Il libro del mare, di Morten A. Strøksnes. Lo squalo estivo.

Fotografia di Morten Strøksnes: (c) Bjørn Ivar Voll.

Da un momento a questa parte provengono dal Nord novità editoriali che diventano fenomeni best seller o successo inaspettato presso il grande pubblico. È successo l'anno scorso con Il libro di legno, dello scrittore norvegese Lars Mytting. Adesso si tratta Il libro del mare, da un altro connazionale, Morten Strøksnes. E cos'è un'estate senza un mare o un enorme squalo, quasi una creatura mitologica, che si aggira nelle sue acque?

Pubblicato lo scorso mese di Giugno, è stato paragonato a classici come Melville o Hemingway, scambiando enormi balene bianche per mostruose Sharks, ma evocando una lotta simile a quella di Il vecchio e il mare. Diamo un'occhiata e vediamo di cosa si tratta romanzo, saggio e riflessione sull'avventura, la caccia e il rapporto dell'uomo con la natura.

L'autore

Egli nacque a 1965, Morten Andreas Strøksnes è uno storico, scrittore e fotografo norvegese. Dopo gli studi in Oslo e Cambridge, ha iniziato un ampio carriera giornalistica che include cronache, saggi, profili, colonne e recensioni per i principali giornali e riviste norvegesi come Morgenbladet. Partecipa anche a dibattiti pubblici. È l'autore di otto libriOltre rapporti letterari con grande accoglienza e apprezzamento da parte della critica. Si considera uno scrittore di viaggi.

Il libro del mare

Come curiosità

Il titolo originale in norvegese, Havboka, È lo stesso dello spagnolo, ma in inglese è stato tradotto come Squalo ubriaco, (squalo ubriaco), con un doppio significato. Da un lato, permette quell'idea di ubriachezza prima delle avventure dell'autore e di un amico per catturare lo squalo protagonista. D'altra parte, è più corretto dire che si riferisce alla specie dell'animale, a squalo boreale o groenlandese. Grande quanto uno bianco, può vivere fino a 500 anni - è una delle specie più longeve al mondo - e la sua carne contiene una tossina che produce effetti identici a quelli di una grande abbuffata.

Sinossi

L'autore Morten Strøksnes e il suo amico Hugo Aasjord, artista e marinaio, ossessionati dalla cattura di uno squalo boreale, decidono di passare un anno della loro vita a provarci. Il problema è che la loro attrezzatura non sembra adeguata. Vanno in un file gommone a motorePortano canne da pesca e, come esca, la carne marcia di una mucca.

È in attesa che appaia lo squalo quando Strøksnes riflettere sulla bellezza del luogo in cui si trovano, le Isole Lofoten. Anche sull'oceano nella sua interezza e su ciò che può evocare. Per questo, oltre a mostrare grande erudizione sull'argomento, non dimentica di mettere a tocco di umorismo. L'avventura sembra surreale, ma Strøksnes ce ne fa condividere alcune meditazioni che tutti abbiamo avuto qualche volta sull'immensità del mare e dei suoi abitanti.

Li espande anche divagando sui costumi dei pescatori, sulle scienze naturali, sull'arte, sulla mitologia, sui mostri marini, sulle navi o sulle esplorazioni. E ovviamente parla anche del suo propri sentimenti ed emozionicosì come l'amicizia.

Cosa hanno detto i critici

I critici l'hanno descritto come un saggio particolare, una miscela tra fantasia e racconto di viaggio, leggende norrene, ricerca biologica e sonno. Con le più evidenti reminiscenze, soprattutto, alle opere di Herman Melville e dei suoi Moby Dick e Hemingway e Il vecchio e il mare. Ma anche di Jules Verne.

Commentano anche che, in fondo, Non è la cattura dello squalo che spicca, ma il viaggio tra spettrale ma molto reale e vivido, per il passato di questa regione norvegese molto speciale e la sua storia naturale, i suoi mari selvaggi traboccanti delle creature più diverse e della sua gente.

E va detto che la storia ha già affascinato migliaia di lettori, tra loro, ad esempio, è certo Jo Nesbo.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.