Scrittori già dimenticati

Sembra quasi paradossale. Ho sentito lo scrittore occasionale dire che una delle sue motivazioni quando scrive è lasciare qualcosa per i posteri, in modo che rimanga dopo la sua morte. Cioè, scrivono in parte con un certo gesto vanitoso e narcisistico (che è rispettabile) in modo che dopo la loro morte, qualcosa di loro, qualcosa di lui o lei durerà per sempre, e in un certo modo, saranno ricordati per questo . E tornando alla prima frase che ho scritto, suona quasi paradossale, perché l'articolo che vi porto oggi è curiosamente di 2 scrittori americani e uno scrittore austriaco già dimenticato.

Potrei citarne qualcun altro, ma già il mio compagno Alberto Piernas ha fatto molto bene in questo articolo che consiglio, dove cita altri 5 scrittori dimenticati. Nel mio caso, vi porto un po 'della vita e del lavoro di questi 3 scrittori americani di cui a malapena ricordiamo: Vicki Baum, Erskine Caldwell e Pearl S. Buck.

Chi era Vicki Baum?

Vicki Baum (1888-1960) era austriaca di nascita, ma l'orrore nazista la portò a trasferirsi presto negli Stati Uniti, dove morì anche lei. Sai chi era Greta Garbo, vero? Ebbene, è lui che ha dato vita cinematrograficamente parlando a un personaggio del suo libro "Grand Hotel". L'autrice ha scritto alcuni romanzi, la maggior parte dei quali relativi ai suoi viaggi e incontri.

Era tanto interrogato e criticato quanto lodato. Una parte dei critici pensava che la sua opera letteraria fosse banale e pigra, tuttavia l'altra parte diceva di lei e dei suoi scritti che erano forti e dotati di una grande personalità.

Erskine Caldwell

Questo scrittore nasce in Georgia nel 1903 e muore nel 1987. È conosciuto soprattutto per la sua celebre opera "La trama di Dio" (1933)situato tra il gotico meridionale e la letteratura militante. Quello che accadde a questo autore, ed è per questo che oggi non è così conosciuto, è che all'epoca fu messo in ombra da altri due grandi autori dell'epoca: William Faulkner e John Steinbeck.

Non ha avuto alcun impatto sulla sua giornata né successivamente ha avuto su di lei. Fu ristampato dall'editore Navona ma senza molto successo.

Perla S. Buck

Il caso della scrittrice americana Pearl S. Buck (1892-1973) è ancora più sconcertante, poiché almeno ha vinto il Premio Nobel per la letteratura nel 1938.

Pearl ha trascorso 40 anni della sua vita vivendo in Cina. Dal paese orientale ha tratto infinite influenze per le sue opere e la sua qualità è stata riconosciuta con questo Premio Nobel per la letteratura. È stato pubblicato per molti anni ma è arrivato un momento in cui hanno smesso di farlo, in un modo del tutto inspiegabile. Fino ad oggi, nessun editore spagnolo ha preso in considerazione questo scrittore per farlo di nuovo.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

3 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Manuel Augusto Bono suddetto

    Non solo non li ho dimenticati, ma a volte li rileggo, soprattutto quella magnifica scrittrice che era Pearl S. Buck.

  2.   Monica suddetto

    Ho avuto la fortuna di trovare un libro di compilation di romanzi di Pearl S. Buck in un negozio dell'usato poco fa e sembra fantastico. Grazie per aver ricordato questi scrittori. Non conosceva Baulm e Caldwell.

  3.   Sergio Camargo suddetto

    Erski e Caldwell: un'opera isolata nel sud del Nord America, con polvere di strade, razzismo concentrato e un grande copione personale. Congratulazioni.