Intervista a Rosa Valle, Dalla Lubina Josefina a protagonista nella Settimana Nera di Gijón.

Rosa Valle: autrice di Sonarás Bajo las Aguas.

Rosa Valle: autrice di Sonarás Bajo las Aguas.

Abbiamo il privilegio e il piacere di avere oggi sul nostro blog con Valle delle rose (Gijon, 1974): scrittore, giornalista, documentalista software, collaboratore in vari media, blogger e terapista letterario.

Autore di Suonerai sotto le acque, un romanzo di intrighi con protagonista l'ispettore di polizia Petunia prato della foresta, situato sulle rive del Mar Cantabrico, a Gijón, Villaviciosa, e con incursioni a Bilbao e Saragozza. 

Novità di letteratura: sono certo che ciò che più cattura l'attenzione dei lettori è che Rosa Valle scrive con la stessa abilità le storie di Lubina Josefina e El Salmonete Josete, di un brillante romanzo nero come Suonerai sotto le acque. Hai persino osato con una storia erotica. Scrittore multi-genere?

Valle delle Rose: Ho anche scritto poesie, ma non ho ancora pubblicato nessun verso, oltre a mostrare la mia zampa sui social e sul mio blog. Qualcuno che scrive comunica…. o dovrebbe. Quando comunichi, adatti il ​​messaggio al canale, al destinatario, al contesto. Se gestisci lo strumento con una certa abilità, non importa se scrivi un manuale utente, una notizia, un rapporto, una storia, un romanzo, un racconto o un proclama. Alla fine, stai raccontando storie per un pubblico. Questa è la definizione che più mi è piaciuta di "Giornalismo" tra le tante che ho imparato alla Facoltà di Scienze dell'Informazione ed è quella che mi piace di più anche come scrittrice di narrativa. Sono una persona che racconta storie, che scrive e mi tenta a provare di tutto. Mi piace raccontare storie.

AL: Suonerai sotto le acque Inizia con il ritrovamento del cadavere di una ragazza al Conservatorio di Gijón. Omicidio, intrighi familiari e anche lì posso leggere. Il genere nero sta vivendo la sua fase più dolce dall'inizio del secolo scorso quasi come un sottogenere. Oggi i romanzi di intrighi non sono più considerati solo una storia divertente, ma un veicolo di analisi sociale e umana.

Cosa vuoi dire ai tuoi lettori con il tuo romanzo e con un omicidio come mezzo per attirare la loro attenzione?

RV: Mi iscrivo alla tua rubrica. Come lettore, mi piacciono i romanzi gialli che hanno inchiostri di altri colori, non solo il nero. La parte umana e sociale, come lei afferma, mi interessa molto, quanto o più del complotto puramente poliziesco. Ecco perché il mio nero è così. Notiamo che è la tendenza attuale e in crescita nel genere. Se guardiamo a Dolores Redondo, Lorenzo Silva o Eva García Saénz de Urturi, per citare alcuni autori spagnoli, troviamo questo fenomeno. Si scrive quello che le piace leggere: è il mio caso. La psicologia dei personaggi, i loro gusti, i loro hobby ci permettono di vestire la trama della polizia con amore, valori, frustrazioni, contribuire con altri temi ... E così, in Sonarás bajo las aguas, insieme a morte e investigazione, musica, Acqua ...

Mi interessa la brutalità mentale e fisica del comportamento umano, il lato oscuro delle persone e la caccia dall'altra parte, il lavoro di polizia. Fin da bambino sono sempre stato attratto dalle serie poliziesche. Più tardi sono arrivato al romanzo poliziesco. Tuttavia, è curioso, come giornalista non mi piaceva coprire gli eventi. Una cosa è rendere credibile una finzione del crimine e un'altra è approfondire le ferite delle vere vittime e il loro ambiente.

AL: Inizi la tua avventura nel romanzo poliziesco per mano del tuo protagonista, un ispettore di polizia della stazione di polizia di Gijón, Petunia Prado del Bosque (Tunia), Suonerai sotto le acque. Lunga vita all'ispettore Tunia? Stiamo aspettando un nuovo caso?

