Recensione: «La gazza nella neve», di F. Javier Plaza

Recensione: "La gazza nella neve", di F. Javier Plaza

Un paio di mesi fa te ne ho parlato Gazza nella neve, il primo romanzo di  F. Javier Plaza, pubblicato da Editoriale Ade. Sono passate un paio di settimane da quando ho finito di leggerlo. E se non mi sono incoraggiato a fare la recensione prima, è perché non mi sono ancora completamente ripreso dall'impressione che questa storia mi ha lasciato.

Gazza nella neve Si svolge nell'arco di 7 giorni, nella Parigi più artistica della fine del XIX secolo. In quei giorni conosciamo Camille, la sua protagonista, un giovane di buona famiglia che vuole diventare soprattutto pittore, ma i cui impegni familiari non gli rendono facile. Scopriamo chi è, tutta la sua storia e quella di chi lo circonda, i suoi sogni, i suoi desideri, le sue ambizioni. Ma anche le sue frustrazioni, i suoi legami, i suoi dubbi, le sue paure. Plaza entra nella mente di Camille come pittore, come uomo, come figlio, come amante, come artista, come un giovane che vuole combattere il proprio destino per ritagliarsi il proprio, ma ci riesce solo parzialmente.

direi che Gazza nella neve è un romanzo narrato come un libro di memorie. In prima persona, Camille racconta i suoi ultimi giorni a Parigi, prima di tornare alla casa di famiglia, dove dovrà adempiere ai suoi obblighi di figlio maggiore, tra cui sposare la sua fidanzata.

Tuttavia, quello che a prima vista sembra un diario, a poco a poco acquisisce quella forma di ricordi, quando inizia a percepire che è scritto dal futuro. E man mano che se ne accorge, il lettore può rendersi conto che tutti i sogni di Camille possono rimanere solo in quello, nei sogni, tra loro, tornare nuovamente a Parigi in primavera per esibirsi con gli impressionisti in un importante appuntamento pittorico.

Per me quel dubbio, quel sentimento, si sono trasformati in pura agonia. Tanto che ho fatto qualcosa che non avevo mai fatto in vita mia. Ho smesso di leggere il libro fino a un capitolo dalla fine per diversi giorni perché non potevo sopportare il dolore di scoprire che il finale che avevo anticipato da tante pagine fa poteva accadere.

Plaza riesce a creare un personaggio con cui è molto facile entrare in empatia. Nonostante sia un donnaiolo e persino un ipocrita - nel modo in cui ritrae gli uomini dell'epoca, niente di insolito, d'altra parte - Camille ha un sogno e combatte per questo. È un prodotto del suo tempo che vuole uscire dagli schemi, ma le sue convinzioni sono coerenti e deve lottare contro se stesso. Il dovere verso gli altri e verso se stessi innesca in lui una lotta mentale da cui emergono idee e riflessioni interessanti.

Ispirazione parigina

Javier Plaza è un amante della pittura. L'impressionismo è il suo movimento pittorico preferito. E puoi vederlo. La passione che emerge dalle pagine di Gazza nella neve descrivendo un dipinto o una scena che uno dei personaggi pensa di dipingere, ho persino chiesto all'autore del libro se quei dipinti esistessero davvero.

Ma no. Tranne l'immagine Gazza nella neve di Monet, poche sono le immagini reali menzionate nel romanzo. Javier mi ha detto che parla di questi ipotetici dipinti pensando a ciò che "un pittore potrebbe trovare interessante per il suo lavoro", e che ha cercato di entrare nella sua testa come gli accade quando gli succede qualcosa o vede qualcosa e pensa "che potrebbe dare per un testo scritto ».

Mi è piaciuto un dettaglio che mi ha raccontato sul personaggio di Camille che, sebbene non si ispiri a nessun personaggio reale, Plaza gli ha dato quel nome in omaggio a Camille Pisarro, uno dei suoi pittori preferiti. In effetti, la tela preferita di Plaza è proprio Pissarro, Boulevard de Montmartre al tramonto. Ed è proprio a Montmartre che si svolge la storia principale.

Un'altra curiosità degna di nota è l'ispirazione degli altri personaggi del libro, Yves e Victor, importanti pittori con cui Camille fa amicizia e che hanno scoperto per lei l'impressionismo. Plaza che diceva che Yves si ispira a Toulousse Lautrec, sebbene la vita del pittore, soprattutto nei suoi ultimi anni, fosse piuttosto degradata e drammatica, e ha rimosso ogni traccia di tragedia dal personaggio di Yves per renderlo gioioso. Victor ha le fattezze di Pisarro.

Questi due personaggi accompagnano Camille per rappresentare le due personalità antagoniste dell'artista. Yves è l'artista assente e bohémien del suo tempo che vive solo di pittura e di notte. E Víctor è l'artista sereno, orientato alla famiglia, con preoccupazioni sociali.

Il corpo passa e la gloria rimane

Questa frase è detta da Yves a Camille. Il dubbio se Camille realizzerà o meno il suo sogno è già più che evidente quando Yves pronuncia queste parole. Anche se la frase viene rilasciata dal pittore come uno che non vuole la cosa, tra scherzi e scherno, la verità è che l'idea è davvero profonda.

Quando mi sono imbattuto in questa frase è stato quando mi sono reso conto della tragedia che stava arrivando: la differenza tra attraversare la vita e morire, o vivere e rimanere nella memoria per sempre. Ricorderò questo libro per molte cose, ma so che questa idea sarà sempre con me.

Ci sono molte ragioni per cui vale la pena leggerlo Gazza nella neve, ma se dovessi sceglierne solo uno, sarebbe sicuramente vivere questa frase.

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.