Editor, scrittore ... Questi 10 suggerimenti possono sempre aiutare

Quelli di noi che scrivono o scrivono regolarmente devono tenerlo a mente alcune raccomandazioni tanto necessarie. Sono loro che ci aiutano gestire le nostre idee e il nostro discorso metterli in ordine ed esprimerli nel modo più chiaro possibile. Ovviamente, la scrittura creativa non è la stessa cosa della scrittura di contenuti com'è. I lettori e i media possono essere diversi, così come il messaggio. Ma questo 10 consigli Possono essere applicati a qualsiasi aspetto della scrittura, adattandoli a loro, ovviamente. Vediamo cosa sono. Possiamo aggiungere altro? 

1. Scriviamo quando abbiamo le idee chiare.

Forse è la cosa più importante. Evidenzia la prima idea o classifica quelli che sorgono per noi per svilupparli in seguito e renderli chiari. E naturalmente abbiamo a portata di mano dal dizionario a qualsiasi altra risorsa di consultazione per risolvere i dubbi linguistici, semantici o ortografici che possono sorgere. Ne troviamo molti su Internet come il RAE, la Dizionario panhispanic, la ho fondato, la Instituto Cervantes e pochi altri.

2. Più leggi, meglio sarà scritto.

E in questo penso sia i lettori che gli scrittori sono d'accordo. Né è un'attività che ci manca perché sicuramente la facciamo sempre. Se non è per necessità, è per dovere o per svago. Il punto è che oltre al atención per il contenuto, mettiamolo anche in modo.

3. Il miglior ordine di una frase è quello logico: soggetto, verbo e complementi.

Sappiamo già quanto sia ricca, ampia e malleabile la nostra lingua. Le sue figure, i suoi giri e la sua flessibilità, ma a Cesare quello che è di Cesare e a Insegnante di Yoda che cosa è il Maestro Yoda. È molto più facile mantenere l'ordine logico di una frase.

4. Teniamo presente a chi ci rivolgiamo e chi ci legge.

Ovviamente i lettori di questo blog non sono gli stessi di Paulo Coelho, Kafka, il Marchio o il report di bilancio del reparto contabilità. Nemmeno noi lettori mettiamo gli stessi occhi su questo articolo su Cenerentola quando lo leggiamo ai nostri figli. Anche influenzare fattori sociologici e culturali che possiamo supporre di quel lettore. Quindi prima di tutto quello linguaggio chiaro, semplice e accessibile per tutti, senza dimenticare una certa qualità, ovviamente.

5. Attenzione con l'uso della voce passiva.

da contagio dell'inglese, È comune vedere come il gregge giornalistico di questo paese ami usare la voce passiva nei titoli, nelle introduzioni o nel contenuto dei loro articoli. Ma si scopre questo nostro linguaggio lavora nella voce attiva, cioè, sono i soggetti che sono rilevanti, non gli oggetti. Cerchiamo di essere i protagonisti dell'azione, che non ci raggiunga.

6. Salviamo le frasi lunghe. Tendono a essere confusi.

Alcuni di noi hanno questo hobby pericoloso e io includo me stesso. Come scrittore creativo tendo a quelle lunghe frasi che a volte posso padroneggiare ea volte non così tanto. Tuttavia, diciamo che scrivendo un romanzo ci diamo più libertà nello stile o ciò che vogliamo esprimere ha bisogno di lunghezza. Ma durante la scrittura dobbiamo cercare di essere precisi e arriva al punto. Controlliamo quei subordinati, quelle apposizioni e quelle circonlocuzioni. O non usciamo con loro.

7. Cerchiamo di evitare un eccesso di aggettivi.

A volte ci lasciamo trasportare dall'emozione, delusione o rabbia e continuiamo a denotare o connotare. Quando scrivi contenuti, devi cerca di allontanarti un po 'dalla soggettività intrinseco che abbiamo.

