche più recentemente a Gandhi.

Vorrei aver incontrato il AmazonSe fossero stati reali Tuttavia, se potessi sceglierne solo uno, penso che lo sarebbe Gesù di nazareth, soprattutto per tutto ciò che ha significato non solo ai suoi tempi, ma nella Storia dell'Umanità, conoscere la persona oltre il mito, come storico. In realtà, è un personaggio trascendentale che è sempre rimasto un po 'in disparte per gli storici a causa di tutte le favole che sono state scritte in seguito sulla sua vita, ma è stato senza dubbio una delle più grandi figure della storia con tutto ciò che ciò implica.

  • AL: Qualche mania o abitudine speciale quando si tratta di scrivere o leggere? 

CULO: Non proprio. Gli argomenti da scrivere nascono spontanei e la storia è già lì, in attesa che qualcuno la trasferisca alle persone nel migliore dei modi. Suppongo che con i romanzi sia diverso, poiché richiedono molta più preparazione, elaborazione e lavoro, quindi è normale che gli autori sperimentino questo tipo di usanze, poiché richiedono l'aiuto delle muse e l'ispirazione che a volte si ottiene solo in circostanze molto specifiche. Fino ad ora Ho solo bisogno di libri e di un posto tranquillo scrivere, ma quando arriva il momento di fare il salto, chi lo sa?

  • AL: E il tuo luogo e momento preferito per farlo? 

ASS: Penso che la parte più importante dello scrivere un saggio sia il enormi ricerche precedenti che è necessario affrontare per parlare di un argomento con cognizione di causa. In effetti, penso che sia necessario dedicare più tempo a questo che alla stesura finale del testo che si intende offrire. Altrimenti, possiamo pubblicare un lavoro incompleto e impreciso che chiunque abbia una certa conoscenza potrebbe confutare con sicurezza, ed è necessario cercare di evitare quella situazione.

Ecco perché di solito visito molte biblioteche, fondazioni, eccetera. dove tengono quelle fonti a cui non è possibile accedere da casa, e molte volte Scrivo direttamente lì. Oltre a ciò ho la fortuna di avere un piccolo ufficio a casa, anche se amo scrivere all'apertoe ogni volta che il tempo lo permette, cerco posti tranquilli per godermi la natura mentre lavoro.

  • AL: Ci sono altri generi che ti piacciono? 

ASS: Amo il saggio per quello che significa, per offrire la verità sulla storia, e Adoro il romanzo perché ci aiuta a fuggire dalla realtà, a volte così rozzo, per trasportarci in un mondo diverso in un modo molto più vicino. Ma succede la stessa cosa con poesia, che amo, anche nelle sue forme apparentemente più semplici, come la poesia Haiku, anche se in realtà non lo sono. Tutti i generi hanno il loro scopo e tutti sono importanti.

  • AL: Cosa stai leggendo adesso? E la scrittura?

ASS: Beh, se devo essere sincero, la pandemia ha cambiato un po 'le nostre vite e durante i mesi di reclusione ho avuto molto tempo da dedicare alla ricerca e alla scrittura, più di quanto faccio di solito, quindi Ho iniziato diverse prove Spero vedano la luce in breve tempo.

Quest'anno ho appena pubblicato la biografia di Flavio Belisario, ma lo sono anche io ristampando alcuni dei miei primi saggi poiché sono stati pubblicati solo in versione cartacea e in Spagna, ma molti amici di altri paesi non hanno potuto accedervi, quindi mi sono dedicato ad aggiornarli per riproporli in versione elettronica, comprese più immagini, mappe e illustrazioni, più contenuti aggiuntivi. Quest'anno ci sarà anche un saggio dedicato alla regina degli Eceni, la mitica Boudica, la prima donna ad affrontare i romani come leader sul campo di battaglia per liberare la Gran Bretagna dalla conquista romana.