RV: Se solo. Se Zeus mi dà il momento, non riesco a trovarlo. In effetti, ho iniziato a pensare a un'altra storia per Tunia. Lo schema resta da fare, ma ho un'idea globale. Già i primi lettori dell'ispettore vedevano nel personaggio il protagonista di una saga poliziesca. Immagino che quando ho creato Tunia stavo già pensando a una serie o, almeno, volevo lasciare quella porta aperta. Ecco perché ho cercato di fare di Petunia Prado del Bosque un personaggio solido e attraente, di presentarsi ai lettori in quello che è il suo primo incontro con loro. E accanto a lei, il vice ispettore Max Muller e il resto del gruppo Omicidi. La vittima e il suo ambiente sono spariti per sempre. Questo è il suo primo e ultimo incontro con il pubblico, ma Tunia e la sua gente rimangono. Vengo per dirlo o può essere interpretato.

AL: La tua protagonista è una blogger come te, con il suo blog Pataleta y Bizarría, una lavoratrice instancabile, indipendente e con un lato grigio che la rende, se possibile, più umana. Cosa dà Rosa a Tunia e Tunia a Rosa?

RV: Tunia è un'invenzione. È più incisivo e attraente di me: deve averlo. Inoltre è una poliziotta; deve essere una ragazza dura. Al di fuori del lavoro, in cui è cacciatore, cacciatore, come ogni bravo poliziotto, essendo una donna in mezzo alla strada. Una donna ricca di fronte, che per la sua età ed esperienza ha già ricevuto alcuni colpi che la vita adulta le dà e, quindi, sente e conosce alcune certezze di quello che è vivere. Certezze blu scuro. Tunia ha i miei gusti, i miei hobby, beve la mia birra e si sente come me al computer o ci mettiamo i pantaloni allo stesso modo. Siamo due donne diverse, ma con un innegabile legame, lo ammetto. Chi mi conosce e l'ha letto ci trova qualcosa di me. Non era mia intenzione. Immagino che, mettendomi nei suoi panni, ho lasciato una parte dei miei in lei. Se tocchi il baule, scrivi un blog e senti quel legame speciale con l'acqua, con il mare e i fiumi, è perché pensavo che, quando non descrivevo la trama del caso della polizia, volevo affrontare qualcosa che Mi piaceva: la natura, la spiaggia, le motociclette… È chiaro che la Tunisia non poteva essere attratta dal calcio, per esempio.

Suonerai sotto le acque: intrighi sulle rive del Mar Cantabrico.

Suonerai sotto le acque: intrighi sulle rive del Mar Cantabrico.

AL: Nonostante viviamo in uno dei paesi con il più basso tasso di omicidi al mondo, e che sulla costa cantabrica sia addirittura inferiore alla media nazionale, cosa ha il nord che ispira romanzi di intrighi così grandi?

RV:Uff, il nord! Il nostro nord, il Cantabrico. Qui un autore in nero ha tutto ciò di cui ha bisogno senza dover cercare muse all'estero. Impressionante scenario naturale e artificiale allo stesso tempo. Le persone, l'ambiente, i valori e anche i difetti ... A chi non piacciono le Asturie? Chi non piace agli asturiani? Non penso di essere una donna grande o cieca se rispondo che "nessuno". La mia esperienza è che questa regione è amata in tutta la Spagna, perché conquista. Le Asturie hanno solo amici. Avrei potuto portare la Tunia in un altro commissariato nazionale, ma il personaggio della città che cercavo per lei lo avevo a casa. E, se il mio ispettore raggiungerà fama transregionale, allora, da umile scrittore, sarò felice di aver contribuito a diffondere la mia terra e la sua ricchezza attraverso la letteratura. È vero che è una tendenza tra i nuovi autori del genere quella di localizzare le trame in piccoli comuni, fino ad ora poco battuti da lettere oscure. Tuttavia, non volevo rinunciare ad andare anche in una grande città. Ho scartato Madrid o Barcellona, ​​che sono state utilizzate con tanto successo dai grandi del genere come Vazquéz Montalbán o Juan Madrid, e ho pensato a Saragozza, il cui spirito e le cui caratteristiche si combinavano molto bene con ciò di cui avevo bisogno. Ecco perché la storia si svolge tra le Asturie e Saragozza, con tappa a Bilbao 😉

