Sottogeneri lirici

Sottogeneri lirici

Sottogeneri lirici.

I "sottogeneri lirici" sono chiamati le categorizzazioni di testi caratterizzati dall'espressione del "sé poetico" dello scrittore. Questi sono raggruppati - in base alla lunghezza delle loro stanze - in poesie maggiori e poesie minori. Allo stesso modo, è importante tenere conto del tipo di rima esistente e del numero di sillabe metriche presenti in ciascuna di esse.

Secondo quanto sopra, la forma di composizione più comune all'interno del genere lirico è la poesia, e questa, a sua volta, è espressa attraverso i versi. È necessario notare che la poesia in prosa non deve essere necessariamente respinta. Ricordati che ciò che è veramente sostanziale nel testo è la profondità e le risorse utilizzate dall'autore per trasmettere i suoi sentimenti.

Grandi poesie

Come detto, la sua principale qualità è la lunghezza delle sue stanze. Tra i più comuni, spiccano i seguenti:

La canzone

È un tipo di espressione - quasi sempre - in versi creata per essere enunciata come parte di un brano musicale. Il più grande boom della canzone lirica avvenne durante il Medioevo per mano di poeti innovativi come Francesco Petrarca (1304-1374) e Lope de Stúñiga (1415-1465).

Nel corso dei secoli, il canto lirico si è evoluto in diverse manifestazioni di natura di gruppo (solitamente integrato con la drammaturgia). Tra questi: il coro, le orchestre e l'opera. Questi sono solitamente rappresentati da tenori, soprani e cantanti la cui caratteristica principale è la profondità delle loro voci.

L'inno

L'inno è un sottogenere lirico strettamente correlato alla canzone (a causa della somiglianza degli stili interpretativi). Tuttavia, differisce da quest'ultimo per il modo in cui esalta i motivi patriottici o religiosi. In effetti, nei tempi antichi erano un modo comune di lodare le divinità.

Oggi, l'inno nazionale fa parte dei simboli nazionali —Insieme alla bandiera e allo scudo nazionale— di tutte le nazioni del mondo. Anche quegli stati non riconosciuti a livello internazionale di solito hanno il loro inno nazionale.

L'elegia

È una manifestazione lirica strettamente legata a sentimenti di lamento, malinconia, desiderio e ricordi idilliaci. Perciò, Le eleganza sono motivate dalla perdita (materiale, emotiva o spirituale) di una persona cara. Allo stesso modo, sono collegati ad altri sottogeneri lirici (la canzone, per esempio).

L'elegia è una forma di espressione lirica stabilita nell'antica Grecia. Gli elleni lo definirono con il cosiddetto metro elegiaco. Questi erano costituiti dall'alternanza di versi esametro con pentametri. Da allora, l'elegia ha trasceso praticamente ogni momento storico e politico della civiltà occidentale.

Egloga

L'eclogue è un'espressione lirica costruita attraverso il dialogo tra due o più persone. Generalmente, Questo sottogenere si manifesta in opere teatrali ambientate in campagna, dove l'azione si svolge con la conversazione tra due pastori. La maggior parte delle ecloghe più famose consistono in un unico atto e divennero molto popolari in Europa durante l'era rinascimentale.

L'ode

L'ode è un tipo di poesia carica di profonda riflessione in cui vengono esaltate le qualità di una persona, di un oggetto o di un luogo. Questo tipo di espressione lirica era molto comune nelle opere dedicate agli dei della mitologia greca antica. Allo stesso modo serviva per lodare le vittorie militari o la bellezza dei luoghi ellenici (o di alcuni personaggi).

Poi, Durante il Medioevo l'ode era di nuovo in auge grazie ad intellettuali come Fray Luis de León. Inoltre, l'attuale inno dell'Unione Europea è il Inno alla gioia composta da Ludwig van Beethoven (Sinfonia n. 9). Da chi, a sua volta, è stato ispirato Inno alla gioia (1785) del poeta tedesco Friedrich von Schiller.

La satira

La satira è un sottogenere lirico la cui validità è stata perpetuata fino ai giorni nostri grazie alle sue poesie burlesche e alle sue frasi graffianti. La sua origine risale all'antica Grecia. Anche se, le satire più ricordate in lingua castigliana furono create alla fine del Medioevo.

inoltre, la satira divenne un modo "accettato" di criticare la società e l'ordine stabilito. A tal fine, le risorse più utilizzate nella satira sono il sarcasmo e l'ironia, sia in prosa che in versi. Queste caratteristiche sono evidenti in due grandi autori appartenenti alla cosiddetta età dell'oro spagnola:

Frase di Félix Lope de Vega.

Frase di Félix Lope de Vega.

Poesie minori

Seguendo l'ordine delle idee sollevate, continuano le composizioni di minore estensione. Si distinguono:

Madrigale

Alcuni studiosi considerano il madrigale come una variante della canzone. Tuttavia, il madrigale presenta linee guida molto specifiche che lo differenziano da altre manifestazioni liriche. Tra questi, il più rilevante è che il suo numero di versi non può essere maggiore di quindici. Inoltre, questi, metricamente, devono essere eptasillabi ed endecasillabi.

Si tratta quindi di brevi composizioni con temi legati all'amore o dialoghi pastorali. Uno degli esempi più significativi del madrigale in lingua spagnola è Madrigal al biglietto del tram del poeta e drammaturgo spagnolo Rafael Alberti.

L'epigramma

Si distingue per il suo stile arguto, tagliente e pungente, quindi è considerato molto simile alla satira. Tuttavia, differisce da quest'ultimo per essere più breve (comunemente, consiste di due versi) ed enuncia un unico sentimento trascendentale. L'epigramma ha avuto origine - come la maggior parte dei sottogeneri lirici - nell'antica Grecia, la sua parola significa "sovrascrivere" (in pietra).

Gli elleni li posizionavano agli ingressi di importanti edifici o alla base di statue e mausolei. Il loro scopo era commemorare un evento storico o celebrare la vita di una persona. Successivamente, gli epigrammi sulle lapidi furono ribattezzati "epitaffi". Tuttavia, sono stati scritti alcuni epigrammi per riflettere alcune preoccupazioni del tempo.

Haiku

Jorge Luis Borges.

Jorge Luis Borges.

È un tipo di composizione poetica tradizionale dal Giappone. Si caratterizza per i suoi temi di esaltazione della natura e la sua struttura di tre versi di cinque, sette e cinque sillabe, in sequenza, priva di rima. Tra gli haiku più conosciuti in spagnolo ci sono i 17 inclusi nel libro L'ammontare ( Jorge Luis Borges. È anche necessario menzionare il libro Haikus Corner (1999) di Mario Benedetti.

Altri sottogeneri lirici noti

  • La letrilla: è una breve poesia con un ritornello che ha lo scopo di essere cantata.
  • Epitalamio: breve composizione lirica scritta per un matrimonio.
  • Escolión: manifestazione lirica di breve durata, creata in modo improvvisato nel mezzo di banchetti o feste dell'Antica Grecia, recitata da uno o più cantanti (che si alternano). È caratterizzato dai suoi giochi di parole e dall'introduzione di elementi come gli indovinelli.

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   juan carlos cululen cruz suddetto

    grazie mi hai aiutato molto

bool (vero)