L'anno prossimo il seconda parte della storia completa che ho dedicato alla Storia di Cartagine, dalla sua fondazione alla distruzione della città dopo la terza guerra punica, e altri prova dedito interamente agli eventi paranormali nei tempi antichi, dai racconti offerti dalle fonti classiche. Non mi riferisco solo a storie di mostri mitici o città perdute come la famosa Atlantide, ma anche a storie di spettri, demoni, rinato, lupi mannari, case infestate, possedimenti ed esorcismi, incantesimi e stregoneria, strani eventi, ecc. nell'antica Grecia, a Roma e in Mesopotamia. Un intero compendio sull'inspiegabile nell'antichità.

E infine, il saggio su Boudica sarà il primo di tanti che ho deciso di dedicare alle grandi donne del passato, quindi uscirà un altro dedicato alla regina Zenobia, al mitico leader berbero che affrontò l'avanzata dell'Islam nel Maghreb, noto come Kahina. E un altro dedicato alle donne onna-bugeishas e kunoichis, samurai e shinobi nella storia del Giappone., che c'erano e hanno compiuto imprese straordinarie. In questo modo spero di poter contribuire con il mio granello di sabbia alla conoscenza e al valore della storia femminile.

  • AL: Come pensi che sia la scena editoriale per un genere speciale come i saggi?

ASS: L'immagine è Molto scuro, anche se in un certo senso è sempre stato. Siamo in una situazione ancora più difficile del solito, il che è molto. Nel caso dei saggi peggio, dal momento che i lettori abituali tendono a cercare soprattutto storie che li aiutino a divertirsi e fuggire dalla vita di tutti i giorni, soprattutto attraverso i romanzi. Le prove sono ridotte a un pubblico molto concreto, particolarmente interessato all'argomento di ogni opera, quindi l'impatto di questi lavori è minimo.

Cosa c'è di più, in Spagna la maggior parte dei saggi storici tratta gli stessi temi già più che conosciuti, dedicati a momenti specifici come le Guerre Mediche o personaggi importanti come Cleopatra perché sperano che avranno maggiore accoglienza, sebbene su di essi siano già state scritte centinaia di opere a cui la notizia può dare poco o nulla, mentre nessuno scrive su argomenti meno noti.

Proprio per questo e alla fine abbiamo finito per tradurre opere di autori stranieri riconosciuti sperando che il suo prestigio aiuti a rendere popolare l'opera, piuttosto che dare l'opportunità a straordinari autori propri probabilmente non avranno mai la possibilità di pubblicare. È un peccato, davvero, e non sembra che la situazione migliorerà.

Ecco perché mi piace fidarmi di editori come HRM Ediciones o La Esfera de los Libros, che non hanno paura di fare quel passo e conoscono bene la scena della ricerca in Spagna per intraprendere questi lavori senza ricorrere alle traduzioni. E per questo non ho smesso di collaborare con loro.

In generale, però, il mondo dell'editoria è sempre stato concentrato sulle figure più rinomate la possibilità del desktop publishing ha generato maggiori opportunità per molti autori principianti. Tuttavia, la crisi di qualche anno fa, l'attuale pandemia e le tendenze della società in termini di lettura rendono molto difficile la sopravvivenza degli editori più modesti o della maggior parte degli autori, che in nessun caso possono vivere delle proprie opere.

La maggior parte di noi scrive per il puro piacere di farlo e, soprattutto, per condividere o insegnare, ma solo pochi possono permettersi di dedicarsi esclusivamente ad esso e guadagnarsi da vivere di libri. Il fatto che Belén Esteban abbia venduto più libri di un premio Nobel come Vargas Llosa la dice lunga su queste tendenze, e molte persone preferiscono optare per contenuti leggeri di facile e veloce accesso più che imbarcarsi in ore e ore in un libro.

La promozione della cultura è un argomento in sospeso, e soprattutto la valorizzazione delle discipline umanistiche, sempre insultata anche tra i membri dei governi che, se dipendesse da loro, verrebbe soppressa. Nonostante tutto voglio essere ottimista, e di fronte alle difficoltà c'è sempre l'illusione di tanti autori che non smettono mai di scrivere senza aspettarsi nulla in cambio. 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.