Thompson e Wambaugh, classici molto neri per un autunno molto caldo

Questo autunno non sta andando bene. La siccità sbarca la terra di mezza Spagna. Il nord-ovest è il pascolo delle fiamme che alcune persone senza cuore hanno appiccato sui bellissimi terreni galiziani e asturiani. Nel nord-est, anche gli spiriti generali si stanno scaldando da un po 'di tempo. E non una nuvola all'orizzonte a rinfrescare l'atmosfera. Sì, momento propizio per la fantasia più oscura del lettore più nero. E quale modo migliore che guardare il file classici più veloci.

Jim Thompson e Joseph Wambaugh sono due dei nomi acclamato e riverito del romanzo giallo nordamericano in particolare ma anche in generale. Influenzare di altri grandi del genere come l'angelino James ellroy o il vichingo Jo Nesbo nella vecchia Europa, qualsiasi amante del genere che si rispetti deve aver letto una delle sue opere. Oggi ne recensisco un paio dei suoi più rappresentativi.

Jim Thompson

Ci sono trentadue modi per raccontare una storia e li ho usati tutti, ma c'è solo una trama: le cose non sono come sembrano.

(Anadarko, Oklahoma, 1906 - Huntington Beach, California, 1977). Thompson è morto senza il riconoscimento che ha ottenuto nel tempo. Alcuni lo mettono nella Holy Trinity americana del genere a fianco droghiere y Hammett forma. È stato autore di un prolifico lavoro con 29 romanzi pubblicato e ancor più inedito. C'è una grande componente in esso autobiografico (Era il figlio di uno sceriffo corrotto che dovette fuggire in Messico e finì per suicidarsi).

Ha ritratto gli inferni che ha vissuto negli Stati Uniti nella prima metà del XX secolo con i suoi vestiti alcolismo. Viveva a malapena sulla sua letteratura, ma sui suoi articoli di giornale. Ha pubblicato il suo primo romanzo con 39 anni e ne ha scritti 12 in un anno e mezzo. Era anche nel mirino della commissione della caccia alle streghe del senatore Joseph McCarthy a cui fu denunciato nel 1951.

Tra i suoi capolavori ci sono titoli imperdibili come i due qui sotto, ma anche Notte selvaggia o La fuga, tra gli altri. Ha anche firmato due dei script scatto più famoso di Stanley Kubrick in altri due capolavori del cinema, Rapina perfetta y Sentieri della gloria.

1.280 anime

Nick corey è il tipico commissario di una piccola cittadina americana che sembra debole e molto vago, ma veramente è quel furbo che finge di essere uno stupido. Quell'intelligenza è un vero pericolo per coloro che ci circondano. Inoltre, tutte le sue azioni sono a suo vantaggio senza preoccuparsi delle conseguenze per gli altri. La mossa saggia di Thompson è ottenere un ragazzo così cattivo e senza cuore come Corey ha finito per piacerci e vogliamo che vinca alle nuove elezioni di commissario contro un rivale che è un uomo integro.

L'assassino dentro di me

Scritto in 1952, racconta la vita tranquilla a Central City, una città petrolifera nel Texas occidentale. Là Vice sceriffo Lou Ford, che tutti consideravano un uomo pacifico e affabile, ricade nella "malattia" che lo ha creato commettere un crimine nella sua giovinezza. Da allora Lou aveva voluto sembrano normali tra l'altro, ad esempio, nel suo rapporto con Amy Stanton, una ragazza di buona famiglia, come lui. Ma tutto porterà a una sanguinosa apocalisse.

È diventato un file adattamento cinematografico nel 2010 regia Michael Winterbottom e interpretato da Casey Affleck, Kate Hudson e Jessica Alba.

Joseph Wambaugh

I romanzi di Wambaugh mi hanno salvato la vita. James ellroy

Wambaugh ha compiuto 80 anni Gennaio di quest'anno. Figlio della polizia, si è arruolato nei Marines all'età di 17 anni. Dopo essersi diplomato al Chaffey College, è entrato a far parte del LAPD nel 1960, in cui trascorse quattordici anni e raggiunse sergente investigativo. È autore di diversi romanzi in cui finzione e realtà si mescolano. Tra loro ci sono anche Campo di cipolle o Il cavaliere blu.

I nuovi centurioni

È il suo primo romanzo ed è stato pubblicato nel 1971. Ci dice che il file Cinque anni di apprendistato da tre agenti di polizia di Los Angeles negli anni Sessanta. Durante questo periodo, indagano su rapine e danno la caccia a prostitute, reprimono guerre tra bande e liti familiari. Ma scoprono anche di essere ben lungi dall'essere d'accordo su ciò che ognuno intende come buono e cattivo.

Ha un ritmo vertiginoso ed è un ritratto affidabile della routine della polizia con le loro lunghe ore di lavoro d'ufficio o di pattuglia di strada. L'hanno adattato al cinema nel 1972 e hanno recitato in esso George C. Scott e Stacey Keach.

Stazione di Hollywood

Questa volta i protagonisti sono gli ufficiali del distretto di Hollywood. Svolgono la solita routine sotto l'occhio vigile del sergente di polizia soprannominato l'Oracolo. Ma quella routine cambierà quando una serie di eventi apparentemente non correlati li porterà a caso più sorprendente è successo negli ultimi anni. La tua risoluzione ti ricorderà che a Los Angeles non c'è limite all'orrore e all'estremismo.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   natxo suddetto

    Due dei miei eroi ……… ..buona relazione

    1.    Mariola Diaz-Cano Arevalo suddetto

      Grazie. Condividiamo eroi.