Sir Horace Walpole, Shadowforger

horace_walpole.jpg

Oggi ricorre il 290 ° anniversario della nascita di Horace Walpole, il brillante aristocratico che con Castello di Otranto (1764) ha iniziato il romanzo gotico.

L'autore stesso chiarisce come sia nato questo romanzo fondante: “Una mattina, all'inizio di giugno scorso, mi sono svegliato da un sogno di cui tutto quello che posso ricordare è che mi trovavo in un vecchio castello (…) e che, sulla balaustra superiore di una grande scalinata, ho visto una gigantesca mano guantata di ferro. Nel pomeriggio mi sono seduto e ho iniziato a scrivere, non sapendo cosa volevo davvero raccontare. Il lavoro è cresciuto nelle mie mani ”.

A poco a poco sono emersi i personaggi (il tiranno Manfredo, l'affascinante Isabel, il giovane Teodoro…) e la trama traboccante di colpi di scena, di maledizioni, identità rivelate dalla sorpresa e apparizioni spettrali. Il tutto ambientato in uno spazio minaccioso: quel castello medievale del sogno di Walpole, una scena presente per gran parte del romanzo.

Potresti dire che Castello di Otranto è come una macchina di tortura medievale piena di pulegge arrugginite, ingranaggi e punte. Sebbene non funzioni e percepiamo che appartiene a un'altra epoca, la sua visione ci provoca una certa preoccupazione. Così il romanzo, pur con i suoi difetti e debolezze, riesce a volte a generare un'atmosfera inquietante ineludibile.

E nonostante quello che ci si potrebbe aspettare, leggerlo fornisce intrattenimento. Forse grazie ai colpi di scena esagerati nella trama e ad un umorismo che a volte gli conferisce un carattere che rasenta l'autoparodismo. Un'auto-parodia, sicuramente che volontaria, perché Walpole era consapevole sia dei limiti che delle potenzialità del suo lavoro. Così dichiara nel prologo della seconda edizione: “Ma [l'autore] se il nuovo percorso intrapreso apre possibilità per uomini di maggior talento, confesserà con piacere e modestia che era consapevole che l'idea poteva ricevere meglio ornamenti rispetto a chi ha offerto la propria immaginazione o il proprio trattamento delle passioni ”.

Tuttavia, il merito di Walpole è eccezionale. Più che grande, enorme. Primo per aver piantato questo seme che poi avrebbe dato i suoi frutti come Il monacodi MG Lewis. In secondo luogo, perché la creazione di Castello di Otranto costituisce un atto di eroica ribellione davanti al panorama letterario e intellettuale del Settecento, dominato dal razionalismo e dal neoclassicismo, che avevano messo all'angolo l'immaginazione e inseguito il gusto del soprannaturale nell'arte.

È il tempo dei precettori come Samuel Johnson, che nel 1750 scrive che l'opera del romanzo consiste nel “provocare eventi naturali in modo fattibile, e mantenere la curiosità senza l'ausilio dello stupore: è quindi escluso dai meccanismi e dalle risorse del romanzo eroico; e non può impiegare giganti per strappare una dama ai riti nuziali, né cavalieri per riportarla indietro: né può disorientare i suoi personaggi nei deserti o ospitarli in castelli immaginari ”.

Giganti, donne rapite, eroici cavalieri, castelli immaginari ... solo gli elementi che Walpole userà in Castello di Otranto. Oltre a spettri, misteri e maledizioni, ovviamente.

Per facilitare l'accettazione del suo romanzo, Walpole usò il sotterfugio di pubblicarlo sotto falso nome, come se fosse la traduzione di una copia italiana del XVI secolo trovata in una vecchia biblioteca. L'inganno fu efficace, il romanzo divenne un successo di pubblico e la seconda edizione apparve già con la sua firma.

fragola-collina.jpgOrmai è chiaro che Horace Walpole era un personaggio tanto intelligente quanto eccentrico. Figlio di Sir Robert Walpole, primo ministro inglese tra il 1721 e il 1742, conte di Orford, dopo aver viaggiato per l'Europa si impadronì di un incarico parlamentare e condusse una vita sempre conforme a ciò che riteneva opportuno. Dal 1750 visse a Strawberry Hill, una villa che ristrutturò in una fantasia gotica su misura per i suoi gusti.

A parte Castello di Otranto, ha scritto centinaia di pagine tra lettere, memorie, critica, storia e studi d'arte, inclusa una tragedia sull'incesto, La misteriosa madree una serie di racconti intitolati Racconti geroglifici. Non esiste una traduzione spagnola dell'opera, ma c'è dal libro di fiabe, e per mano di Luís Alberto de Cuenca.

Walpole ha scritto queste storie con una tecnica vicina alla scrittura automatica, lasciando libera l'immaginazione, senza che la ragione intervenga oltre l'intenzione iniziale di ambientare l'azione in Oriente. Il risultato sono storie veloci, originali, con un'abbondanza di elementi assurdi che a volte portano al macabro, come in alcuni disegni di Edward Gorey. Per Luís Alberto de Cuenca, costituiscono un antecedente del surrealismo francese, e sembrerebbe che, come il Alicia di Lewis Carroll, rende omaggio "all'immaginazione turbolenta e anarchica dell'infanzia".

Nella sua edizione del Racconti geroglificiA proposito, è inclusa un'appendice di 30 pagine sull'essenziale romanzo gotico inglese per coloro che sono interessati al genere e ai fan del fantasy e della letteratura terrificante in generale.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.