3 libri da leggere quando ti senti solo

libri da leggere quando ti senti solo

En solitudine È come è meglio leggere ... O almeno, mi sembra. È come uno dei miei momenti di pace in cui tutto intorno a me è calmo e tranquillo. Tuttavia, non è di quella solitudine che veniamo a parlarvi oggi, ma della solitudine che pesa, fa male e che si fa sentire nell'anima come un immenso vuoto. Tutti, oserei dire, abbiamo sentito quella solitudine in alcune occasioni e, a seconda della persona, si trasporta in un modo o nell'altro. La lettura è per i miei gusti, uno dei modi migliori per prenderla per "andare avanti" e se leggiamo anche libri che servono a far fronte a quella solitudine, meglio che meglio.

Questa volta volevo portarti 3 libri da leggere quando ti senti solo o solo. Sono libri molto adatti per quando sentiamo quel triste vuoto e attestano che "nutrono" l'anima. Ci auguriamo che ti piacciano!

"Siddhartha" di Hermann Hesse

Ad oggi, rimane uno dei miei libri preferiti. La prima volta che l'ho letto è stato quando avevo 15 anni e da allora l'ho riletto circa altre due volte. È uno dei miei must have! Il mio voto: 5/5.

Sinossi

Questo romanzo, ambientato nell'India tradizionale, racconta la vita di Siddhartha, un uomo per il quale la via della verità passa attraverso la rinuncia e la comprensione dell'unità che sta alla base di tutto ciò che esiste. Nelle sue pagine, l'autore offre tutte le opzioni spirituali dell'uomo. Hermann Hesse si è tuffato nell'anima dell'Oriente per portare i suoi aspetti positivi nella nostra società. Siddhartha è l'opera più rappresentativa di questo processo e ha avuto una grande influenza sulla cultura occidentale nel XX secolo.

"The Power of Now" di Eckhart Tolle

All'inizio, non appena ho iniziato a leggerlo, quello che provavo per questo libro era amore-odio. Non ero attratto da nulla, tuttavia, qualcosa mi diceva che dovevo continuare a leggerlo perché alla fine mi sarebbe piaciuto. È andata così! È un libro che ti dà molta calma, molta calma e molta prospettiva sulle cose. Soprattutto, ti insegna ad apprezzare ciò che hai intorno ea non essere turbato, turbato o preoccupato per le cose che non puoi cambiare. Altamente raccomandato. Il mio voto: 4/5.

Sinossi

Per entrare in questo libro meraviglioso dovremo lasciarci alle spalle la nostra mente analitica e il suo falso sé, l'ego. Dalla prima pagina di questo straordinario libro saliamo più in alto e respiriamo un'aria più leggera. Ci connettiamo con l'essenza indistruttibile del nostro Essere: "l'una onnipresente, la Vita eterna, che è oltre lo sguardo delle forme di vita soggette a nascita e morte". Sebbene il viaggio sia impegnativo, Eckhart Tolle ci guida utilizzando un linguaggio semplice e un semplice formato domanda-risposta.

"Di cosa parliamo quando parliamo di amore" di Raymond Carver

Raymond Carver è un autore che mi ha portato momenti letterari sia buoni che "regolari". Regolare perché ci sono altri suoi libri che ho comprato molto emozionato e che tuttavia mi hanno deluso enormemente. È stato il caso di questo: «Di cosa parliamo quando parliamo di amore». Ma mi ha deluso alla prima lettura, non alla seconda. Sapeva benissimo che forse non era il momento migliore per leggerlo. Ho sempre pensato che il fatto che un libro ci piaccia o meno dipende non solo dall'autore, dal modo in cui è stato scritto, ecc., Ma anche dal momento che stiamo vivendo personalmente. Pertanto, la prima volta non mi è piaciuto affatto, tuttavia, la seconda volta ne sono rimasto abbastanza agganciato. Per questo lo consiglio, perché sono racconti che ci insegnano in un modo o nell'altro a comunicare meglio con chi ci circonda. Il mio voto: 4/5.

Sinossi

Coppie che cadono a pezzi, compagni che vanno disperatamente in un'avventura, bambini che cercano di comunicare con i loro genitori, un universo ingiusto, violento, teso, a volte ridicolo ... Nelle parole di Roberto Fernández Sastre, Carver non designa l'intollerabile, ma piuttosto lo nomina. Senza concessioni verso niente e nessuno, salva il reale nella sua essenzialità amorfa e brutale. La narrazione di Carver è così cruda che ci vuole un po 'per rendersi conto della misura in cui la totalità di una cultura e di una condizione morale è rappresentata anche dal contorno apparentemente più oscuro. Questo secondo volume di racconti è chiaramente l'opera di un maestro nel fiore degli anni.

Qualunque sia la tua scelta, speriamo di aver avuto ragione con questa raccomandazione letteraria.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

bool (vero)