Tre classici neri. Di rapine, postini e giungle.

La domenica era il compleanno di Kirk Douglas, Dicembre 102 e in viaggio verso l'immortalità che ha già al cinema. Alla sua salute ho messo Brigata 21 (William Wyler, 1951), un classico del film noir, basato su una commedia di Broadway. Con l'insetto oscuro già in movimento e il lungo pomeriggio della domenica ho continuato La giungla di cemento per continuare a divertirsi con un altro immortale, Sterling Hayden. Subito dopo mi sono ricordato di un altro dei suoi grandi (e di Stanley Kubrick), Rapina perfetta. Lunedì toccato Il postino chiama due volte. E i romanzi originali sono venuti da me che li hanno portati al cinema. Hanno creato tre classici neri WR Burnett, Lionel White e James M. Cain. Ecco fatto.

il postino chiama sempre due volte - James M. Cain

pubblicato in 1934, passa pochissimo delle cento pagine che vanno più veloci per la sua agile narrazione e le sue azioni veloci. È lui titolo più noto probabilmente nordamericano James M. Cain, E un pietra miliare del genere noir nella sua versione hardboiled.

Narrato in la prima persona dal protagonista del romanzo, il truffatore Frank Chambers, ha ottenuto un grande successo. Ha anche suscitato scalpore nel suo tempo mescolando sessualità e violenza quello era in una storia in cui il passione, avidità e crimine formano un triangolo perfetto.

E a quella fama hanno contribuito anche le due versioni cinematografiche più note realizzate: quella degli anni '40 diretta da Tay Garnett e interpretato da John Garfield e Lana Turnere 1981, di Rob Rafelson, con Jack Nicholson e Jessica Lange come Frank e Cora. Continuerò con il primo, ma entrambi sapevano come riflettere il tono originale.

La giungla di cemento - WR Burnett

Questo e il prossimo, Rapina perfetta, sono due dei romanzi con quelli perdere contatti che sono così abbondanti nel genere e che in particolare mi attraggono di più. Potresti anche dover vedere la faccia che hai messo su di loro Sterling Hayden, qualcuno nato per incarnare nel cinema entrambi Dix manigliax, il pericoloso bullo della malavita, come a Johnny argilla, il ladro del colpo in pista.

Anche i due hanno come sfondo e trama a rapina violenta che sfugge di mano e finisce male per tutti, cervelli e collaboratori. Ed entrambi hanno un file distribuzione corallo di personaggi con le proprie storie raccontano guardando il lettore.

Nel caso di La giungla di cemento, scritto in 1949, la sua narrazione è secco, concreto e senza sentimentalismi. I personaggi ne sono pieni difetti, ma, a sua volta, mostra a fedeltà irremovibile nei confronti dei compagni, tanto che alla fine li perde. Lealtà e amore.

E con un buon testo, solo uno può uscirne adattamento cinematografico che è considerato un capolavoro del genere. L'ho firmato John Huston in 1950.

Sinossi

Edwin Doc Riedenschneider è un criminale leggendario che è appena uscito di prigione e ha un brillante piano per farlo rubare un gioiello. Per chiedere un finanziamento contattare l'avvocato corrotto Alonzo D. Emmerich, che accetta la proposta, e Doc prepara il golpe senza sospettare le vere intenzioni del suo protettore.

Per eseguire la rapina di cui hai bisogno reclutare diversi uomini come esperto di casseforti Luigi Ciavelli, al conducente Gus Minissi e il bullo Dix manigliax. Il successo è un successo e Dix e Doc portano i gioielli a Emmerich. Ma questo, fallito da una folle storia d'amore, proverà a coglierli.

Rapina perfetta - Lionel White

L'americano Lionel White ha iniziato come giornalista di eventi prima di dedicarsi alla scrittura. La sua specialità erano le storie di rapine e rapimenti. Y deve di più alla sua fama agli adattamenti cinematografici che sono stati fatti dei suoi romanzi come Taglio netto e soprattutto questo Rapina perfetta.
Come romanzo, il suo stile lo è anche secco e duro, con dialoghi taglienti. I suoi personaggi si muovono al ritmo di un destino che non controllano e questo è alleato con alcuni passioni neanche loro dominano. E tutto ha un tono di fatalità Che sai che non potranno sfuggire Tuttavia, e c'è il successo come in La giungla di cementoSempre speri che abbiano successo e ce la faccianoPossano fuggire, possano avere successo, nonostante la loro natura criminale.
Per finire, questa storia è stata presa da un maestro del genere come Jim Thompson, che ha firmato il sceneggiatura, e un altro dal cinema come Stanley Kubrick, che ha diretto in 1956 un altro di quelli capolavori del genere che contava da a prospettiva temporale e montaggio unici. E la sua messa in scena è piena di tono e immagini iconici di un cinema che non si vede più.

Sinossi

Johnny argilla È in prigione da quattro anni e lì ha preparato meticolosamente un colpito in pista Long Island, New York, dove puoi ottenere un bottino da due milioni di dollari durante la celebrazione della gara più importante della stagione.
Vuole avere collaboratori non professionisti per evitare il solito errore di questo tipo di cose: quello dei ladri finisce sempre per litigare con altri ladri. Tutti lo hanno problemi economici (perdite in borsa o nelle scommesse, debiti verso usurai, moglie esigente…) e sperano di ricominciare una nuova vita con il bottino.

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.