8. Non innamoriamoci tanto dei nostri testi. Mettiamo una distanza.

Lo facciamo tutti meravigliosamente bene e lo sappiamo. Inoltre, ce l'hanno detto. Inoltre, ci abbiamo creduto. Abbiamo scritto un articolo tondo, davvero buono. In realtà, lo facciamo sempre. Forse una giornata è più breve o ci è costata di più o ci piace meno l'argomento, ma non falliamo. Abbiamo un tocco, un regalo. Siamo nati con una matita tra le dita, una tastiera sotto le ascelle. Nessuno è uguale a noi creare parole e metterle insieme. Alcuni sono chiamati bacheca. A noi, insegnanti. Bene quello.

9. Non abbiamo paura di cancellare.

Ciò che resta, ciò che non torna, ciò che non lo è, ciò che non suona un campanello. Tutti quelli componenti aggiuntivi che non forniscono Niente. È complicato. Il pleonasmi fanno parte della nostra vita e ora, nella prevalente correttezza politica e linguistica, il eufemismi sono il nostro pane quotidiano. Ci siamo caricati di divisione dei generi (non facciamo più sesso) e soluzioni abitative. Abbiamo dovuto imparare a convivere con loro, ma possiamo risparmiarci un sacco di paglia. Se vogliamo, ovviamente.

10. Rileggiamo, rivediamo e correggiamo.

E di nuovo. Senza stancarsi. E se possiamo, la cosa fondamentale è lascia passare un po 'di tempo dopo una prima rilettura. Appare sempre un errore di battitura, una parola che avevamo interiorizzato ma non messo, una punta insidiosa. Potrebbero volerci pochi minuti o un giorno, ma proviamolo. Ne trarremo vantaggio di sicuro.

E allora? Possiamo aggiungere altri suggerimenti?

fonte: Cálamo e Cran


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

4 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Francesco Flix Langa suddetto

    Buongiorno Mariola,
    Come sempre, adoro il tuo blog (forse perché è semplice, vicino). Devo ammettere che non sempre ho tempo per leggerlo e mi manca la tua nuova entrata. Sono in procinto di cercare un lavoro e questo mi sorprende, sono ossessionato dall'idea di rendere intensi i giorni di ricerca. Penso di non essere ancora riuscito a trovare il contatto di cui ho bisogno e devo ottenerlo. È questione di impegno? Beh, nessuno mi batte su questo (sono un atleta). Scusa, come ti ho già detto ... ne sono ossessionato.
    Il tuo consiglio è molto adatto. Continuerò con 8. "Non innamoriamoci così tanto dei nostri testi". Forse perché è quello che colpisce tutti gli altri.
    Grazie mille, Mariola. Ti seguo, sai, ma non quanto vorrei: la mia realtà mi costringe a stare con i 5 sensi in quello che ora mi colpisce di più. Risolviamo prima questo e poi la scrittura, la lettura e tutto quell'universo di lettere e racconti che aspettano di essere scoperti come le stelle, nel cielo delle nostre menti, arriveranno, cercando di catturare l'attenzione di occhi che guardano solo il suolo .
    Un abbraccio.

    1.    Mariola Diaz-Cano Arevalo suddetto

      Ciao Francesc. AL non è il mio blog, siamo diversi colleghi redattori, ma grazie per gli aggettivi qualificanti che dedichi. E ancora grazie per averci seguito.
      So che ci sei e lo so già per prime perché capisco bene la situazione in cui ti trovi. La cosa buona è che prendi quei minuti per leggere ogni giorno. Quindi forza, tanto coraggio e tanta forza e un giorno ci dedicheremo alla letteratura.

  2.   Ana Maria Garcia Yuste suddetto

    Ciao signorina. Sono il Floro e scrivo, insieme ad altri colleghi, sul blog elabrigodepuas.es di Ana Mª García Yuste. Mi piacciono molto i suoi consigli ma ce ne sono alcuni che non so come farò perché non credo di aver padroneggiato le frasi lunghe, anche se barrando sì, quella è umile e conosce quella deve rimuovere ciò che è stato scritto erroneamente. Per il resto, a parte gli aggettivi e la voce passiva, mi sembra di controllarla anche io, soprattutto soggetto, verbo e complemento poiché, quando scrivo, sono molto riflessivo. Non voglio più intrattenerla. Hai un bellissimo blog. Tanti baci

    1.    Mariola Diaz-Cano Arevalo suddetto

      Grazie per le tue parole, ma questo blog è di AL e siamo pochi editori che lavorano su questi articoli, eh eh.