Wislawa Szymborska

Wislawa Szymborska

Fontana di Wislawa Szymborska: the2banks

Wislawa Szymborska È una delle poeti meno conosciute al mondo, nonostante nel 1996 abbia vinto il Premio Nobel per la Letteratura. Purtroppo non possiamo più contare sulla sua presenza, da quando è venuto a mancare nel 2012, ma il suo lavoro continua a durare nel tempo e sicuramente ad un certo punto lo avrete incontrato.

ma, Chi era Wislawa Szymborska? Cosa ha scritto? Perché sei così famoso sia nel tuo paese che all'estero? Di tutto questo, e molto di più, è quello che saprai oggi.

Chi è Wislawa Szymborska

Chi è Wislawa Szymborska

Fonte: zendalibros

Wislawa Szymborska non è proprio il suo nome. Il nome completo di questo poeta era Maria Wislawa Anna Szymborska. È nato a Prowent nel 1923 (in questo momento è quello che conosciamo come Kórnik, in Polonia).

Suo padre era il maggiordomo del conte Wladyslaw Zamoyski, proprietario della città di Kórnik, e quando morì un anno dopo, voleva dire che la famiglia doveva trasferirsi a Torun, dove è cresciuta Wislawa Szymborska.

Era molto precoce, tanto che, a cinque anni, quando studiava a scuola, iniziò a scrivere poesie. Va anche detto che tutti nella sua famiglia erano lettori incalliti e leggevano e litigavano sui libri. Inoltre, aveva un "premio". Ed è che tutte le poesie di Wislawa Szymborska sono passate per le mani di suo padre, e se gli sono piaciute, allora gli ha dato una moneta come premio, con la quale avrebbe potuto comprare quello che voleva.

Nel 1931 dovettero trasferirsi di nuovo e, sebbene si iscrisse alla scuola del convento a Cracovia, non finì i suoi studi lì. In questo momento uno dei traumi che l'ha segnata è stata, senza dubbio, la morte di suo padre. La famiglia non si trasferì più, ma rimase a Cracovia dove, pochi anni dopo, con la seconda guerra mondiale, nel 1940, subì l'occupazione tedesca della Polonia.

A causa di ciò, I polacchi non potevano frequentare le scuole pubbliche. Ma questo non ha fermato Wislawa Szymborska che ha deciso di continuare i suoi studi e lo ha fatto in una scuola sotterranea, nel castello di Wawel. Così, nel 1941, terminò gli studi di scuola secondaria.

Due anni dopo, ha iniziato a lavorare sulle ferrovie, evitando così di essere deportata in Germania per lavori forzati. Inoltre durante questo periodo ha trascorso il resto del suo tempo facendo illustrazioni per un libro di testo inglese e scrivendo sia racconti che poesie.

La fine della seconda guerra mondiale ha aiutato Wislawa Szymborska a iscriversi all'Università Jagellonica di Cracovia, dove ha optato per la letteratura polacca ma alla fine ha cambiato la sua carriera in sociologia. Nonostante ciò, non riuscì a terminare gli studi, ma abbandonò nel 1948.

Tuttavia, durante quel breve periodo studentesco, pubblicò alcune poesie su giornali e riviste.

Wislawa Szymborska in letteratura

Wislawa Szymborska in letteratura

Fonte: abc

La prima poesia pubblicata da Wislawa Szymborska risale al 1945, in un supplemento letterario al quotidiano Dziennik Polski. Il suo titolo, cerco la parola (Szukam slowa). E questo non significava solo il suo debutto, ma anche che hanno aperto le porte alle sue poesie sui giornali e sui media locali.

Nel 1948, quando lasciò il college perché non poteva pagarlo, iniziò a lavorare come segretaria per una rivista educativa, in particolare per il giornale che le aveva dato la sua prima possibilità, Dziennik Polski. E, allo stesso tempo che era una segretaria, ha anche lavorato come illustratrice e poeta, poiché ha continuato a pubblicare poesie.

Infatti, nel 1949, aveva già la sua prima raccolta di poesie.

Poco dopo, nel '52, pubblicò un'altra raccolta di poesie, Dlatego zyjemy (Ecco perché viviamo), la stragrande maggioranza delle quali piene della sua ideologia politica. Ed è che in quel momento divenne membro del Partito dei Lavoratori Polacchi, con un grande sentimento socialista che si dedicò non solo a quella raccolta di poesie, ma anche a quella successiva, nel 1954, Pytania zadawane sobie (Domande poste a se stessi).

