Intervista a Enrique Laso, romanziere protagonista del 2016

Enrico Laso

Actualidad Literatura ha avuto modo di intervistare Enrique Laso. Quest'uomo di Badajoz si è stabilito a Madrid, amante della lettura, del cinema e soprattutto del corsa È uno dei romanzieri spagnoli di maggior successo di questo 2016.

L'autore della Saga di Ethan Bush e Padre Salas ci offre la possibilità di sapere come è stato il suo viaggio e cosa gli riserva il prossimo 2017.  

Notizie dalla letteratura: Raccontaci un po 'di Enrique ... Quando è apparso il bug che ti ha trasformato nello scrittore che sei ora?

Enrico Laso: Ho iniziato da bambino. All'età di otto anni aveva già finito un romanzo breve. Devo la mia passione in gran parte a mio nonno, che mi ha lasciato la sua immensa biblioteca e mi ha incoraggiato a scrivere storie.

AL: È un grande vantaggio. Con una biblioteca a tua disposizione, devi avere una predilezione. Quali libri diresti ti hanno lasciato più impressione?

IL: Un sacco di. Senza dubbio The Magic Mountain, The Plague, The Player, Bella del Señor o El Túnel mi hanno segnato molto, ma l'elenco è molto lungo.

AL: E i tuoi autori preferiti?

IL: Thomas Mann e Dostoevsky. Mi sono innamorato da adolescente ed è difficile scappare da lì.

AL: Ci hai detto che all'età di otto anni avevi già finito il tuo primo romanzo breve. Ricordi qual era la tua prima storia?

IL: La mia prima storia no, perché avrebbe 6 anni. Ma il mio primo romanzo breve, che ho menzionato prima, sì. Si chiamava ROCK, e parlava di un ragazzo che si è trasformato in una roccia perché non era capito da nessuno.

AL: E da allora, com'è stato il tuo viaggio come scrittore?

IL: Ho vinto i primi premi a scuola. Più tardi nell'istituto ho continuato. Così fino a quando non ho ricevuto il Premio Nazionale per la Giovane Poesia nel 1994, cosa che mi ha incoraggiato molto. È stato un premio molto prestigioso e molto ben dotato finanziariamente.

AL: Ovviamente è un grande orgoglio per un giovane di quell'età. Ad oggi, quanti libri hai già pubblicato?

IL: Se conto i manuali e tutti gli pseudonimi, più di 150. Se parlo solo di romanzi e libri di poesia, più di 50.

AL: Con così tante pubblicazioni devi avere qualche trucco, cosa o chi ispiri quando scrivi?

IL: Nelle notizie o nelle cose che osservo e che accadono davanti ai miei occhi. Lo stivale è sempre qualcosa basato su un evento reale. Da lì parte la mia immaginazione. A volte anche da un sogno.

AL: Molti autori hanno i loro hobby quando si tratta di lavorare, hai dei rituali quando si tratta di scrivere?

IL: Un sacco di. È qualcosa di quasi patologico. Inizio sempre un nuovo quaderno per ogni romanzo, e non lo inizio finché non ho il titolo, la bozza, le schede dei personaggi, ecc… Mi piace programmare la mattina e scrivere il pomeriggio, soprattutto d'estate. Mai di notte, perché amo dormire (dormo 9-10 ore ogni giorno, contando i sonnellini). Potrei passare molto tempo a parlare delle mie stranezze, ma non voglio sembrare sbilanciato.

AL: Raccontaci un po 'dell'esperienza vissuta quando hai pubblicato il tuo primo lavoro.

IL: Ebbene, i primi sono usciti in antologie di poesie o racconti, grazie ai premi vinti. Mi ha creato una tremenda illusione. Quando mi sono lanciato nell'autopubblicazione ho pensato che fosse una via d'uscita, e da allora ho venduto più di 700.000 libri, il che non è poco. Ho anche pubblicato diversi romanzi su carta con editori tradizionali.

AL: Ma non solo gli editori sono interessati. Anche alcune società di produzione hanno bussato alla tua porta Quanti dei tuoi libri hanno in programma un adattamento cinematografico?

IL: Già adattato, in Spagna e con un budget limitato, è DALL'INFERNO. Altri due hanno i diritti venduti a un agente di Hollywood: THE RUMOR OF THE DEAD e THE BLUE CRIMES. Una società di produzione era interessata al primo, ma non abbiamo raggiunto un accordo perché volevano apportare molte modifiche al libro. Con la seconda trattiamo da più di un anno con un grande produttore. Queste canzoni vanno lente, specialmente quando qualcuno è maniaco come me. Anche una società di produzione spagnola è interessata a realizzare una serie con la saga di Ethan Bush.

AL: Lascia correre la tua immaginazione, chi vorresti interpretare il ruolo?

IL: Vorrei che fosse un grande attore, come ogni scrittore. Leonardo DiCaprio è il mio attore preferito oggi, quindi se potessi avere il lusso di scegliere chi vorrei che fosse Ethan Bush, sarebbe lui, anche se fisicamente sono molto diversi.

AL: Alcuni scrittori di solito collaborano con altri autori, hai collaborato con qualcuno o ti piacerebbe?

IL: Autori, senza nessuno. Ho collaborato con molti traduttori, perché i miei libri sono tradotti in molte lingue. E non vorrei collaborare con nessuno. Me l'hanno proposto e io non ho rifiutato, ma se non mi "tirano" non è qualcosa che mi emoziona particolarmente.

Poi ci sono i manuali, ma questo è un altro tipo di lavoro di squadra. Lì ho pubblicato molte guide scritte a quattro mani.

AL: Hai mai usato uno pseudonimo?

IL: Sì, certo, uso non meno di 13 pseudonimi. La maggior parte per i manuali, sebbene alcuni siano dedicati alla narrativa. L'unico che ho rilasciato (con la forza) è Henry Osal. Ne mancano altri 12 e spero che nessuno li incontri mai.

AL: Allora non insisteremo più. Il quinto libro della saga di Ethan Bush "Where Souls Rest?" È appena uscito. Com'è stato il ricevimento?

IL: Bene, è presto per fare valutazioni, perché è appena stato lanciato. Sì, c'è qualcosa di buono: i lettori mi chiedono già la sesta puntata.

AL: Tuo fan probabilmente apprezzeranno la risposta a questa domanda ... Quali progetti hai tra le mani?

IL: Ne ho diversi per il 2017, manuali a parte. Un'altra puntata di "El padre Salas", la sesta puntata di Ethan Bush - che uscirà in primavera e si intitolerà THE DARKEST SNOW - una raccolta di poesie intitolata EPITAFIO e un romanzo un po 'esistenziale: CATACLISMO.

AL: Il 2017 è un anno che promette bene… Ultima domanda, cosa consiglieresti a chi inizia a scrivere?

IL: Leggi molto e scrivi molto. Che non perde mai l'illusione e la fiducia nelle sue possibilità. Ho iniziato a vendere un po 'sul serio quando avevo 39 anni, e posso vivere di scrivere da quando ne avevo 41, cioè poco più di tre anni fa, quindi questa è una carriera a lunga distanza. Non sai mai quando i lettori ti daranno una grande gioia.

AL: Grazie mille Enrique per averci dedicato il tuo tempo.

IL: Grazie mille per questa bellissima intervista.

Da Actualidad Literatura, ti consigliamo vivamente di non lasciare che l'anno finisca senza aver letto nessuno dei suoi romanzi. Suspense assicurata.

Fotografia di Ediciones Proust


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.