La trilogia della sposa zingara

Quando un utente di Internet cerca "la trilogia della sposa zingara", lo schermo mostra i collegamenti relativi a una storia che ha affascinato migliaia di lettori. È una serie di romanzi polizieschi iniziata con il lancio di La sposa zingara (2018). Probabilmente, gran parte del pubblico ha trovato irresistibile la combinazione del romanzo poliziesco più alcune rappresentazioni dettagliate sulla comunità zingara.

L'anno successivo fu pubblicato La rete viola, un sequel il cui sviluppo è strettamente correlato alla fine del primo libro. Invece l'argomento di Il bambino (2020) —Anche se ha lo stesso protagonista delle prime due puntate— pPuò essere compreso senza aver letto i testi precedenti.

Chi è l'autore?

I libri della trilogia della sposa zingara sono firmati da Carmen Mola, uno pseudonimo. Sul sito carmenmola.es si legge infatti: “… un autore nato a Madrid che ha deciso di restare anonimo”. Allo stesso modo, in alcuni portali letterari i riferimenti sullo scrittore parlano di un insegnante che lavora nella capitale spagnola.

Mola ha affermato più volte (tramite il suo editore) che la sua motivazione a scrivere è puramente giocosa. Nello stesso modo, Di solito menziona Fred Vargas, Toni Hill, Lorenzo Silva, Lemaitre o Alicia Giménez Barlett, tra gli altri, come le sue maggiori influenze. Per questo motivo si è orientato verso il sottogenere del romanzo poliziesco, poiché ritiene che "si evolvono contemporaneamente alla società".

Analisi della trilogia

Il protagonista

Ogni libro presenta un caso diverso indagato da Elena Blanco, protagonista dell'intera saga. È un ispettore estremamente intelligente "condito" con tutte le componenti tipiche di un protagonista di romanzo giallo. Cioè, una donna single (divorziata) con un temperamento forte in gran parte causato da un passato traumatico.

Certo, il supplizio trascinato da Blanco non è un qualunque: sospetta che suo figlio sia stato rapito dalla "rete viola" (tema centrale del secondo libro). Ulteriore, Ama il karaoke, le piace bere molto, è ossessiva e capace di "convivere" con la perversione degli assassini. Quest'ultima qualità è fondamentale per lui per chiarire tutte le incognite.

Stile

Non sono testi consigliati per persone sensibili, questo a causa del livello di crudeltà dimostrato dagli psicopatici responsabili dei crimini. È più, il sadismo è un elemento costante nelle narrazioni, con immagini brutali e persino escatologiche. A parte tutto il sangue - tanto disgustoso per alcuni lettori quanto assuefacente per altri - tutti e tre i libri sono molto ben fatti.

Profondità

Nonostante abbia un protagonista un po '"cliché" per un romanzo poliziesco, il gancio generato dai tre titoli è innegabile. La struttura breve e vertiginosa dei suoi capitoli contribuisce molto a questo. Mentre il filo narrativo principale portato dalla risoluzione dei crimini, le storie ei personaggi complementari aggiungono complessità alla trama (senza ridurne il dinamismo).

In questo senso, Zárate funge da contrappeso perfetto ed è il partner dell'ispettore Blanco. Ovviamente, la nonna hacker è il personaggio più originale dell'intera saga. Insieme, tutti i co-protagonisti e ciascuna delle sottotrame riaffermano l'interesse degli spettatori a conoscere l'esito degli eventi.

La sposa zingara (2018)

argomento

Susana Macaya appare morta un paio di giorni dopo aver festeggiato il suo addio al nubilato. Tanto per cominciare è un reato inquietante a causa dei fori praticati nella testa dell'occisa, attraverso i quali venivano introdotti i vermi. Per questo motivo, gli investigatori collegano il tortuoso metodo di esecuzione al caso di Lara Macaya, la sorella di Susana, assassinata sette anni prima.

Sebbene l'assassino di Lara sia stato trovato e imprigionato, i dubbi invadono l'intera brigata di polizia diretto dall'ispettore Elena Blanco. Hanno rinchiuso un uomo innocente? Un altro psicopatico sta ripetendo gli stessi passaggi? Un solo motivo sembra indiscutibile: la crudeltà verso le fidanzate di genitori zingari che hanno relegato le loro tradizioni per integrarle nella società moderna.

La rete viola (2019)

Trama e sinossi

È il libro nevralgico della saga, dal momento che la fine della prima puntata culmina con la ricerca più importante e intima di Elena Blanco: quella del figlio Lucas. Cosa c'è di più, La rete viola comprende infiniti crimini orrendi, comprese le questioni relative alla morte delle sorelle Macaya.

Come in La sposa zingara, i fatti acquisiscono un'inerzia più animata poco prima della metà del libro. A quel punto, il lettore è costantemente confrontato a domande sull'identità e le motivazioni dei criminali. Coloro che hanno un'audacia e un'audacia così spudorate da essere in grado di trasmettere le loro torture su Internet.

Il bambino (2020)

Home

Una volta smantellata l'intera rete viola, Elena Blanco si dimette dalla brigata investigativa per godersi la sua vita familiare. Va notato che l'ispettore in pensione appartiene a una famiglia benestante (questo aspetto contrasta con l'archetipo del detective "mondano" del romanzo poliziesco). Non a caso, possiede una casa in Plaza Mayor a Madrid.

Sviluppo un po 'prevedibile, ma ugualmente avvincente

Blanco viene nuovamente contattata dalla polizia quando uno dei suoi investigatori (Xesca) scompare misteriosamente dopo essere andato a una festa. Nello specifico, nessuno l'ha visto dopo una celebrazione dell'ingresso dell'anno cinese (quello del maiale). Là, la donna scomparsa ha incontrato un uomo piuttosto attraente, anche se un po 'sospettoso. (Fino a quel momento, gli eventi sono un po 'prevedibili, ma ...).

Xesca si sveglia legata a un letto vicino a un allevamento di maiali (la ragazza li sente). Pertanto, la festa e il macabro rito che sta per iniziare sembrano avere una sorta di relazione malata. Quel modo, inizia una corsa contro il tempo per salvare la ragazza in mezzo a un'azione frenetica ricca di passaggi inquietanti.

La fine?

L'ultima parte di La sposa zingara È un invito a continuare ad esplorare gli eventi che circondano l'ispettore Blanco. A differenza delle conclusioni di La rete viola e Il bambino, che sembrano più definitivi. Tuttavia, visto il successo editoriale di Carmen Mola, la pubblicazione di nuovi titoli con protagonista Elena Blanco non sarebbe sorprendente o anche una serie televisiva.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.