Vita e opera di Juan Rulfo

Lo scrittore messicano Juan Rulfo.

Lo scrittore messicano Juan Rulfo.

Juan Nepomuceno Carlos Pérez Rulfo Vizcaíno era un fotografo e scrittore di nazionalità messicana. Era un membro dell'Accademia messicana di lingua, uno dei membri della generazione del 1952 e insignito del Premio Principessa delle Asturie per le lettere.

In America Latina si è posizionato come uno dei migliori scrittori del XX secolo ed era un autore leggendario nel suo paese. La personalità di Juan era molto riservata; il suo lavoro Pedro Páramo segnò la fine dell'epoca della letteratura rivoluzionaria e diede inizio al boom latinoamericano.

Biografia

Nascita e famiglia

Juan Rulfo è nato il 16 maggio 1917 a Jalisco, in Messico. Suo padre era Juan Nepomuceno Pérez Rulfo e sua madre María Vizcaíno Arias, Juan proveniva da una famiglia che aveva un'economia stabile ed era il terzo figlio dei suoi genitori, poi aveva due fratelli più piccoli.

Andarono a vivere in una città chiamata San Gabriel, a Jalisco e lì la famiglia subì le devastazioni della Guerra Cristero e suo padre fu assassinato nel 1923, quando Juan aveva 6 anni. Quattro anni dopo sua madre morì, lasciando sua nonna a occuparsi di lui.

Gioventù e studi

Rulfo aveva iniziato la sua scuola elementare nella città in cui viveva. Tuttavia, nel 1929, anni dopo la morte di sua madre e poiché sua nonna non poteva tenerlo con sé, la famiglia lo iscrisse in un orfanotrofio e dovette trasferirsi a Guadalajara.

Una volta nell'orfanotrofio, Juan ha continuato con la sua formazione accademica; tuttavia, non era un posto che gli piaceva essere. Nel 1933 tentò di entrare all'Università di Guadalajara, ma a causa di scioperi generali non ci riuscì. Dopo di che è andato a Città del Messico, dove non ha potuto nemmeno iniziare i suoi studi.

Vita lavorativa

Una volta nella capitale, ha iniziato a lavorare nella segreteria del governo del Messico e ha viaggiato molto in tutto il paese, poiché gli erano state assegnate diverse funzioni per la sua posizione e doveva svolgerle. In questo periodo apprende molta cultura e pubblica diversi racconti su riviste.

Nel 1947 inizia la sua carriera di fotografo e sposa Clara Aparicio, una donna dalla quale ha avuto quattro figli. Ha lavorato nella pubblicità per l'azienda dove ha iniziato come fotografo, Goodrich; a quel tempo ha collaborato allo sviluppo del bacino Papaloapan e pubblicato presso l'Instituto Nacional Indigenista.

Citazione dello scrittore messicano Juan Rulfo.

Citazione dello scrittore messicano Juan Rulfo.

Gara letteraria

Nel 1953 l'autore ha pubblicato La pianura in fiamme e due anni dopo ha reso pubblica l'opera Pedro Páramo, quest'ultimo è stato il suo pezzo forte. Tra il 1956 e il 1958 scrive Juan Rulfo Il gallo d'oro, un romanzo che per la sua lunghezza lui stesso considera una storia. I libri di questo autore sono tra i migliori in Messico.

Il libro di diciassette racconti di Juan Rulfo e i suoi romanzi bastarono per ottenere il Premio Nazionale di Letteratura nel 1970. Quattro anni dopo si è recato in Venezuela e presso l'Università Centrale di quel Paese ha confessato di aver smesso di scrivere libri a causa della morte dello zio Celerino.

Gli ultimi anni e la morte

Un decennio dopo, nel settembre 1980, fu scelto come membro dell'Accademia messicana di lettere e pubblicò anche il suo resoconto scritto in precedenza, Il gallo d'oro. Nel 1983 è stato insignito del Premio Principe delle Asturie, attualmente chiamato la Principessa delle Asturie.

L'autore è stato diagnosticato un cancro e il 7 gennaio 1986 a Città del Messico, e morì di enfisema polmonare. Per la sua fama è stato reso pubblico Los murmullos, antologia giornalistica sulla morte di Juan Rulfo, un lavoro con necrologi associati alla sua morte.

Fabbrica

Dopo la morte dello scrittore, una delle sue opere è stata ristampata, poiché c'erano diversi errori in essa. Inoltre, è stato pubblicato un libro di storie che aveva realizzato per tutta la vita, in cui è stata evidenziata la trasformazione di Rulfo come scrittore.

Libro di storia

  • La pianura in fiamme (1953).

Contenuto

  • "Macario".
  • "Non hanno dato la terra."
  • "La pendenza dei comadres".
  • "È che siamo molto poveri".
  • "L'uomo".
  •  "All'alba".
  • "Talpa".
  • "The Burning Plain".
  • "Di 'loro di non uccidermi!".
  • "Luvina".
  • "La notte in cui l'hanno lasciato solo."
  • "Ricorda":
  • "Paso del Norte".
  • "Anacleto Morones".
  • "Non senti i cani che abbaiano".
  • "L'eredità di Matilde Arcangelo".
  •  "Il giorno del crollo."

Novelas

  • Pedro Páramo (1955).
  • Il gallo d'oro (1980, ristampa 2010).

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.