AL: Itinerari letterari nelle ambientazioni del tuo romanzo, Gijón e le città circostanti. Com'è stata l'esperienza di poter raccontare dal vivo ai tuoi lettori i luoghi che ti hanno ispirato? Ripetere? Avremo un'altra opportunità per accompagnarti?

RV: Bene, un'esperienza estremamente positiva, oltre al fatto che mi ha fatto un'enorme illusione che la Fondazione Municipale di Cultura di Gijón e la sua rete di biblioteche pubbliche abbiano selezionato il mio lavoro per articolare un percorso letterario di Sonarás sotto le acque nella nostra città . Per un nuovo autore è una grande ricompensa emotiva. Il Comune ha ridefinito questi percorsi letterari e, oltre a realizzarli fisicamente su base itinerante, in concomitanza con la Fiera del Libro di Xixón, ad esempio, li ha inseriti in rete in modo permanente tra le risorse culturali della città. Che Tunia abbia un buco lì e che i lettori la scelgano è un onore. Orgoglioso e riconoscente, senza dubbio.

AL: Ospite alla Settimana Nera di Gijón, uno degli eventi più importanti del genere dove sarai seduto con i più grandi e consolidati del genere. Come ti senti? Cosa significa questo riconoscimento per Rosa Valle e Tunia Prado del Bosque?

RV: Da quando ho intrapreso questa avventura, mi sono detto che, nella Black Week, dovevo esserlo. Non ho tempo per tentare altre competizioni nazionali del genere, che iniziano ad essere una folla, ma questa ce l'ho in casa ed è la culla del resto. L'ho calpestato come giornalista e come lettore. Ora lo assaggerò come autore. Un altro onore che aggiungo. Molto grato all'Organizzazione per aver aperto le porte al concorso insieme ad altri autori locali. Un paio di anni fa ricordo di esserci andato per incontrare e ascoltare Dolores Redondo, di cui sono una fan. Mentre mi avvicinavo al suo ultimo libro da farle firmare, ho commentato che stavo anche scrivendo un romanzo poliziesco e lei lo ha riflesso nella sua dedica. Sono uscito da lì con le ali. Come un adolescente con la firma del cantante alla moda. Fuori di testa.

AL: Sul tuo blog fai Terapia Letteraria, parli di tutto quello che vuoi, di letteratura, di riflessioni personali sugli argomenti più svariati o anche di assorbenti interni, perché no? Raccontaci un po 'di più. Cosa ottieni e cosa ottieni con questa terapia letteraria?

RV: I miei post sono certezze; lampi, a volte, e riflessioni più profonde, altre. A volte hanno a che fare con i miei hobby, come musica, letteratura e viaggi, ea volte no. Altri sono articoli che nascono dall'esperienza vissuta in chiave trascendentale. Ho imparato molto tempo fa che il mondo non può essere aggiustato, ma ci piace continuare a risolverlo con le parole, giusto? C'è stato un tempo, in cui non scrivevo opere con l'intenzione di pubblicarle, in cui il blog era una vera terapia. Quando niente funziona, quando sei naufragato, scrivi. Quando sei euforico, scrivi. Ti sentirai meglio. My Letter Therapy è la Pataleta y Bizarría de Tunia. Ti ho prestato i miei biglietti. Perché dovrei scriverne di nuovi per il mio personaggio se avessi già riflettuto e scritto prima su ciò che volevo che lei dicesse. Scrivo molto nella mia mente e poi non ho tempo per metterlo su carta o sullo schermo. Nella mia testa, le relazioni tra realtà ed emozioni, tra valori e radici, tra frustrazioni e desideri prendono piede e si sviluppano. Cominciano a camminare da soli e la vita fisica a volte mi lascia tracciare una strada per loro ea volte no.

