parliamo Storie di scienza con il suo autore, Fernando del Álamo

Fernando del Alamo risponde alle domande di questa intervista con la stessa concisione (e volontà esplicativa) con cui affronta il compito di scrivere i suoi post sul blog. Storie di scienza è un sito principale per gli appassionati di curiosità, biografie e aneddoti legati al campo scientifico. Dai testi ivi raccolti nel tempo, il Libro omonimo, auto-pubblicato.

Il tempo trascorso da allora è più che sufficiente perché l'autore parli con sufficiente prospettiva del desktop publishing, e anche del rapporto dei blog con il libro stampato, delle motivazioni personali che lo portano a svolgere il suo lavoro o dei motivi che lo perché qualcuno della scienza decide di dedicarsi alla divulgazione.

Cosa ti ha portato a iniziare a scrivere di scienza?

È un argomento che mi appassiona da sempre. Da giovane amavo parlare di questi problemi con gli amici. Alcuni ridevano dicendo che mi piacevano le cose strane, ma c'erano altri che facevano più domande. Il blog non è altro che un riflesso di quella passione: parlare dell'argomento di cui mi è sempre piaciuto parlare di più.

Non sarei in grado di scrivere su un altro argomento.

laboratorio

Foto di Eduardo Izquierdo.

È noto che la coerenza nel blogging non è sempre facile da mantenere. Ecco perché vale la pena parlare di motivazioni. Dalla prima voce molto tempo fa. Continui a scrivere per gli stessi motivi di quando hai iniziato?

Quando ho iniziato a fare il blog, volevo solo avere un posto dove scrivere curiosità sulla scienza e sui suoi personaggi o che avevano attirato la mia attenzione, sia per la loro ironia, il loro contenuto, sia perché potevano insegnarci a vedere come queste persone recitato e la loro forza. del suo carattere.

Il blog mi ha dato l'opportunità non solo di farlo, ma di leggere i commenti di molti lettori. Ho incontrato persone che avevano preoccupazioni molto simili alle mie e ragazzini che mi hanno scritto e-mail dicendomi che si sarebbero dedicati allo studio delle scienze perché il mio blog aveva finito di convincerli. Ho scoperto che spingeva le persone a cercare più informazioni da sole. Poteva influenzare le persone e rendere la scienza una parte della sua vita. È qualcosa che mi riempie di orgoglio e soddisfazione.

Ma ho anche incontrato persone che credono effettivamente che la Terra abbia 6000 anni o che affermano sottigliezze come "La teoria dell'evoluzione è solo una teoria" o "Non è provata".

Questo mi ha fatto capire che il mio compito non è solo quello di condividere il mio gusto per la scienza, ma di diffonderlo al meglio delle mie capacità. Devo far capire alle persone che sbagliano o, almeno, che se non credono di esserlo, è perché l'hanno dedotto in quel modo, non perché gliel'hanno detto gli altri.

Non voglio che le persone credano per sempre a ciò che sentono o leggono. Nemmeno quello che dico loro. Voglio che leggano, imparino, familiarizzino con la scienza, conoscano i loro personaggi, come si sono comportati e le loro motivazioni e preoccupazioni, le loro discussioni e dibattiti, la loro rabbia, ecc. E una volta che hanno tutte quelle informazioni a portata di mano e sono immersi in tutto; quindi forma la tua opinione.

Quindi oggi faccio lo stesso di quando ho iniziato, ma per motivi diversi.

Ti consideri un narratore o un divulgatore? Sebbene potrebbero non essere termini incompatibili ...

Divulgatore. Non pretendo di spiegare cosa è successo, senza di più; ma per trarne qualche vantaggio o idea e approfittare della circostanza per poter spiegare qualsiasi curiosità della scienza o il comportamento umano degli uomini di scienza.

Secondo la prefazione al suo libro Storie di scienzaSpiegare la scienza è come essere innamorati: "vuoi spiegarlo a tutti" (per citare Carl Sagan). ¿Storie di scienza un libro è accessibile a tutti? La scienza può essere spiegata senza formule o espressioni complicate?

Almeno il libro va con quell'intenzione. Afferma che può essere letto sia da una persona con poca formazione che da un laureato.

