5 autori per avvicinarsi alla letteratura africana

Nel XNUMX ° secolo, la letteratura è diventata un'arte più democratica, sebbene ci siano ancora molte battaglie da vincere e pregiudizi da superare. Una situazione che risponde a una corrente in cui, da secoli, il letteratura occidentale è stato imposto in tutto il mondo, compresi quei continenti in cui l'uomo bianco ha messo piede, condizionando l'arte di una regione o di una cultura senza permettere loro di esprimerla nel loro stato di grazia. Ngũgĩ wa Thiong'o, dal Kenya e eterno compagno di Murakami nella scelta del Nobel, è una delle migliori voci del continente su questo tema e una di queste 5 autori per avvicinarsi alla letteratura africana.

Chinua Achebe

Nacido en Ogidi, un popolo della Nigeria, come membro del gruppo etnico Igbo, probabilmente Achebe l'autore più universale del continente africano grazie a opere simili Tutto va in pezzi, pubblicato nel 1958. Un'opera che prende come ispirazione la stessa infanzia dell'autore, cresciuta in un ambiente che cominciava ad essere conquistato dall'evangelizzazione anglicana, per raccontarci la storia di un guerriero, Okonkwo, che assiste alla caduta del suo mondo dopo l'arrivo dell'uomo bianco. Uno dei migliori autori per iniziare nella letteratura africana, senza dubbio.

Chimamanda Ngozi Adichie

L'autore nigeriano Chimamanda Ngozi Adichie.

La scrittrice africana più influente di oggi (se entriamo nella TOP Amazon della letteratura panafricana, le sue prime quattro posizioni sono sue) è nata in Nigeria nel 1977 ed è cresciuta nella casa di Chinua Achebe fino a quando una borsa di studio la portò negli Stati Uniti , dove si sarebbe formato in letteratura africana e relazioni politiche. Anni dopo, il mondo avrebbe assistito al buon lavoro di Ngozi Adichie, un'autrice che, oltre ad esprimere la sua visione del continente africano in libri come Il fiore viola o Mezzo sole giallo È anche la voce più forte di un femminismo presente in opere come Americanah, il più noto o il set di storie Qualcosa intorno al tuo collo.

Ngũgĩ wa Thiong'o

Il diritto di scrivere nella tua lingua

Ngũgĩ wa Thiong'o, durante una delle sue lezioni.

Il mio preferito per vincere il Letteratura Nobel l'anno scorso (e l'anno prima, e l'altro) lo è Ngũgĩ wa Thiong'o, un autore keniota che è riuscito come pochi altri a cogliere la situazione in Africa in epoca post-coloniale. Decolonizza la mente, uno dei suoi pochi libri pubblicati in Spagna insieme a La strega corvo, è un saggio che affronta la presenza di un uomo bianco che ha costretto gli studenti universitari africani a disdegnare la propria letteratura e ad abbracciare Shakespeare, che ha definito incontri di letteratura africana emarginando coloro che si rifiutavano di abbandonare la loro lingua locale invece dell'inglese. Esempi ai quali va aggiunto il fatto che una semplice commedia in en Kikuyu, la lingua madre dell'autore, sarebbe una scusa sufficiente per mettere il suo autore dietro le sbarre. Era il 1978, l'anno in cui Thiong'o scrisse il suo primo lavoro Kikuyu su un rotolo di carta igienica.

Wole Soyinka

Trasformato in il primo africano a vincere il Premio Nobel per la letteratura Nel 1986, Soyinka è un'autrice nigeriana caratterizzata da una prosa che adatta i miti africani alle forme di narrazione occidentali, soprattutto dopo aver studiato per diversi anni nel Regno Unito. Il suo modo di mescolarsi con i bianchi all'epoca portò a molte critiche da parte dei circoli letterari africani ancora feriti dagli effetti del postcolianesimo fino a quando non tornò nel suo continente, fondendosi con le sue scene teatrali e letterarie. Aké: gli anni dell'infanzia, in cui racconta la sua vita dai 3 agli 11 anni, è forse la sua opera più conosciuta.

JMCoetzee

ⒸElUniversalMexico.

Il Sudafrica è il Paese che ha meglio definito i cambiamenti in Africa negli ultimi cinquant'anni, soprattutto con episodi sanguinosi come il apartheid abolito nel 1994. Coetzee, discendente dei colonizzatori danesi che arrivò in Sud Africa nel XVII secolo, ha incarnato la sua visione del razzismo nel paese dell'arcobaleno e dei suoi effetti nocivi sulla società in opere come Verano o il più popolare, Sfortuna. In 2002, Coetzee ha vinto il Premio Nobel per la letteratura, unendosi al già citato Soyinka, alla sua connazionale Nadine Gordimer e all'egiziano Naguib Mahfuz come i quattro autori africani finora riconosciuto dal comitato svedese.

Ti piace la letteratura africana?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Domenica vacanza suddetto

    Mettere JMCoetzee davanti a centinaia di altri scrittori africani con maggiore impatto mi sembra perverso. Il razzismo non è la storia africana, è la storia occidentale.

bool (vero)