AL: Anche se sappiamo che sei un vero fan di Dolores Redondo, raccontaci un po 'di più di te come lettore: quali sono i libri nella tua libreria che rileggi ogni pochi anni e torni sempre a goderti come la prima volta? Oltre a Dolores Redondo, c'è un autore che ti appassiona, del tipo che compri gli unici che vengono pubblicati?

RV: Spero di non deludervi, ma… non ho mai riletto un libro! Inoltre non mi piace guardare un film due volte. Sono un lettore di autori. Quando ne scopro uno che mi piace, non lo lascio andare e vado avanti e indietro finché non lo esaurisco. Esempi? Andiamo con quello nero, dato che ci siamo dentro. Lorenzo Silva, Manuel Vázquez Montalbán, Rosa Ribas, Andrea Camilleri, Alicia Jiménez Bartett (per me, la signora nera spagnola)… Tra i nuovi scrittori seguirò le orme di Inés Plana, Ana Lena Rivera. Al di fuori del genere crime, mi piace molto il romanzo spagnolo contemporaneo, il tema della guerra civile spagnola e del dopoguerra ei suoi tentacoli estesi alla società odierna, al divario sociale vincitori-perdenti, ai suoi marchi. I grandi Delibes e la sua generazione di romanzi sociali e oggi Almudena Grandes, Clara Sánchez… Tanti e tanti. Più donne che uomini, comunque. Leggo a malapena lettere straniere. Dall'esterno, cerco pochissimi autori su consiglio di un amico prescrittore. Sono della generazione che ha letto i classici a scuola, dagli Amadís de Gaula e Don Chisciotte alle Catilinarie in latino. Se leggo, scrivo e sento nelle lettere è perché ho avuto favolosi insegnanti di lettere, anche in Facoltà.

AL: Momenti di cambiamento per le donne, finalmente il femminismo è una questione di maggioranza e non solo di pochi piccoli gruppi di donne stigmatizzate per questo. Qual è il tuo messaggio alla società sul ruolo delle donne e sul ruolo che svolgiamo in questo momento?

RV: Penso che abbiamo ancora molto da conquistare e parlo della Spagna, perché nei paesi senza democrazia è evidente che essere donna è una vergogna. Mi infastidisce quando, in occasione di certe date, come la festa della donna, le donne lanciano pietre contro il femminismo nei loro discorsi in rete. Quelle donne felici del loro minuscolo posto nel loro minuscolo mondo di comodità. No signore; no signora. Non abbiamo ancora raggiunto l'uguaglianza, cioè non ci sono abbastanza donne che alzano la voce contro il machismo, che esiste principalmente in forme brutali ed è quotidianamente in forme più addolcite. Non amo il radicalismo, dal lato o dal bastone da cui provengono. Nemmeno il femminismo radicale, quindi, quel femminismo aggressivo e volgare che calpesta. Ma ogni donna è una femminista, dovrebbe esserlo, anche se non lo sa o addirittura lo nega. Sono convinto che essere un uomo sia più facile. Se fossi nato di nuovo, vorrei essere un contadino, dico sempre. E lo dico sul serio. Le donne devono lavorare e lottare di più, con la vita, con i pesi, con le emozioni; contro il pregiudizio, contro l'ineguaglianza, persino contro il tempo.

AL: Nonostante l'immagine tradizionale dello scrittore introverso, rinchiuso e senza esposizione sociale, c'è una nuova generazione di scrittori che twittano ogni giorno e caricano foto su Instagram, per i quali i social network sono la loro finestra di comunicazione sul mondo. Com'è il tuo rapporto con i social network? Cosa pesa di più su Rosa Valle, il suo aspetto di comunicatore o di scrittrice gelosa della sua privacy?