Ora, nonostante fosse un socialista, tre anni dopo pubblicò una nuova raccolta di poesie, Walanie do Yet (Call to the Yeti) in cui mostrava un chiara delusione e rottura con quell'ideologia comunista, e come era cambiata nel suo modo di pensare, insoddisfatta di come funzionava quel tipo di politica.

Inoltre, ha mostrato preoccupazione per l'umanità, in particolare lo stalinismo, dedicando anche una poesia a Stalin dove lo ha paragonato all'abominevole pupazzo di neve (lo Yeti). Fino a quel momento ha rinunciato al comunismo e al socialismo che ha ripudiato quelle due opere che ha pubblicato e non ha più voluto sentirle.

Quali libri ha scritto

Quali libri ha scritto Wislawa Szymborska

Devi tenerne conto Wislawa Szymborska ha iniziato a scrivere dall'età di 5 anni. Si dice che abbia lasciato più di 350 poesie scritte. Nei libri, ha scritto più di 15 poesie e prosa. Ma nonostante fosse così prolifico, non si poteva dire che fosse famoso in tutto il mondo, infatti non era così. La conoscevano un po 'nel suo paese, ma non al di fuori. Come era meglio conosciuto, era nelle altre sue opere: critica letteraria e traduzioni.

Cosi quando nel 1996 gli hanno conferito il Premio Nobel per la letteratura, Wislawa Szymborska è stata una sorpresa, sia per lei che per tutti coloro che fino a quel momento non l'hanno conosciuta. Ovviamente non è stato l'unico premio che gli è stato assegnato. In precedenza ne aveva già avuti altri, come il Premio del Ministero della Cultura polacco, assegnato nel 1963; il Premio Goethe, nel 1991; o il premio Herder e il riconoscimento come dottore onorario in lettere dall'università Adam Mickiewicz di Poznan, nel 1995.

Il 1996 è stato un grande anno per lei, non solo per il premio Nobel, ma anche perché le è stato conferito il PEN Club Prize of Poland.

Anni dopo, nel 2011, ha ricevuto uno dei suoi ultimi premi, l'Orla Bialego Order (Ordine dell'Aquila Bianca), la più alta onorificenza ricevuta in Polonia.

In Spagna puoi trovare parte della sua opera tradotta, alcuni dei libri sono:

  • Paesaggio con granello di sabbia.
  • Due punti.
  • Il gran numero.
  • Buon amore e altre poesie.
  • Posta letteraria.
  • Poesie selezionate.

Infine, ti lasciamo con una delle poesie di Wislawa Szymborska.

ANNUNCI CON PAROLE

CHIUNQUE che sappia dove si trova

di compassione (fantasia dell'anima),

"Lascialo avvertire!" Lascialo avvertire!

Fammi cantare ad alta voce

e balla come se avessi perso la testa

giubilante sotto il fragile salice

Eternamente sul punto di scoppiare in lacrime.

Insegno a stare zitto

in tutte le lingue

con un metodo di contemplazione

del cielo stellato,

le fauci del sinantropo,

plancton,

il fiocco di neve.

RITORNO amore.

Attenzione! Affare!

Nell'erba del passato,

quando, bagnata dal sole fino al collo,

menti mentre il vento danza

(maestro della danza dei tuoi capelli).

Offerte a "Dream".

Persona ricercata

piangere

agli anziani che nelle case di cura

morire. Servitevi

farsi avanti senza riferimenti

nessuna richiesta scritta.

Le carte verranno distrutte

senza ricevuta di ritorno.

PER LE PROMESSE DI MIO MARITO

—Che ti ha ingannato con i colori

del mondo popoloso, con il suo trambusto,

con un distico dalla finestra, con un cane

dietro al muro-

che non saresti mai solo

nell'oscurità, silenzioso e senza fiato.

Non posso rispondere.

La notte, vedova del giorno.

trad. Elzbieta Bortkiewicz


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Noel Perez suddetto

    Sono stato uno di quelli che l'hanno scoperto tardi e non hanno smesso di diventare uno dei miei poeti preferiti. Molte sono le poesie che mi hanno abbagliato, ma la prima che mi ha colpito è stata senza dubbio The Number Pi.