Credo che la scienza possa essere spiegata in un linguaggio accessibile a tutti. Succede che per giungere ad alcune conclusioni a cui è giunta la scienza, si debbano fare ragionamenti molto complessi. Tale ragionamento dovrebbe essere lasciato agli specialisti. Ma tutti possiamo capire le conseguenze a grandi linee anche se non conosciamo i dettagli.

D'altra parte, devi anche inserire alcune formule. Non penso che mettere una formula sia un male per definizione. Il problema è che queste formule hanno un significato, un significato e delle conseguenze, e molti non lo spiegano con la dovuta chiarezza. Devi raggiungere una via di mezzo dove tutto ha il suo contributo.

E la scienza? Chi può spiegare la scienza? Confesso che chiedo con l'intenzione di non alimentare l'argomento, ma al contrario, di conoscere in prima persona l'opinione di qualcuno nel cui lavoro questi due blocchi di conoscenza si intersecano: è o di lettereo di Scienze?

Non credo che ci sia contraddizione tra scienza e lettere. Ciò che esiste è una certa fobia di coloro che sono da una parte verso i problemi dell'altra e che la fobia della scienza è più socialmente accettata della fobia delle lettere. Ciò che serve sono buoni disseminatori sia da una parte che dall'altra. Ho incontrato cattivi insegnanti sia di matematica e fisica che di storia e lingua.

Devono esserci persone che spieghino le cose senza mezzi termini e si mettano nei panni di chi ascolta.

La tendenza a passare da un blog all'altro sembra guadagnare seguaci anche tra gli scrittori affermati. Recentemente si è saputo che un compendio dei post del blog Saramago sarà messo in vendita su carta. In questo senso, vale la pena chiedersi: i blog impongono un record, uno stile, un modo di scrivere? Sono sostituti del libro stampato? Come affronta un autore il passaggio dal blog al libro?

Bisogna riconoscere che un blog è uno stile diverso dal solito libro. Non puoi scrivere un romanzo in un blog, a meno che non sia in piccoli capitoli, ma qualsiasi blog prima o poi può essere un libro. Credo che un blog non sostituirà mai un libro stampato. Almeno, a patto che i computer non abbiano le dimensioni di un libro.

Per quanto riguarda come avviene il passaggio da blog a libro, credo sia il passo naturale per tutti coloro che scrivono un blog il cui tema centrale non è l'opinione o l'attualità. Gli articoli su un blog di scienza, storia o curiosità non sono una moda passeggera; Voglio dire che non hanno una data di scadenza.

D'altra parte, autori famosi come Saramago che scrivono un blog non hanno problemi a modificare i libri. Qualunque cosa scrivi, quasi sicuramente avrai successo. Almeno le vendite.

In effetti, gli scrittori affermati hanno molti servizi rispetto ai neofiti, anche per pubblicare. Il suo libro è auto-pubblicato. Cosa ti ha portato a una scelta del genere?

Non dover essere d'accordo con nessuno, non dover cercare qualcun altro per giudicare ciò che ho scritto. Ho fatto un libro e volevo che il lettore lo vedesse in quel modo, senza filtri o modifiche.

Il tuo libro ha un ISBN? È qualcosa di molto fastidioso in relazione al desktop publishing?

Sì, il libro ha un ISBN. È gratuito, anche se non è stampato nel libro stesso (ho ricevuto l'ISBN dopo che è stato pubblicato). Tuttavia, anche io non ho avuto problemi mentre non l'ho fatto. L'unica cosa che non va con il desktop publishing è che non viene venduto nelle librerie.

Hai pensato a un secondo libro? Opteresti anche per il desktop publishing?

Sì, un secondo libro è in preparazione e sicuramente opterò anche per il desktop publishing. Penso che gli editori non siano interessati alla cultura editoriale, ma ai libri che vendono molto per ottenere più vantaggi, meglio è.

La ringrazio molto, Fernando.

È stato un piacere.

Storie di scienza possono essere acquista al prezzo di 15,71 euro nella libreria virtuale Lulu. Ci sono più informazioni in un post sul blog omonimo.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.