Tre scrittori russi classici in cammino verso la Rivoluzione

È rimasto ben poco per la celebrazione di centenario di uno degli eventi più importanti del secolo scorso. Il Rivoluzione d'Ottobre del 1917 in Russia è stato segnato nella storia dell'umanità. È un buon momento per rivedere alcuni dei file grandi nomi della vasta e speciale letteratura russa. Quindi andiamo prima, al XIX secolo, dove piace ai narratori Pushkin, Afanásiev o Cechov meritano sempre uno sguardo.

Alexander Pushkin - La figlia del capitano

Poeta, drammaturgo e romanziere, Pushkin è considerato il fondatore della moderna letteratura russa. Il suo lavoro è inquadrato all'interno del mossa romantica. Fu anche un pioniere nell'uso di vernacolare nelle sue opere e nei suoi mix di stile dramma, romanticismo e satira.

La figlia del capitano è una romanzo storico, anche se racconta di eventi Pushkin quasi contemporanei. È considerato come uno dei migliori della letteratura russa. È stato originariamente pubblicato in 1836 nel quarto numero della rivista letteraria Il contemporaneo y racconta nella finzione la vera ribellione di Pugachov avvenuta tra il 1773 e il 1774.

I protagonisti sono Piotr Griniov e Maria Ivanovna, la cui storia d'amore attraversa varie vicissitudini, dalla ribellione di Pugachev fino alla fine, con l'imperatrice Caterina sul trono. Assedi, lotte, amicizie e tradimenti, nemici che poi diventano amici e viceversa, duelli e salvataggi. Ma soprattutto quella storia d'amore che alla fine si concretizza.

Alexander Afanasiev - Racconti proibiti russi

Afanásiev (1826-1871) è anche conosciuto come il "Russian Grimm". È possibile che questo raccolta di storie è, accanto a quella dei fratelli Grimm, la più lunga che ci sia. Tuttavia, il suo contenuto non assomiglia ai testi dei Grimm.

I Racconti proibiti russi sono una raccolta di racconti che l'autore ha raccolto da aneddoti della classe media e inferiore della Russia del XIX secolo. Comprende racconti russi, ucraini e bielorussi ed è stato pubblicato per la prima volta tra il 1855 e il 1863. La prima copia fu pubblicata a Ginevra nel 1872, un anno dopo la morte dell'autore.

Queste storie contenuti escatologici e più pornografici che erotici, hanno anche un tocco di umorismo e anti-clericalismo, il che significava che il lavoro era censurato nella Russia zarista. Alcune delle storie (con titoli più che espliciti) che include sono: La donna e l'orso Il pidocchio e la pulce, La figa e il culo, Lava il culo!, Il matrimonio dello sciocco, Il cazzo caldo, Il primo incontro del ragazzo con la ragazza, La giovane donna eccitata, Storia del prete che ha dato alla luce un vitello, Warm me up! E così via fino a 78 storie.

Anton Cechov - Prime storie

Cechov è considerato il grande maestro russo delle favole. Era un medico, scrittore e drammaturgo ed è incluso nel più corrente psicologica del realismo e del naturalismo. Ha dominato il racconto come nessun altro ed è anche uno dei più importanti scrittori russi non solo del XNUMX ° secolo.

Dal 1879 Cechov studiò medicina all'Università di Mosca. Fu allora che iniziò a collaborare scrivendo su varie riviste. Ha anche redatto questi prime storie, apparso pubblicato sul giornale Oskolki, Giornale di San Pietroburgo. Cechov morì il 15 luglio 1904 nelle terme tedesche di Badenweiler a causa della tubercolosi all'età di 44 anni.

In ognuna di queste storie puoi apprezzare quella maestria in sfumature emotive e nel ritratto psicologico dei personaggi. Ha optato per un approccio critico nei loro testi, che sono pieno di sensibilità e senso dell'umorismo. Le sue storie, leggere e veloci nel tono, ci fanno sorridere. Ma è quando finiamo di leggere che quell'umorismo si trasforma in orrore quando capiamo che abbiamo anche assistito a un'intera tragedia della natura umana.

un po ' titoli delle storie sono: (1883) Lo specchio curvo, la gioia, la dote, La figlia di Albione, La calunnia, Nel mare (storia di un marinaio), La consultazione. (1884) La decorazione. I cantanti, Chirurgia, Dalla padella alla brace. (1885) L'uniforme del capitano, il cadavere, il cacciatore, lo scrittore, lo specchio, un cane costoso.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.