RV: Penso che, se hai un'attività pubblica, devi essere in rete sì o sì, perché su Internet devi essere sì o sì. Questa società è digitale. Un'altra cosa è che come persona, come Rosa o Ana Lena, decidi di farlo o meno. "Se quello che stai per dire non è più bello del silenzio, non dirlo." Ebbene, lo stesso con i social network. Ci sono messaggi, grafici e scritte, interessanti, personali o meno, e altri che non interessano nessuno, nemmeno i super amici. Uso Facebook come rete personale e Twitter e Instagram solo per la mia attività letteraria, ma non li sposto abbastanza. So come farlo, per via della mia professione, ma ... non arrivo a tutto. Non posso e non ho la dimensione per avere un community manager. Un amico giornalista mi ha lanciato un cavo, per un po ', ma ora torno a questo da solo e ... buff. Per gestire bene le tue reti, devi passare molto tempo a pulire, cercare i prescrittori, ringraziare, sentire ... Lo sai bene. Diciamo che sono in loro in modo testimoniale. Non sono né grandi né cattivi. Tutto dipende dall'uso che ne fai. La comunicazione interpersonale ha vinto e perso con loro.

AL: Pirateria letteraria: una piattaforma per i nuovi scrittori per farsi conoscere o danni irreparabili alla produzione letteraria?

RV: Hmm. È difficile rispondere, perché, come consumatori del prodotto, tutti noi piratiamo o lo abbiamo fatto a un certo punto, trascinati dalla corrente di massa. L'hacking è sempre un male, ovviamente. Un'altra cosa è condividere gli scarti, aprire la bocca ...

AL: Carta o formato digitale?

RV: Carta per sempre e per sempre. Toccarlo, annusarlo, sottolinearlo, prendersene cura, macchiarlo. Nel digitale tutto è più freddo: o no? Ora che il formato digitale ha la sua utilità, nessuno lo nega. Utile, ma senza fascino. E la letteratura, come hobby e devozione, ha molta liturgia. Messa, dalla panchina.

AL: Infine, ti chiedo di dare ai lettori qualcosa di più su di te: quali cose sono successe nella tua vita e quali cose vuoi che accadano d'ora in poi?

RV: Mi considero una persona fortunata nella mia vita personale e professionale, ma sono anche un grande anticonformista e questo è un tiro d'acciaio. Guardi da parte e c'è sempre qualcuno migliore di te; guardi l'altro e c'è sempre qualcuno che sta peggio. Tendiamo a guardare a ciò che ci manca ed è un errore che fanno i non conformisti. Ciò non significa che non sappiamo come valutare ciò che abbiamo. Nella mia vita personale sono accaduti eventi molto importanti per i quali ringrazio Dio. Quindi nella mia vita professionale non mi lamento. Ho potuto studiare quello che volevo, vivere un fantastico stage universitario a tutti i livelli, continuare la formazione, successivamente, su altri fronti e lavorare nella mia professione. Vorrei continuare a lavorare come giornalista di attualità, ma purtroppo le società giornalistiche stanno andando in discesa e senza freni. Le condizioni di lavoro sono molto precarie e le opportunità per i professionisti affermati, pochissime. Darei per un'altra intervista per prendere il polso della professione giornalistica oggi. Tuttavia, mi piace il mio attuale lavoro e sono grato per l'opportunità che la documentazione mi ha dato. Continuo a raccontare storie, a trattare le informazioni, a masticarle e ad adattarle. In sostanza, lo stesso tronco del giornalismo.

Viaggiare in lungo e in largo è un'altra opportunità che vorrei che il futuro mi riservasse. Quei grandi viaggi che abbiamo nel nostro vagabondaggio devono. Questa vita ne chiede un'altra, Ana Lena.

Grazie, Valle delle rose, ti auguro di continuare a raccogliere successi in ogni sfida che intraprendi e così via Suonerai sotto le acque sii il primo di una grande serie di magnifici romanzi che ci fanno godere i tuoi lettori.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.